Oggi è 17/01/2018

Cronaca

Vertenza AlmavivA: diversi i monrealesi a rischio

A Palermo 1.670 dipendenti AlmavivA Contact a rischio posto di lavoro

Pubblicato il 29 marzo 2016

Vertenza AlmavivA: diversi i monrealesi a rischio

Correva l’anno 2000 quando nasce a Roma AlmavivA, mentre nel febbraio 2001 aprì la sede a Palermo, ai tempi Cosmed che si prestava a diventare il cuore dell’azienda. Prima e grande realtà lavorativa palermitana è AlmavivA Contact, leader mondiale nell’outsourcing di servizi CRM. All’interno della società i dipendenti hanno intrapreso da anni un percorso professionale, oltre lavorativo, mettendo a disposizione dei clienti (Alitalia, Enel, TIM, WIND, Vodafone e Sky) le competenze acquisite. Circa una cinquantina i monrealesi che hanno trovato nel gruppo un posto di lavoro.

Operatori professionisti nel settore, certi di un’indipendenza economica e del famigerato diritto al lavoro hanno intrapreso o stanno disegnando un progetto di vita, ognuno a proprio modo!

Da tempo ormai va avanti la Vertenza AlmavivA. La società ha comunicato il 21 marzo alle Organizzazioni Sindacali e al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali l’apertura di una procedura di riduzione del personale, nel quadro di un complessivo piano di riorganizzazione aziendale. La sede di Palermo conta una riduzione fino a 1.670 persone, la conferma dei numeri sta facendo barcollare l’equilibrio economico e sociale di diverse famiglie palermitane e monrealesi.

In un tempo storico-sociale non di certo lauto, Palermo non può permettersi né di perdere un’azienda rilevante come AlmavivA Contact, né di mettere in mobilità ancora altri lavoratori; questo è quello che potrebbe succedere se entro 75 giorni dal 21 marzo (quindi il 4 giugno) non sarà raggiunto un accordo.

La struttura fino a qualche giorno fa ospitava la sede legale della società, ma il 4 marzo è stata nuovamente trasferita a Roma, il trasferimento a Palermo era stato fatto come segnale della volontà dell’azienda di investire in questo territorio. Poi cos’è successo?

Assenza di regole utili al settore dell’outsourcingutilizzo opportunistico degli incentivi per l’occupazione e il calo progressivo dei volumi totali lavorati in Italia sono fra le cause che hanno portato alla crisi del settore. Altro fattore determinante (non ultimo) è il mancato rispetto delle norme di legge sulla delocalizzazione delle attività di call center, entrata in vigore quattro anni fa e mai applicata. Passo che consentirebbe di fermare la fuga di imprese verso paesi con un basso costo del lavoro, riuscendo così anche a riportare in Italia attività importanti e contribuire a stabilizzare i livelli occupazionali.

Per trattare questi temi caldi, il 9 marzo è stato convocato dal Ministero per lo Sviluppo economico un tavolo tecnico sul settore dei Call Center. L’incontro ha determinato la definizione di un Protocollo in cui il Governo si è impegnato a risolvere alcune questioni: Riqualificare il Sistema degli Appalti con l’accelerazione applicativa della Clausola di Salvaguardia; favorire lo svolgimento delle attività di Call Center in Italia con l’applicazione ed implementazione delle norme previste dal 24 bis D.L. 83/2012; favorire una disciplina omogenea per gli Ammortizzatori Sociali.

Gli effetti che la delocalizzazione sta causando non sono da sottovalutare e soprattutto riguardano tutti gli italiani, non soltanto gli operatori Call Center. Se vi è capitato di chiamare o ricevere una chiamata da un Customer care e vi ha risposto una voce straniera, sappiate che in quel momento i vostri dati sensibili sono stati gestiti da uno Stato che ha regole ben diverse dell’Italia! Con il trasferimento dei servizi all’estero vengono trasferiti anche una serie di informazioni degli utenti: traffico telefonico, dati Sim, dati utenti e dati carte di credito.

 Il segretario regionale della UilCom Sicilia, Giuseppe Tumminia, ribadisce “È giunto il momento che la politica assuma un ruolo attivo in questa vertenza. Servono subito misure eccezionali. In ballo c’è il futuro dei lavoratori e questo sindacato continuerà a battersi per difendere i loro diritti”.

Intanto per affrontare la vertenza sono stati fissati due incontri a Roma, uno è il prossimo 31 marzo e l’altro giorno 1 aprile. Diverse continuano ad essere le forme di protesta in corso. Previsti, inoltre, un gazebo permanente in via Ruggero Settimo e sit-in davanti le sedi dei committenti AlmavivA Contact.

Un meccanismo inceppato sicuramente tra scarse normative, dove complice è un Governo sordo all’allarme lanciato da diversi anni.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, il Prof. Roberto Amato il nuovo consulente per l’Ambiente e Lavori Pubblici

    Cronaca

    Monreale, 16 Gennaio 2018 -Il Prof. Roberto Maria Amato è il nuovo consulente per l’Ambiente e Lavori Pubblici del Comune di Monreale, funzionario della Regione Siciliana con alle spalle una lunga esperienza lavorativa all'interno dell'ente. Nella Sala Rossa di città, alla presenza del sindaco P..

    Continua a Leggere

  • 750° anniversario dedicazione Cattedrale Monreale: il 27 gennaio una Giornata di Studi

    Cronaca

    Monreale, 16 Gennaio 2018 - In occasione del 750° anniversario della Dedicazione della Basilica Cattedrale di Monreale, sabato 27 gennaio si terrà una Giornata di Studi presso il palazzo Arcivescovile della cittadina normanna. All'incontro formativo prenderà parte l’a..

    Continua a Leggere

  • Istituto Guglielmo II, aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2018-2019

    Cronaca

    Monreale, 16 Gennaio 2018 - Prendono il via oggi le iscrizione per l'anno scolastico 2018-2019 nell'istituto comprensivo "Guglielmo II". Durante il periodo delle iscrizioni, che si conclude il 6 febbraio, sarà possibile visitare la struttura e chiedere chiarimenti ai docenti.  ..

    Continua a Leggere

  • Partinico, incidente mortale sulla SS 113. Perde la vita una donna di 95 anni

    Cronaca

    Partinico, 16 gennaio 2018 - Un'anziana di 95 anni è morta questa mattina in seguito ad un incidente stradale che si è verificato sulla SS113 nei pressi di Partinico.  Una Fiat Brava guidata da Filippo Bologna, 65 anni, uomo conosciuto del posto e che in passato è anche stato sindaco..

    Continua a Leggere

  • Monreale. «No bomba ecologica nella discarica di Zabìa». Capizzi: «Lo confermano le analisi»

    Cronaca

    Monreale, 16 gennaio 2018 - «Le analisi e i rapporti di prova effettuati dall’ARPA Sicilia lo hanno pienamente confermato e certificato: l’ex discarica comunale sita in contrada Zabìa non contiene affatto rifiuti pericolosi e non è stata riscontrata nella zona alcuna presenza di materiali o s..

    Continua a Leggere

  • Caos-rifiuti, Musumeci incontra 50 sindaci. Capizzi: «Monreale porta meno rifiuti in discarica»

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Oggi a Palazzo D'Orleans erano presenti quasi tutti i 50 sindaci dei comuni che trasportano i rifiuti in provincia di Catania. Si va verso un'autorizzazione in deroga a tutte le leggi per consentire alla sesta vasca di Bellolampo, la discarica di Palermo, di ricevere rifi..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belìce: “Monreale non esiste più, è stata distrutta”. Le testimonianze dei monrealesi

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - "Monreale non esiste più, Monreale è stata distrutta". Era questa la notizia che si diffuse a Palermo in quel lontano 1968, quando nella notte fra il 14 e il 15 Gennaio avvenne uno dei più gravi terremoti italiani del Secondo dopoguerra che interessò la valle del Beli..

    Continua a Leggere

  • Ryanair rivoluziona le regole per il bagaglio a mano

    Cronaca

    Scatta la rivoluzione dei bagagli a mano su Ryanair, si chiude l’era del doppio bagaglio a mano: una volta all’imbarco il più ingombrante dovrà essere lasciato agli addetti per essere caricato in stiva senza costi aggiuntivi. Siamo lieti di lanciar..

    Continua a Leggere

  • Al via l’Open week nella scuola Morvillo: organizzati laboratori, mostre e attività didattiche

    Cronaca

    Monreale, 15 Gennaio 2018 - Si è aperto oggi e si concluderà venerdì 19 Gennaio l’open week che, come ormai da t..

    Continua a Leggere

  • Una cena per 700 poveri del centro di Biagio Conte. Tra gli chef il monrealese Nicola Venturella

    Cronaca

    Palermo, 15 gennail 2018 - Una cena la Missione Speranza e Carità di Biagio Conte. A organizzarla è lo chef e pasticcere di Partinico Massimo Giambelluca che ha chiamato a ..

    Continua a Leggere

  • «Cacciatori di storie bellissime». A Monreale i Percorsi Virtuosi di So.Svi.Le. e Maghweb

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - All’interno di Villa Savoia le testimonianze di chi ha puntato sulla bellezza, molto spesso nascosta, del territorio siciliano. Dai Sicani, fino alla Via Francigena che collega Palermo ad Agrigento, la Sicilia può offrire ancora innumerevoli spunti per convincere i rag..

    Continua a Leggere

  • Monreale a sostegno di Biagio Conte. Padre Elisée incontra il frate laico

    Cronaca

    Palermo, 15 gennaio 2018 - Tanta è ancora la gente che vive per strada che non ha un tetto, un lavoro, una dignità e sopravvive ai margini della società. Sono gli invisibili, non solo clochard,  costretti a dormire nelle auto o per le vie di Palermo sono anche le famiglie sfrattate, i padri ..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belice, il racconto di Biagio Cigno: «A Camporeale c’era un silenzio surreale».

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Nella memoria di un diciottenne, dopo cinquantanni, le date magari non si ricordano ma sensazioni, umori, odori, suoni, a volte a fronte di avvenimenti epocali, restano impressi come fossero accaduti ieri. A quel tempo abitavo a Palermo e di notte fui svegliato dalla..

    Continua a Leggere

  • Monrealexit. La giunta jatina attiva per il riordino: «Serve fronte comune»

    Cronaca

    San Giuseppe Jato, 15 gennaio 2017 - I monrealesi che vogliono diventare cittadini di San Giuseppe Jato sono circa 160, tutti residenti nelle borgate di Ginestra, Dammusi, Signora e Bommarito. Pagano le tasse alla città normanna ma usufruiscono dei servizi della città a Valle dello Jato


  • Romanotto (Credici Monreale): “Debiti azzerati? Solo a dicembre deliberato ricorso a Fondo di Riserva per 50.000 €”

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Azzeramento dei debiti del comune. Un’operazione di risanamento dei conti dell’ente portata come fiore all’occhiello della sua gestione amministrativa dal sindaco di Monreale, Piero Capizzi, e da lui sbandierato in tutti i consessi ..


  • Discipline in lingua straniera, laboratori, buone prassi innovative. É l’Open Day del Pietro Novelli

    Cronaca

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Anche quest'anno la D.D. "P. Novelli" apre le sue porte alle famiglie, ai bambini, al territorio per far conoscere i dettagli della sua organizzazione didattica: attività laboratoriali curriculari, buone prassi innovative, sperimentazioni inclusive.


  • Monreale. Sfratto al Circolo Italia. Burgio: “Posizione del Sindaco denigratoria e offensiva”

    Cronaca

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Claudio Burgio è il commissario pro tempore dell’associazione culturale “Circolo Italia”, che ha ricevuto dal comune l’ordinanza di sfratto dai locali di Piazza Vittorio Emanuele 2,4 e 6. Al circolo culturale viene richiesto anche il pagamento di €24.734,35 pi..


  • Quadrante: “Il PD responsabile, abbiamo consentito l’approvazione del “Salva Napoli”. Gestione del Sindaco approssimativa”

    Cronaca

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Sull'adesione alla procedura di salvataggio dal dissesto finanziario (cosiddetto "Salva Napoli") da parte del comune di Monreale, portata in aula venerdì scorso, il PD si è astenuto, con la sola eccezione del consigliere Ignazio Davì che, divergendo dalla posizione del..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale