Piano regolatore generale: “Comune inadempiente. A rischio diffida o commissariamento”

Secondo il leader di Orgoglio Siciliano “è sotto gli occhi di tutti che la giunta Capizzi sta bloccando la città

Monreale, 22 luglio – “Abbiamo inviato una nota informativa al comune di Monreale diversi mesi fa stante i gravi ritardi nella adozione del piano regolatore generale. Il comune non ha risposto. Stiamo valutando la adozione di provvedimenti sanzionatori o sostitutivi”. È quanto emerge dagli uffici dell’Assessorato regionale al territorio che sta monitorando da tempo l’azione del Comune di Monreale nella predisposizione dello strumento urbanistico.

“È gravissimo –  ha dichiarato Salvino Caputo commentando la notizia – che su temi fondamentali come lo sviluppo urbanistico della nostra città vi siano ritardi e disattenzioni”.
Mi rendo conto che si tratta di aspetti complessi ma non è consentito all’amministrazione comunale di non prestare attenzione allo sviluppo urbanistico del territorio. Così come ritengo grave che vengano disattesi i controlli da parte della Regione la cui collaborazione è fondamentale”.

Secondo il leader di Orgoglio Siciliano “è sotto gli occhi di tutti che la giunta Capizzi sta bloccando la città”. Il bilancio che non è stato ancora sottoposto alla Giunta, il comune sotto l’aspetto finanziario commissariato, il silenzio assoluto sulla area artigianale di Aquino, la Corte dei Conti che ha paventato l’allarme dissesto finanziario sono fatti emblematici dell’immobilismo dell’amministrazione secondo Caputo.

“Un’amministrazione paralizzata da lotte intestine – conclude – per l’occupazione di poltrone e incarichi. Mi stupisce il silenzio dell’opposizione che si espone su fatti marginali ma non si impegna su temi strategici per la nostra città”.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.