Oggi è 23/07/2019

Pensieri

Da Monreale a Berlino. La musica…il “sentire” di Gianluca Cangemi

Gianluca Cangemi, nato nel 1979, è davvero una ricchezza inesauribile di spunti ed esperienze, nonostante la sua giovane età

Pubblicato il 28 maggio 2016

Da Monreale a Berlino. La musica…il “sentire” di Gianluca Cangemi
"Gianluca Cangemi, al centro, tra colleghi musicisti di Almendra Music. A sinistra il giovane compositore, pianista, direttore d'orchestra e producer elettronico Giovanni Di Giandomenico. A destra Luca Rinaudo, produttore, compositore e musicista elettronico, co-fondatore di Almendra Music"

Monreale, 28 maggio – Il percorso di studi di Gianluca è quello appassionato del ragazzo che vuol fare il musicista, lo muove il pathos in un viaggio che mai finirà… Armonia, contrappunto, orchestrazione e strumentazione… Viaggi e cominci a gustare l’infinita varietà di suoni, qualità di musiche differenti che trapassano ogni stato del tuo cuore. La musica e l’altra musica e l’altra ancora. Gianluca negli studi di registrazione è come un fanciullo che nella sua purezza fa sua la ludica esperienza tra mixer, microfoni e sintetizzatori, e proprio come il fanciullo Gianluca si pone in posizione di ascolto. Si ascolta dal di dentro, sente il cuore… il suo ticchettare, fin dentro alle viscere sente il suono che è parte integrante della natura e della vita e deve essere percepito e partecipato, questo provoca “emozione”. Le emozioni di Gianluca nascono dal contesto del paese, ritroviamo ancora una volta il fanciullo che nella scatola della sua memoria sensoriale conserva la musica della banda in festa schierata in abito scuro e il transumare dei ciarameddari che riempivano di neve un presepe immaginario, i tammurinari che con il loro rullare producevano un tachicardico battito del cuore, il batacchio delle campane a festa, lo scoppiettio dei fuochi d’artificio. Suoni ed emozioni che in creature come Gianluca, attente al “sentire”, non sono stati ingurgitati e digeriti ma, metabolizzati, sono diventati fonte d’ispirazione da condividere con il mondo.

Gianluca Cangemi, nato nel 1979, è davvero una ricchezza inesauribile di spunti ed esperienze, nonostante la sua giovane età. Il brano, incipit, che ha preceduto l’intervista ci apre alla complessa semplicità del compositore.

Quali difficoltà lavorative hai trovato nel nostro territorio?

Più che di “difficoltà” potremmo parlare di inesistenze o inconsistenze strutturali: difficoltà di essere inquadrati all’INPS, risposte vaghe negli uffici per l’igiene e l’edilizia per conformare alle norme vigenti la società  che ho co-fondato. Ulteriori disavventure alla Agenzia delle entrate per la perdita della pratica, inoltrata ben tre volte, richiedente l’inserimento della Partita IVA negli archivi dell’Unione Europea visto che la nostra società ha relazioni continue con diversi Stati dell’Europa. In un contesto del genere lavorare con dignità diventa un’impresa titanica. Si dovrebbe invece lavorare solo per investire al meglio le nostre competenze, acquisite sempre e solo con sacrifici delle famiglie, e cosìcontribuire al rilancio e al miglioramento della nostra terra. In condizioni del genere, la famosa “vocazione” della Sicilia a uno sviluppo economico basato sul turismo, e quindi anche sul lavoro culturale, diventa solo una formuletta vuota. Un sistema mantenuto così malconcio è utile solo a quella minoranza di siciliani infami che cavalca rimpianti e piagnistei dei tanti validi e onesti, i quali finiscono per essere neutralizzati dalla fatica di affrontare ogni santo giorno mille e mille piccoli ostacoli. È un vero e proprio metodo, usato dai siciliani infami contro quelli validi: “grazie a ogni piccolo inghippo quotidiano che non risolvo e anzi perpetuo, ottengo il mio utile e posso farmi i miei interessi indisturbato…”.

A questo aggiungi la lotta contro i luoghi comuni secondo cui “con la cultura non si  mangia”.  Sono le parole d’ordine di un enorme danno economico, che viene fatto ogni giorno all’intera Italia dagli infami che temono ogni sviluppo che sia virtuoso per la collettività e non solo finalizzato agli interessi di pochi. A parte il diritto di ognuno di noi alla bellezza e pienezza di essere esseri umani, c’è anche il fatto pratico per cui ‘sta famosa “cultura”, dove è prospera e diffusa, genera lavoro per molteplici figure …tipografi, commercialisti, avvocati, tecnici, elettricisti, operai, trasportatori, artigiani, meccanici, informatici, operatori turistici, addetti alle pulizie… Così invece si continua a rimanere senza lavoro!

Quali riconoscimenti hai ricevuto all’estero?

Ho fatto musiche per film andate in prima serata nazionale, in Francia, contribuito a musiche che hanno vinto importanti premi di settore, e varie altre soddisfazioni professionali, ma vorrei che ci soffermassimo su una sfumatura differente della parola “riconoscimento”. All’estero vengo riconosciuto come persona normale, che lavora e viene pagata per quello che fa, il mio lavoro viene riconosciuto dalla collettività come utile sia per lo “spirito” che per la “pancia”, un servizio necessario alla società, e che contribuisce all’economia e quindi al benessere di tutti. Sì, questo è il riconoscimento più grande che ho ottenuto all’estero.

Dove lavori in questo momento?

La mia vita è un andirivieni tra Palermo e Berlino. Ma entro quest’anno mi stabilirò del tutto in Germania pur mantenendo vivi i rapporti con il mio team a Palermo, fatto da uomini onesti, profondi e coraggiosi, professionisti di alto livello, se non altissimo. La nostra terra è piena di giovani si propongono un rinnovamento di strutture mentali, economiche e sociali superate, nonostante il disastro generalizzato, e anche nonostante il fatto che l’appoggio di istituzioni e amministrazioni continui a risultare scarso, disorganizzato, poco o male informato, privo di una visione d’insieme, o al meglio con una visione troppo vecchia e striminzita per essere utile oggi, con risultati che spesso finiscono per essere d’ostacolo al processo di rinnovamento e sviluppo. Un rinnovamento che invece tutti questi giovani stanno portando avanti col solo appoggio del loro valore individuale e potendo contare spesso solo sulle risorse delle proprie famiglie e nient’altro.

Quando e perché hai deciso di cercare altrove uno sbocco lavorativo?

Gianluca mi mostra uno stropicciato biglietto aereo…22 agosto 2015.

In un pomeriggio estivo siciliano, meravigliosamente lento e intenso, ho preso coscienza del grande malessere che da tempo provavo. Mi sono reso conto di essere cresciuto e che i miei genitori non sono più dei ragazzini, e vedere me realizzato e contento è un diritto che non posso né devo negare né  a me stesso né a loro, che hanno fatto grandi sacrifici per restare onesti e sostenermi in tutto il percorso di vita. Mio fratello è già in Germania da quattro anni, fa la sua musica con entusiasmo e apprezzamenti diffusi, e appena laureato gli è stato offerto un posto di lavoro come insegnante. Ho comprato così il mio biglietto di sola andata e da lì ho cominciato a rinascere sia come uomo che come musicista.

Qual è il nome della società in cui lavori?

Almendra Music.  “Almendra” in spagnolo vuol dire mandorla. La mandorla è un seme speciale: se lo mangi è ricco di nutrienti, ed è anche una eccellenza della Sicilia, che rimanda al gusto forte, complesso ma diretto, delle nostre tradizioni.

Di che cosa si occupa nello specifico?

Almendra Music è un vivaio creativo fatto da giovani musicisti, artisti, produttori e tecnici, tutti con formazione ed esperienze di ottimo livello. Siamo quasi tutti siciliani, ma collaboriamo molto con l’estero, spesso proprio coi siciliani all’estero. Abbiamo avviato un catalogo discografico ed editoriale, composto dalle musiche che realizziamo e caratterizzato dalla attenzione alle dialettiche attuali tra la musica classica, elettronica, nuovo jazz e rock e le musiche d’improvvisazione. Inoltre mettiamo le nostre competenze al servizio di tutto ciò che necessita di suono allo stato dell’arte: dalla produzione musicale e discografica all’audiovisivo, la TV, la radio, il cinema, il videogame, i videoclip e i set fotografici, il teatro, fino alla direzione artistica e tecnica di eventi, dal piccolo concerto privato fino al grande festival.

Quando torni a Monreale cosa senti?

Un paesaggio sonoro – fisico, interiore e collettivo – brutto e assordante, stuprato per decenni dalla pochezza e corta visione di chi in passato non se ne è curato. Sento languire le energie di talenti straordinari lasciati qui a morire, senza più forze,  schiacciati dai debiti economici e “spirituali” lasciati da intere generazioni chiuse, ignoranti, egoiste e ottuse, quando non scopertamente mafiose o colluse con un sistema mafioso, un sistema appena mitigato dal volontariato di pochi individui, che però spesso sono stati solo usati dai mezziuomini di cui sopra come paravento, a benevola consolazione delle vittime della loro condotta infame. Poi, di notte, dal balcone della mia casa d’infanzia, nel quartiere Carmine, sento l’eco degli antichi canti, le processioni, il respiro e la vibrazione della luce tra i mosaici d’ oro. Ma è un’eco sempre più disturbata e debole, e ogni volta che torno devo fare uno sforzo di memoria e fantasia per ricreare in me la bellezza , oggi stuprata, della nostra Monreale.

Quando vai via cosa ti manca e cosa preferisci dimenticare?

In realtà non mi manca nulla, né cerco di dimenticare alcunché. Tra le varie utilità sociali e competenze di chi fa il mio lavoro c’è proprio la elaborazione della memoria per conto della collettività, la trasformazione della memoria in visioni ed emozioni pronte alla bisogna, lì, per quando dovessero tornare utili a un individuo o alla collettività. Quindi non dimentico, perché ci sono, al lavoro, concretamente.

Seduto al tavolino del bar della piazza Gianluca sorseggia il suo caffè, si sofferma a guardare i merli della torre e tra una domanda e l’altra chiacchiera con parenti e amici. La sua musica è un perfetto connubio tra la memoria del tempo lineare Kronos e il tempo della memoria kairos. Il suo pensiero vive tra gli spazi neri e bianchi del pentagramma, è voce, sussurro. È vita! Gianluca non ha messo a disposizione il suo tempo in questa intervista per apparire come una star autoctona che ha successo all’estero. Il suo messaggio è già insito nel suo linguaggio musicale, e vuole arrivare all’orecchio dei piccoli, dei ragazzi che non devono assolutamente essere succubi di un sistema che non apprezza l’espressione artistica. Lavora alacremente, e senza fantasticare usa la fantasia come mezzo che attraversa il tempo, non perdendo mai di vista la realtà, un pianeta fatto di persone che mai devono essere pensati  come mezzi ma come risorse. Gianluca apre il suo mondo possibile ai ragazzi che amano la musica e che vogliono portare avanti la passione per un sentire che nasce e si pasce dalla memoria di ciaramedde, bande e marranzani e la mette in connessione con il nuovo ed il moderno. Tutto ciò che non è condiviso è sterile, e la musica è un linguaggio universale per “persone” che nell’eternarsi del suono, ripetibile e ripetuto nei secoli, saranno vicine non nel tempo lineare ma nel battito fugace del tempo scandito su un pentagramma.

Vi lascio all’ascolto dei brani di cui il nostro musicista ci ha fatto dono e ogni qualvolta sentiremo la necessità di tenere stretto Gianluca alla nostra terra lo riporteremo qui attraverso la sua musica, mezzo che annulla ogni divisione spazio temporale, che rende  nulle le distanze e vanifica la morte.



Per scoprire le giovani eccellenze siciliane e non, con cui Gianluca lavora ogni giorno, vi invito all’ascolto delle pubblicazioni Almendra Music, che trovate nel sito http://almendramusic.bandcamp.com

Per stare in contatto con Gianluca e i suoi giovani colleghi musicisti, potete seguire le pagine facebook  http://facebook.com/AlmendraMusic e http://facebook.com/GCangemiMusic

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Agricoltura 2.0: gli escavatori tra gli strumenti di lavoro preferiti

    Pensieri

    Il settore agricolo è in continuo sviluppo e nuovi strumenti sono entrati a pieno titolo tra quelli sfruttati quotidianamente per rendere il lavoro più semplice ed anche più efficiente. Tra gli strumenti di lavoro preferiti ci sono gli escavatori, che hanno dimostrato di poter essere dei f..

    Continua a Leggere

  • Blitz dei carabinieri, bloccato il fiume di cocaina dei clan mafiosi: 12 arresti (VIDEO)

    Pensieri

    La Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo ha delegato il Comando Provinciale dei Carabinieri di Palermo all’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del locale Tribunale, nei confronti di 12 indagati (10 in carcere e 2 ai domiciliari), ritenuti a vario titolo responsa..

    Continua a Leggere

  • Il recupero e il moderno nelle scale di casa

    Pensieri

    Se stai arredando casa, se hai appena intrapreso un progetto di ristrutturazione di un bel loft da soppalcare, ti consigliamo di sfruttare la più moderna tecnologia digitale e dare una prima occhiata in rete, per identificare


  • Capizzi: “La vicenda del dissesto ha visto come protagonista l’attuale assessore Sandro Russo, mio ex assessore al bilancio per due anni”

    Pensieri

    MONREALE - “Credo che le alte temperature di questi giorni alimentino la voglia di qualcuno (e nello specifico mi riferisco al sig. Silvio Russo) di presentarsi come protagonista della politica Monrealese, con il consapevole rammarico d..


  • Giuseppe Morello, dolore al funerale del giovane monrealese (FOTO)

    Pensieri

    [gallery ids="111514,111515,111516,111517,111518,111519"] MONREALE - Una chiesa gremita ha accolto questo pomeriggio il feretro di Giuseppe Morello. Il giovane monrealese morto nel corso della notte del 20 luglio a Macari, frazione di San Vito lo Capo dopo essere caduto da un’altezza di 10 metr..


  • Monreale, continuano gli interventi degli operai dell’ESA impegnati nella cura del territorio

    Pensieri

    [gallery ids="111495,111496,111497,111498,111499"] MONREALE - Continuano gli interventi sul territorio monrealese degli operai dell’ESA (Ente Sviluppo Agricolo). Dopo la pulizia dei bordi della circonvallazione invasi dalle canne, così come..


  • I monrealesi possono “fare pace” con il comune, via al ravvedimento delle tasse

    Pensieri

    MONREALE - Il Comune dà il via al Ravvedimento operoso. I cittadini morosi potranno mettersi in regola con le tasse Imu, Tasi, Tari, Cosap e Pubblicità.  Grazie al Regolamento per l’applicazione del ravvedimento operoso approvato dal ..


  • Dichiarazione dei redditi, entro domani possibile inviare il 730 precompilato

    Pensieri

    C'è tempo fino al 24 luglio per presentare la dichiarazione dei redditi 2019. Due giorni di tempo per completare la  precompilata ed inviarla al Fisco. Entro domani, infatti, sarà possibile accettare la dichiarazione dei redditi così come messa a punto dall’Agenzia delle Entrate o int..


  • Riqualificazione del quartiere Carrubella, il comune avvia la gara per la progettazione

    Pensieri

    MONREALE - Il Comune di Monreale avvia la procedura per affidare la fase numero 3 dei lavori di riqualificazione dello storco quartiere Carrubella. Nel 2016 la Regione Siciliana ha ammesso al finanziamento delle spese relative alla progettazione definita dei lavori di riqualificazione urbana dello s..


  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    Pensieri

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..


  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    Pensieri

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..


  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    Pensieri

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..


  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    Pensieri

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di


  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    Pensieri

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..


  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    Pensieri

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..


  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    Pensieri

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..


  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    Pensieri

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..


  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    Pensieri

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..