Limite velocità a 10 e a 30 km/h. Critiche le posizioni di Marco Intravaia e Massimiliano Lo Biondo

Rischio di contenziosi legali per la mancanza dell’aggiornamento della segnaletica stradale

Monreale, 19 luglio 2016 – “Il limite di velocità su viale Regione Siciliana fissato a 10 km/h è un offesa all’intelligenza dei cittadini”. Non le manda certo a dire all’amministrazione comunale, e agli uffici competenti, il Consigliere Marco Intravaia, in merito all’entrata in vigore dei nuovi limiti di velocità: 30 km/h sulla Circonvallazione, già in vigore da qualche settimana, e, da oggi, 10 km/h su viale Regione Siciliana.

Il motivo di questi limiti così bassi, da quel che si deduce dall’ordinanza, è lo stato di dissesto delle due strade, che pone seri problemi di sicurezza.

“Ciò significa – ha incalzato Intravaia – che i problemi che l’amministrazione non riesce a risolvere sono scaricati sui cittadini e la responsabilità della loro soluzione sulla Polizia municipale la quale deve, come è giusto, recepire l’ordinanza, ma mancano dei mezzi per farla rispettare, essendo privi di segnaletica verticale per renderla nota. I nostri uffici sono pagati per risolvere i problemi dei cittadini e non per complicare loro la vita e gravarla, oltre che di tasse, anche di multe strumentali, che i Vigili urbani saranno costretti ad elevare, per non incorrere in accuse di omissioni. Di fatto il sindaco e la Giunta rinunciano ad amministrare, creando nuovi problemi ai cittadini e ai vigili”.

L’assenza di segnaletica rende, fra l’altro, annullabile qualunque multa elevata per limiti di velocità in assenza di “pubblicità” dell’ordinanza.

E’ dello stesso parere Massimiliano L Biondo, componente della segreteria provinciale del Partito Democratico, che non lesina critiche alla delibera di giunta: “Con la nuova ordinanza voluta dall’amministrazione, che impone, lungo la circonvallazione, il limite di 30 km/h, si rischia di generare ulteriori e inutili contenziosi legali, che poi, anche questi, finirebbero per gravare sulle tasche dei cittadini monrealesi.

Infatti, nonostante l’ordinanza, che porta data di aprile, la segnaletica stradale lungo la circonvallazione indica il limite di velocità a 50 km/h.

Delle due, l’una!

Questa condizione potrebbe essere la ragione di eventuali contestazioni dei verbali: l’ordinanza indica una velocità e la segnaletica stradale ne indica un’altra.

“L’amministrazione pertanto si attivi affinché vi sia la sicurezza stradale e al tempo stesso la sicurezza che le tasche dei cittadini non vengano ancora alleggerite con i già sin troppo presenti contenziosi legali. In questo senso si attivi adeguando l’ordinanza oppure installando la corretta segnaletica”.

Altrimenti, nel senso degli innumerevoli contenziosi legali, varrebbe la famosa frase “Tutto cambia, perché nulla cambi”.

2 Commenti
  1. Gesualdo scrive

    E se passo con la bici sono soggetto al limite di velocità mi viene da ridere ihihih sicuramente sarà un idea dell’assessore Russo il limite A 10 KM ORARI ALTRO CHE OFFESA ALL’INTELLIGENZA UMANA QUESTO È IN OLTRAGGIO AI CITTADINI CHE OGNI GIORNO PASSANDO DA VIA REGIONE SICILIANA SARANNO MULTATI MA QUESTA HA FATTO LA SELEZIONE PER FARE GLI AMMINISTRATORI SINDACO MA CI SEI SVEGLIAAAAAAAAAAAA

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.