Oggi è 22/07/2019

ARTEria

“C’era una volta a MONREALE”. Ma non è il titolo di un film

Dal racconto di una corsa di cavalli alla tragica notte dell’ossimoro

Pubblicato il 1 maggio 2016

“C’era una volta a MONREALE”. Ma non è il titolo di un film

Monreale, 1 maggio – Proprio oggi iniziano i festeggiamenti in onore del SS. Crocifisso, almeno secondo il calendario più tradizionale, e non si può, quindi, non adeguarsi al contesto. Sono i giorni in cui i fatti e i volti della consuetudine cittadina lasciano spazio ai devoti, ai pellegrini, ai visitatori e agli ospiti importanti. I manifesti delle stars di turno occultano definitivamente i residui anarchici e ormai sbiaditi dell’ultima campagna elettorale. Quest’anno il bel volto di Anna Tatangelo, quelli dei Tinturia e di altri intrattenitori ci osserveranno compiacenti finché, passata la festa, proseguiranno sbiadendo la staffetta fino al prossimo turno elettorale. E se un solo manifesto di Toti e Totino riuscirà a resistere fino a quei giorni i due apprezzati comici rischieranno di essere eletti: ci sarebbe sempre da ridere ma, almeno, ci si avvierebbe comunque verso l’auspicato cambiamento.

Foto_1 manifesto-2006

Il manifesto realizzato da Sergio Mammina in occasione dei “Festeggiamenti in onore del SS. Crocifisso”, anno 2006

Anch’io, quindi, mi faccio da parte e accolgo l’ospite, indiscutibilmente per me il più importante: Giuseppe Mammina, mio padre. Ricordandone la disinvolta rapidità delle dita (due soltanto) sui tasti dell’Olivetti lettera 22, sono certo che non avrà difficoltà alcuna.

Cedo a mio padre lo spazio della mia riflessione domenicale e glielo dedico usando le sue stesse parole – “A mio Padre dedico questi scritti, all’uomo che ebbe carattere siciliano ed in me trasfuse tutta la sua spiritualità resa palpitante dalla conoscenza profonda di ciò che questa terra di Sicilia nasconde, tra le sue zolle arse ancora di sete e di progresso …” –  che ho tratto dalla nota introduttiva del suo libro “MOMENTI A MONREALE – Racconti della Conca d’Oro”.

 

Io, per concludere, aspetto in fondo alla pagina, subito dopo la fine del racconto.

Foto_2 giuseppe-mammina

Giuseppe Mammina (Monreale 1912 – Palermo 1970)

GIUSEPPE MAMMINA (Monreale 1912 – Palermo 1970) ha conseguito il diploma di Geometra presso il Convitto per gli orfani degli insegnanti elementari di Assisi. Ha iniziato l’esercizio della professione in Basilicata dove, tra l’altro, ha giocato da portiere nella squadra del Potenza, allora militante nella serie cadetta. Per le attività svolte ad Asmara (Eritrea) ha ricevuto l’Encomio solenne dal Ministero della Marina Militare dello Stato italiano. È ritornato a Monreale nel 1947 dove è stato per anni Consigliere comunale ed ha esercitato la sua professione fino all’anno della scomparsa. È stato giornalista pubblicista e collaboratore anche di testate nazionali; ha pubblicato i volumi “Quattro poeti” e “10 autori scelti” per le Edizioni Clem di Ivrea e la raccolta di poesie dal titolo “Poetastria”.

Il volume MOMENTI A MONREALE – Racconti della Conca d’Oro (già segnalato in occasione del Concorso letterario Gastaldi, ed. 1954), da cui è tratto il racconto pubblicato di seguito, è stato dato alle stampe per le edizioni “Sala d’Ercole, Palermo” nel 1956 e ristampato nella collana “Scrittori siciliani” per le edizioni Regione Letteraria di Firenze nel 1969.

 IL MORELLO”

La folla si assiepava, pigiandosi, accalcandosi, comprimendosi, veri grappoli umani, sui balconi e sulle terrazze di Corso Pietro Novelli: il vociare caratteristico dei commenti più svariati spezzava, col più marcato e sensibile accento siciliano, il manto di cielo che dea primavera aveva tessuto in intensissimo azzurro per la gioiosa festa degli uomini che adoravano, in quella giornata di maggio più impetuosamente, l’entità del divino Crocifisso.

Volti bruni di gente attempata, aureolati dalla caratteristica coppola delle giornate lavorative o dai cappelli a larghe tese, quelli della vera festa, volti di uomini adusi alla fedeltà incondizionata per la terra, tagliati nel bronzo arroventato dal sole del sud, visi di donne, comari del popolo, ‘signore’ invidiate dalla borghesia campagnola, compagne superbe dei più ricchi possidenti della contrada, visetti di giovinezza ricchi di ebano profusamente gettato sulle folte chiome e nei lampi degli occhi, ricchi di rosso carico delle ciliege in maturazione posato sulle guance, ricchi di fuoco rosso fiammeggiante iniettato sulle labbra carnose anelanti amore d’uomini accesi nella passione vulcanica, ricchi di zagara bianca virginea adornante le chiostre dei denti perfetti…

… E giù, sulla via cosparsa di sabbia che copriva il ricco basolato vetusto, i venditori ambulanti col loro urlo reclamistico, inno di tutte le ore sempre uguale alla genuinità della natura, squarciava l’aria e richiamava l’attenzione di quel popolo in festa…

“A chi vuole ceci e semi salati…!”

“Ho fave e noccioline brustolite…!”

“Carrube ho… carrube di quelle dolci, carrube…!”

“Acqua e anice… bella fresca… acqua e anice… a chi vuol bere?”

“Bambini piangete… bambini piangete… che le mamme vi comprano… ceci ho… semi salati… noccioline americane…!”

Da lontano, giungevano, portate da una leggera brezza di mare che infilava Monreale dalla strada nuova, ardita balconata gettata sugli spalti della Conca d’Oro, per incanto e delizia degli amanti di scenari paradisiaci, le note ritmiche, stordenti, a tratti quasi dilanianti, dei tamburinai che venivano innanzi, a passo cadenzato e tranquillo, legati alla nenia rumorosa dei loro vecchi strumenti passati dalla gloria dei padri a quella dei figli, per portare un avviso alla folla…

Era il tre maggio: la festa più grandiosa che Monreale offriva, ogni primavera, ai fedeli della provincia, per la certezza d’una fede sempre più ampia all’animo del magnanimo popolo di quella cittadina che è un angolo di paradiso gettato sulla terra dalla generosa mano di Dio per il più degno contorno del grande tempio che gli uomini eressero onde inginocchiarsi, fra i magnifici marmi e gli splendidi mosaici d’oro, ai piedi del potente Padreterno che guarda, dall’alto dell’abside, alle pene della sua umanità per sanarle, ai peccati per condannarli o redimerli…

Avanzo di una consuetudine incarnatasi nel clima borbonico ‘Feste, farina e forca’, nella gran massa del popolo di Sicilia quello delle feste a date fisse era considerato un po’ come il banco di prova della credenza della fede, della grazia di Dio verso le sue creature: per questo i monrealesi profondevano in quelle giornate dedicate alla gloria del Santissimo Crocefisso tutte le loro ricchezze, perché la festa superasse in riuscita quelle dei paesi vicini (che avevano tutti le proprie!)… perché il Crocefisso di Monreale avesse a portare sempre la ’bandiera’ (è detto siciliano che indica supremazia, questo!) come la sua Chiesa la portava su tutte le Chiese erette dall’antichità ad oggi… “Chi va a Palermo e non sale a Monreale”…, dice un motto del paese “asino ci arriva e se ne torna maiale…!”

Il rullio dei tamburi avanzava, rumoreggiava, atono, mitragliante… la folla ondeggiava, osservava con lo stimolo crescente della curiosità:

“Ora arrivano i cavalli…!”

“Eccoli… Guarda laggiù… spuntano dalla curva del Canale… come scalpitano!”

“Guarda come fremono…!”

Ed i tamburinai avanzavano, continuando imperterriti la loro musica sconcertante, precedevano di pochi passi la fila dei ’berberi’ bendati, i bei cavalli delle migliori stalle della provincia che fra poco avrebbero dato vita ad una corsa sfrenata, pazzesca, velocissima, aizzati dalle borchie di cuoio infisse sulle schiene, innervositi dai larghi beveroni di vino, sospinti dalle frustate scroscianti distribuite senza ritegno dai loro proprietari disseminati sul percorso…! E si sarebbero accese le scommesse:

“Punto cento lire sul sauro di Villafrati!”

“Accetto… depositiamo le somme nelle mani di un amico!”

“Nohh!… Guarda quel baio… è di don Filippo Marasà… quello sì che vince… ne vuole dieci di sauri…!”

“Io invece gioco cinquanta lire per quel pezzato di Bagheria… se lo lasciano arriva a Roma… sempre con lo stesso passo…”

I tamburinai tacquero un attimo, uno di loro, quello dalla voce canora, iniziò una cantilena ammonitrice:

“Signori! Il comitato della festa avverte che fra pochi minuti cominceranno le corse…! Le strade debbono essere tutte sgombre… Le madri si tengano i propri bambini stretti alle sottane…! Chi muore, muore a conto suo…! ed il rullio riprese… accompagnato dal vociare della folla, estenuante fino a cessare.

Foto_3 palio-delle-fontane

Il manifesto realizzato da Sergio Mammina in occasione del “Palio delle Fontane”, anno 1999

I cavalli erano al palo di partenza, tenuti al guinzaglio dai loro custodi, scalpitavano sulla sabbia in attesa del via per la loro fatica e la loro liberazione… gli ultimi avvertimenti del comitato… le ultime ansie della folla…

“Ohè… Tanuzzu!”

Il fantino, un uomo scarno, esile, tutto muscoli e nervi, si voltò di scatto stringendo più saldamente il morso del suo cavallo, nel sentirsi chiamare.

“Oh!… Tanuzzu!” ripeté la stessa voce, stavolta con tono calmo ed imperioso, a fior di labbra per non essere udita. “Tanuzzu, c’è ordine che deve vincere il morello di Bagheria! Il tuo padrone è stato avvisato…” e Matteo, strizzando furbescamente un occhio, volle precisare l’intesa che nascondeva invece un ordine tassativo…

Tanuzzu stupito, attonito, quasi costernato per ciò che aveva udito: a che erano valse allora tutte le fatiche?, tutto l’intento prodigato nella preparazione del suo puledro?, tutte le speranze riposte su quel bel sauro di Villafrati, se ora l’ordine pronunziato da don Matteo, il diavolo di tutte le corse dei ‘barberi’, mandato per l’esecuzione della muta e dura legge della soperchieria più sporca, aveva parlato con tanta chiarezza?… Arrivò l’ordine di tenersi pronti, Tanuzzu tolse le borchie dalla schiena del suo sauro, lo guardò negli occhi, abbracciandogli la testa, gli carezzò le narici, gli avvicinò le labbra ad un orecchio, per non farsi udire dai rivali più vicini, e: “Vai sauro! Vinci” disse, alla faccia di don Matteo e del suo morello di Bagheria!…”

Con un colpo di pistola la furiosa corsa si iniziò, nel gridio incomposto della folla, lungo tutto il corso, i balconi sembrava dovessero crollare di schianto in tutta quella passione che diveniva baldoria… solo un miracolo architettonico li teneva al loro posto con quel carico di speranze che ora erano scoppiate: “Dai morello… dai… dai… dai…! Lascialo quel vecchio sauro… ancora Morello… dai… dai… dai…!”

Morello camminava appaiato col sauro di Villafrati, sbirciando di tanto in tanto con occhio feroce senza riuscire a guadagnare un solo metro… le frustate fioccavano da tutti i lati e cadevano sul manto nero del predestinato di don Matteo lasciandovi larghe strisce sulla schiuma del sudore… qualcuno cercava di porre un ostacolo dinanzi al sauro con la speranza di fargli perdere strada… in maniera apertamente disonesta… la folla protestava… inviperita.

Ad un tratto la gente fluttua, ondeggia, smorza il suo grido incomposto… che sta succedendo?

I ‘barberi’ sono vicini al traguardo… Morello si è arrestato… s’è piegato sulle gambe… è crollato sulla sabbia… il sauro di Villafrati è rimasto solo a condurre la corsa, ad ultimarla… a vincerla…!

E la folla urla ancora il suo entusiasmo…: “Il sauro! Il sauro di Villafrati ha vinto!… Che dicevo io quando li ho visti sfilare?… Fuori i soldi della scommessa…! Evviva il sauro… evviva il sauro di Villafrati!…”

Un uomo alto una spanna corre, trafelato, agitando le braccia sul capo, non si cura della folla, non si cura di nessuno… scompare verso il traguardo… eccolo, ritorna in groppa al suo sauro… trionfante… lo bacia sul collo… ripetutamente… come in convulsione… “Sauro! Sauro bello!!!” egli grida, “Sauro, hai vinto… io lo sapevo… che non potevano batterti…!”

Al palo della partenza Tanuzzu raccoglie gli onori del trionfo… don Matteo si avvicina, con occhio torvo: “Chi ha vinto… Tanuzzu?

“Il sauro, don Matteo, il sauro di Villafrati!…”

“E il morello…?”

“È caduto, don Matteo… morto di colpo… vicino al traguardo…! Il Crocefisso… il Crocefisso di Monreale… don Matteo!”

  • • • • • • • •
foto_4 emanuele-basile

Il Capitano Emanuele Basile (Taranto, 1949 – Monreale, 1980)

La notte dell’ossimoro ho scritto nel sottotitolo, riferendomi a quanto è avvenuto la notte del 4 Maggio del 1980, la notte del “silenzio assordante”, appunto. Per la prima volta, scrivendo, faccio ricorso all’abusato e ormai sgradevole ossimoro, ma quella notte è stata proprio la sua notte. Ero già a letto con un libro tra le mani per assecondare l’arrivo del sonno e con il timore di essere definitivamente ridestato dagli imminenti spari, già predisposti sul piazzale della vicinissima chiesa della Madonna delle Croci. Più il fragore festoso degli spari tardava ad arrivare e più erano inutili i tentativi di leggere, a rotazione continua, le prime righe della stessa pagina. Quella inutile ostinazione nel voler dare un significato al silenzio mi accompagnò fino alle prime del mattino seguente quando, richiamato dal brusio e riaperte le persiane su Chiasso Piediscalzi, sui volti familiari dei pochi residenti ebbi modo di leggere un altro ermetico ossimoro; una emulsione di profondo dolore e di sentita gioia ne segnava le espressioni. Appresi subito dopo, dalle loro parole, che quel silenzio, rumorosamente incapace di esprimersi, era l’eco prolungata di un vile assassinio e di una morte scampata: era stato ucciso il Capitano Emanuele Basile ma si era salvata la piccola Barbara.

Nel corso della recente rilettura del racconto paterno ciò che, tra l’altro, ha destato in me non poco stupore è la scelta del nome di battesimo dato al personaggio che nella finzione narrativa di allora, come nella realtà attuale, personifica il peggiore dei mali di questa nostra terra di Sicilia arsa ancora … di progresso! Pura casualità o profetica intuizione?

Se “la notte dell’ossimoro” fosse stata soltanto l’epilogo del brano scritto da mio Padre nel 1954, ma pensato ancor prima, non mi è difficile immaginare che nelle tasche di don Matteo, tempestivamente tratto in arresto da solerti Carabinieri, sarebbe stata rinvenuta una immaginetta del Santissimo Crocifisso e le urla incontenibili avrebbero raccontato a tutti le certezze di Tanuzzu sull’incolumità della piccola Barbara

 

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    ARTEria

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..

    Continua a Leggere

  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    ARTEria

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..

    Continua a Leggere

  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    ARTEria

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..

    Continua a Leggere

  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    ARTEria

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di

    Continua a Leggere

  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    ARTEria

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..

    Continua a Leggere

  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    ARTEria

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..

    Continua a Leggere

  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    ARTEria

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..

    Continua a Leggere

  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    ARTEria

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..

    Continua a Leggere

  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    ARTEria

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..

    Continua a Leggere

  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    ARTEria

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..

    Continua a Leggere

  • Il boss di San Giuseppe Jato è malato, prosciolto dal processo Nuovo Mandamento

    ARTEria

    SAN GIUSEPPE JATO - Il boss mafioso di San Giuseppe Jato sta troppo male per sostenere il processo e la Corte d'appello lo proscioglie e ordina la sua scarcerazione. Gregorio Agrigento ha così ottenuto la libertà grazie a delle perizie che hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di ..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe Morello, 20enne monrealese precipitato da oltre 10 metri sugli scogli a Macari. Indagini aperte

    ARTEria

    SAN VITO LO CAPO - Una giovane vita stroncata quella di Giuseppe Morello, 20enne monrealese morto ie..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a San Vito, muore il monrealese Giuseppe Morello

    ARTEria

    Il 20enne Giuseppe Morello, residente a Monreale, ha perso la vita cadendo dalla scogliera Bue Marino, a Macari. Giuseppe si trovava insieme ad amici quando è caduto sbattendo la testa sugli scogli.

    Sono ancora da determinare le dinamiche che, nella notte scorsa, hanno por..


  • Volti invecchiati e pieni di rughe. Spopola FaceApp ma dietro c’è la Russia

    ARTEria

    Volti invecchiati, pieni di rughe e chiome rigorosamente bianche. In questi giorni la news feed di Facebook è stata inondata di volti con 20-40 anni in più. Spopola FaceApp tra decine di vip e milioni di persone comuni.  L'applicazione trasforma il vo..

    Continua a Leggere

  • Bonus Sud, gli incentivi per chi assume giovani

    ARTEria

    L’INPS ha dato il via libera alle domande per l’ottenimento degli sgravi fiscali del Bonus Sud per le nuove assunzioni.

    L’istituto ha pubblicato la circolare con le istruzioni che servono ai datori di lavoro per utilizzare l’esonero per le assunzioni, anche ..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Arcidiacono riferisca in consiglio comunale sulla sua idea di organizzazione del comune”

    ARTEria

    MONREALE - “Da ex sindaco posso condividere il punto di vista del mio successore che ha scelto un segretario di sua fiducia, ma da consigliere comunale mi chiedo quale sia l’organizzazione comunale che il sindaco Arcidiacono intende mettere i..

    Continua a Leggere

  • Monreale, dall’Amat 2 milioni di euro: la Cassazione regala un «tesoretto»

    ARTEria

    MONREALE - Il comune di Monreale non doveva pagare 2 milioni di euro all'Amat perchè non vi era alcun contratto che lo specificasse. E' questa, in estrema sintesi, la decisione della Cassazione, una buona notizia per le casse del comune di Monre..

    Continua a Leggere

  • Piantagione di marijuana in un seminterrato a Villagrazia, arrestato il 54enne Giuseppe Marsalone

    ARTEria

    PALERMO - I carabinieri della stazione di Villagrazia di Palermo hanno tratto in arresto Giuseppe Marsalone, 54enne palermitano accusato di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica. Durante il servizio di contrasto al mercato degli stupefacen..

    Continua a Leggere