Oggi è 26/04/2019

Antimafia e legalità

Via d’Amelio, nato il 19 luglio

Oggi quando guardo ad un 20enne mi chiedo: ma chi può ascoltare? Chi sono i suoi punti di riferimento?

Pubblicato il 19 luglio 2016

Via d’Amelio, nato il 19 luglio

Sono nato nel 1975 ma la mia venuta al mondo da cittadino ha una data precisa: 19 luglio 1992. Quel giorno lo ricordo come fosse ieri. Tutta la mia generazione è cresciuta con le immagini di via D’Amelio devastata da quell’autobomba trasmesse dalla Tv.
Tutti noi ricordiamo quel “E’ tutto finito, è tutto finito”pronunciato da Antonino Caponnetto.

Chi sta leggendo queste parole probabilmente è diventato grande con la foto di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, scattata da Tony Gentile, a scuola, in ufficio, a casa.
A scuola nessuno mi aveva parlato di mafia. Non lo avevano fatto nemmeno i miei genitori. Nelle nostre città del Nord non c’erano strade dedicate a Peppino Impastato o a Gaetano Chinnici. La mafia era roba loro, una questione meridionale.

Ma quel 19 luglio svegliò ciascuno di noi dal torpore. Da quel pomeriggio nulla sarebbe stato più come prima. Al Nord erano gli anni di Tangentopoli: quell’Arnaldo Forlani che anni prima, da bambino, avevo visto con il petto in fuori sulla piazza del mio paese, lo ritrovavo con la bava alla bocca sugli scranni del tribunale.Gherardo Colombo, Antonio Di Pietro, Ilda Boccassini, Saverio Borrelli, erano i nostri “eroi”.

Eravamo assetati di giustizia, convinti che il nostro Paese non sarebbe mai stato più uguale. E con noi giovani c’erano Rita Borsellino, Antonino Caponnetto, Gian Carlo Caselli e altri che incontravamo negli oratori, nelle parrocchie, nelle scuole, nelle biblioteche.

In uno di questi incontri al Sermig di Torino, Rita Borsellino mi disse: “Se vieni a Palermo ti aspetto in via D’Amelio, al civico 19. Io abito ancora là”. Da quell’anno non ho mai smesso di tornare in quella strada il 19 luglio. E con me c’erano tanti altri giovani che hanno fatto camminare (meglio di me) le parole di Borsellino e Falcone sulle loro gambe.

Cristina, è una di questi. A 13 anni era in via D’Amelio. Arrivava dal Veneto ma aveva sentito quell’appello. Desiderava fare il magistrato, come loro, come i “suoi” Paolo e Giovanni. Oggi ha realizzato il suo sogno e svolge il suo compito proprio in Sicilia. Paolo, come spesso ripete la sorella, “mi accorsi che era diventato patrimonio di tutti”. E’ stato così. Un patrimonio che faceva parte anche di quei giovani che scesero in piazza per il Social Forum di Firenze e al G8 a Genova. Era un’altra Italia. Era l’Italia di chi è nato nel 1992.

Il resto è la storia di un’Italia che non è cambiata.
Sono cambiati gli italiani ma la pelle della politica, dei politici, è rimasta la stessa. Abbiamo avuto l’impressione che il 19 luglio non fosse servito, che Tangentopoli fosse da archiviare. In via D’Amelio sono tornati per anni i politici a fare la loro passerella: ho visto passare da quella strada Silvio Berlusconi che chiedeva al citofono a Rita Borsellino come si può combattere la mafia;Walter Veltroni e Dario Franceschini in tempo di primarie;Totò Cuffaro e Clemente Mastella. Quest’anno tocca a Rosy Bindi.

Restiamo noi, nati nel 1992, con un compito, con una responsabilità: non archiviare quel 19 luglio. Non lasciarlo ad un ricordo. Non leggerlo sul libro di storia. Non lasciare che sia solo un rito. Ognuno di noi, ancor più chi ha il compito di educare, ha il dovere di passare il testimone a chi è nato nel 2000.

Oggi quando guardo ad un 20enne mi chiedo: ma chi può ascoltare? Chi sono i suoi punti di riferimento?
Siamo noi. Ognuno con il suo impegno nel proprio posto di lavoro, nella sua Chiesa, nella sua associazione.
Non può esserci insegnante che non conosce quella “storia”. Anzi in ogni classe accanto alla foto del presidente della Repubblica (che nessuno spiega chi è ai nostri ragazzi) ci dovrebbe essere quell’immagine di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Ripartiamo da qui.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale. Domenica la città deciderà sul suo futuro. 8 i candidati sindaco. Li abbiamo messi a confronto

    Antimafia e legalità

    Monreale, 26 aprile 2019 - Domenica prossima, 28 aprile, i circa 33.ooo elettori del comune di Monreale saranno chiamati al rinnovo della classe politica che governerà la città, presumibilmente, per altri 5 anni. 8 i candidati alla carica di sindaco, 342 quelli ai 24 scranni del consiglio comun..

    Continua a Leggere

  • Videogame: il 2019 è l’anno del mobile?

    Antimafia e legalità

    Il mobile gaming si sta affermando una vera e propria tendenza e si appresta a rivoluzionare il mondo dei videogiochi. Un cambiamento così epocale che tanto non sanno se, presto o tardi, potrebbero dire definitivamente addio alle console. Sembra che in futuro, infatti, si giocherà so..

    Continua a Leggere

  • Monreale, il sindaco diserta le visite di Musumeci e di Salvini. Capizzi: “Non sono venuti in veste istituzionale”

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 aprile 2019 - Ieri il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, oggi il Ministro dell’Interno e Vicepremier Matteo Salvini. Due visite importanti per la cittadina normanna, connotate di una forte valenza politica. Il governatore, fondatore del movimento “Diventerà Bellissi..

    Continua a Leggere

  • Salvini show a Monreale. “Il futuro dei siciliani è in mano vostra”

    Antimafia e legalità

    [gallery ids="99843,99844,99845,99846,99847,99848,99849,99851,99852,99853"]

    Monreale, 25 aprile 2019 - Si è tenuto oggi pomeriggio, in piazza Guglielmo II alle 16.30, l’incontro tra Matteo Salvini e i monrealesi. Il ministro dell’Interno oggi ha avuto una giornat..

    Continua a Leggere

  • “800A”, “Monreale is not Lega”. Protesta anti Salvini dinanzi al Duomo, ma la Digos sequestra le magliette

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 aprile 2019 - Volevano inscenare una piccola protesta pacifica indossando alcune magliette con scritte pro Sicilia ma la Digos le sequestra. È accaduto anche questo nel corso di questo 25 aprile caratterizzato dalla visita a Monreale del ministro dell'interno Matteo Salvini, venuto per..

    Continua a Leggere

  • Salvini al bar Italia e Ciro Giangrande gli passa al telefono il fratello Giuseppe

    Antimafia e legalità

    Il ministro dell’Interno Matteo Salvini nella sua tappa a Monreale ha sostato e deposto un mazzo di fiori davanti alla lapide dedicata ad Emanuele Basile, ufficiale dei carabinieri assassinato proprio a Monreale dalla mafia la sera del 3 maggio 1980. Dopo la visita al Duomo, è entrato all’inte..

    Continua a Leggere

  • Matteo Salvini è a Monreale, visita il Duomo e poi a pranzo (FOTO)

    Antimafia e legalità

    [gallery ids="99806,99810,99805,99807,99808,99809,99811,99812,99813,99814,99815,99816,99817"] Il vicepremier Matteo Salvini dopo aver fatto visita a Corleone è arrivato a Monreale. Il ministro dell'interno, una volta giunto in città, ha visitato la piazza e il Duomo. Salvini si è anche prestat..

    Continua a Leggere

  • 25 aprile, Palermo antifascista alza la voce. Orlando: “Siamo partigiani della Costituzione”

    Antimafia e legalità

    [gallery ids="99793,99794,99795,99796,99797,99798,99799,99800,99801,99803"]

    Palermo, 25 aprile 2019 - Esattamente 74 anni fa, il 25 aprile del 1945, il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclama l’insurrezione in tutti i territori italiani ancora occupat..

    Continua a Leggere

  • Monreale, Nello Musumeci in visita per la candidatura di Alberto Arcidiacono (VIDEO)

    Antimafia e legalità

    https://www.youtube.com/watch?v=jmVdAmWF-QA&feature=youtu.be..

    Continua a Leggere

  • In tempo di elezioni … ridiamoci un po’ su

    Antimafia e legalità

       ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Nella notte affissi cartelli contro Salvini. Rimossi dai Carabinieri

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 aprile 2019 - Ieri i carabinieri di Monreale, assieme alla Digos, hanno proceduto alla bonifica della piazza Guglielmo II e delle aree adiacenti per metterle in sicurezza in occasione dell’arrivo del vice premier e ministro dell’interno Matteo Salvini. La piazza è stata sgombrata d..

    Continua a Leggere

  • Monreale, buco da 360 mila euro. La Corte dei Conti condanna la Cooperativa Aurora

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 aprile 2019 - Secondo la Corte dei Conti è stato commesso danno erariale nei confronti del comune di Monreale, al quale è stato causato un buco di 360 mila euro. I magistrati contabili hanno condannato la Cooperativa Aurora, di Ragusa, che aveva otten..

    Continua a Leggere

  • Delio Rossi il nuovo allenatore del Palermo

    Antimafia e legalità

    Palermo, 24 aprile 2019 - Da oggi il nuovo allenatore del Palermo è Delio Rossi che a Palermo ha lasciato un grande ricordo.  Nella sala stampa del Barbera non promette la luna, ma cercherà di ottimizzare il lavoro di Stellone, con qualche aggiustamento già nella prossima partita contro il L..

    Continua a Leggere

  • Musumeci a sostegno di Arcidiacono, ma niente condizionamenti. “Chiunque verrà eletto troverà le porte aperte alla Regione”

    Antimafia e legalità

    Monreale, 17 aprile 2019 - Oggi pomeriggio il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci è venuto a Monreale per sostenere il candidato sindaco Alberto Arcidiacono, appoggiato appunto dal movimento Diventerà Bellissima di cui Musumeci è presidente.

    ..

    Continua a Leggere

  • Toninelli visita le provinciali più pericolose di Palermo e Trapani. “Massimo impegno da parte del governo nazionale”

    Antimafia e legalità

    Corleone, 24 aprile 2019 - Si è tenuta oggi la visita di Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, presso strada provinciale che collega Corleone, San Cipirello e Partinico.

    Continua a Leggere

  • Blitz dei Carabinieri, sequestri e confische per 3 milioni di euro

    Antimafia e legalità

    Palermo, 24 aprile 2019 - In data odierna i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo hanno dato esecuzione all’ultimo di una serie di provvedimenti di sequestro e di confisca, emessi nel mese in corso dal Tribunale di Palermo Sezione Misure di Prevenzione, inere..

    Continua a Leggere

  • “Fotomodella dell’anno”, la monrealese Gabriella Fragasso tra le tre finaliste

    Antimafia e legalità

    [gallery ids="99710,99709,99708,99707,99706,99705,99704,99703,99702,99701,99700"]

    Monreale, 24 aprile 2019 - Si è svolta ieri pomeriggio, in sala rossa, una sobria cerimonia che ha visto la giovane monrealese Maria Gabriella Fragasso, classe 2004, ricevere le congratulazioni ufficiali..

    Continua a Leggere

  • La corsa in salita di Piero Capizzi. Al ballottaggio l’elettore sarà chiamato a scegliere tra il passato, noto, e il futuro, incerto

    Antimafia e legalità

    Monreale, 24 aprile 2019 - L’uomo da battere è Piero Capizzi. Il sindaco uscente si ripresenta al giudizio degli elettori con il sostegno di due liste, un propulsore costituito da 48 candidati al consiglio comunale. Molte sono figure di peso, tra questi tutti gli assessori e i co..

    Continua a Leggere

  • Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com