Oggi è 23/01/2018

ARTEria

Benedetto Messina. Artista e “coltivatore” di talenti

Con quello del Prof. Messina comincia la serie di “ritratti” dedicati ad artisti monrealesi

Pubblicato il 15 febbraio 2015

Benedetto Messina. Artista e “coltivatore” di talenti

Se è vero com’è vero che la Sicilia è sempre stata terra più che generosa nel far nascere talenti, Monreale, non è certamente da meno. Gli artisti “monrealesi”, in possesso dei requisiti necessari per essere elencati tra gli Artisti siciliani di rilievo, sono veramente tanti e mi riferisco a quelli venuti al mondo nel ‘900 fino agli anni ’60. Da quegli anni in poi a Monreale non sono più nati pittori, né scultori o fotografi o architetti (ma neanche cantanti, direttori d’orchestra o scrittori e ballerini): è accaduto perché a il presidio ospedaliero con annesso reparto maternità più vicino a Monreale, pur se a pochi chilometri, si trova a Palermo.

Se Pietro Novelli fosse venuto al mondo in anni più recenti sarebbe detto “il palermitano” e probabilmente per le stesse ragioni, Leonardo sarebbe noto come “da Firenze” o “da Pistoia” o da “Prato”…

Gli artisti, figli di monrealesi ma nati a Palermo (per ovvie ragioni di pura opportunità) sono numerosi; alcuni li conosco e gli altri li andrò a cercare.

Monreale, che non ha l’ospedale, è invece sede della Civica Galleria d’Arte Moderna “G. Sciortino” che, però, avrebbe bisogno di urgenti cure (del tema mi sono già occupato) … e, quindi … sto tornando in ambito ospedaliero … Preferisco uscire subito dall’argomento perché, altrimenti, rischio di frappormi tra la coda e il cane che se la vuole mordere e io, magari, dovrei mordermi la lingua (o meglio, la tastiera)! Magari se ne riparla un’altra volta.

Da oggi (e per un bel po’, salvo imprevisti) dedicherò la mia attenzione, quindi, agli Artisti miei concittadini le cui orme sono molto riscontrabili anche in territori distanti da qui; ma anche verso chi sta lavorando in modo serio e promettente.

Dopo aver annotato che la nostra comunità non ha mai avuto un particolare occhio di riguardo neanche nei confronti dei veri Padri dell’«arterìa» locale, Pietro Novelli e Antonino Leto, il discorso non può che partire da BENEDETTO MESSINA: artista di rilievo (pittore, scultore, mosaicista, ceramista e poeta) ma anche (o forse soprattutto) “generatore” di tutto ciò che a Monreale, dai suoi anni giovanili in poi, ha avuto e ancor oggi ha a che fare con l’arte.

Per lunghissimo tempo, nell’ambito artistico cittadino, Benedetto Messina è stato protagonista assoluto e prezioso punto di riferimento; il suo studio-bottega funzionava come una sorta di “orto dei talenti”. Coloro i quali, in quegli anni, sentivano germogliare l’arte al loro interno (me compreso) andavano a farsi “coltivare” da lui, in quel luogo.

Quando ho cominciato a frequentare il suo studio portavo ancora i calzoncini corti (e, come lui, dipingevo paesaggi a spatola); ho fatto parte del numeroso gruppo di allievi della sua Scuola di ceramica e mosaico e, infine, è stato mio insegnante di Disegno geometrico e architettonico all’Istituto d’Arte (cattedra che per alcuni anni ho ricevuto in eredità, prima del trasferimento al Liceo Artistico di Palermo).

Al Prof. Messina si deve la nascita, nella sua casa di via Umberto I°, dell’Istituto Statale d’Arte e di tutto quanto ne è derivato. Senza l’Istituto d’Arte l’economia cittadina avrebbe subito destini diversi: i negozi di ceramica e mosaico, che costellano il centro storico (ammiccando ai turisti ma producendo anche vera arte), non sarebbero mai spuntati e, quasi certamente, ci sarebbero stati più infermieri, impiegati generici, disoccupati e anche un bel po’ di insegnanti e architetti in meno.

Benedetto Messina, nei suoi anni, ha presidiato il territorio per tutelarne e valorizzarne il patrimonio artistico. Verso la fine degli anni ’60, ad esempio, gli fu affidato il restauro di quanto accoglie la parete dell’altare nella Chiesa della Collegiata (stucchi, falsi marmi, cornici in oro, etc.); per i lavori si avvalse della collaborazione di un gruppetto di allievi (tra i quali c’ero anch’io). In quell’occasione, grazie all’acuta ostinazione del Maestro e all’enorme abilità del Prof. Giuseppe Schirò (allora parroco della basilica) nel fiutare le antiche carte, fu possibile attribuire a Giacomo Serpotta l’esecuzione della «coppia di Angeli» posti nella parte alta di quella parete. Il Prof. Schirò rinvenne, infatti, una ricevuta a saldo firmata dallo scultore; di tale documento, secondo informazioni recenti, non ci sarebbe più traccia. In anni più recenti Benedetto Messina si occupò anche del restauro del Crocifisso ligneo, ma quest’intervento gli procurò minor successo.

Del suo lavoro di pittore esistono testimonianze (con cornice o senza) presso uffici del Comune e nella collezione della Galleria Civica, ma si dovrebbe (e potrebbe) rendergli il meritato tributo in modo ancora più tangibile.

Nel novembre del 2005 Benedetto Messina, con un documento indirizzato all’amministrazione dell’epoca e che, suppongo, sia ancora agli atti, aveva manifestato la volontà di donare alla Città il suo studio al piano terra della casa di via Umberto Primo (l’«orto dei talenti») al fine di adattarlo a “casa museo” e offrirlo alla pubblica fruizione. Il progetto, riproposto dagli eredi dopo la morte dell’Artista nel 2009, per motivi che ignoro si è arenato.

Sono certo della fattibilità e colgo l’occasione per segnalare l’argomento alla sensibilità dell’attuale Amministrazione. Il dieci maggio dello scorso anno, (accompagnato dall’omonimo nipote e mio ex allievo al Liceo Artistico di Palermo) ho avuto il privilegio di entrare nella casa dello scultore Filippo Sgarlata a Termini Imerese, trasformata in museo ad opera del Comune.

Perché noi non dovremmo riuscirci?

In un testo del critico d’arte Albano Rossi dedicato alla pittura di Benedetto Messina si legge:

“[…] Sono tutte opere in cui, pur nella diversificazione tematica, si avverte sempre un artista attento che si sorveglia senza tuttavia mortificarsi; ci si accorge che il taglio del quadro è fuori da ogni modulo consueto: e che siamo lontani dal facile e comune illustrazionismo.”

“… Resta, infine, da dire che le opere più recenti danno palmare testimonianza di come Benedetto Messina, sempre disponibile ad una logica evoluzione del linguaggio, abbia saputo pervenire a risultati “moderni” tramite l’uso di una maniera “antica”, sempre restando, peraltro, ben lontano da ogni virtuosismo: un periodo, quest’ultimo, che non minaccia il fare di Messina, troppo avvertito, consapevole e vigile delle esigenze della pittura, per lasciarsi irretire dalla sua stessa apprezzabile «bravura».”

Benedetto Messina – Monreale (PA) 1919 – 2009.

Diplomatosi presso il Liceo Artistico di Palermo e, successivamente, presso il Magistero d’Arte della stessa città, si è dedicato all’insegnamento e all’Arte.

Docente di Disegno geometrico e architettonico presso l’Istituto Statale d’Arte di Palermo e poi presso l’Istituto Statale d’Arte di Monreale del quale è stato il primo Direttore.

Ha fondato e diretto la Galleria d’Arte “La Carrubella” di Monreale.

Sue opere di pittura, scultura, ceramica e mosaico si trovano presso diversi enti pubblici e privati della Sicilia, nonché presso collezionisti in Italia e all’estero.

Fin da giovanissimo ha partecipato a Mostre regionali e nazionali, ottenendo riconoscimenti e premi.

Si sono interessati di lui la Rai e numerose testate giornalistiche.

Alcune tra le mostre più significative:

Mostra nazionale per giovanissimi – Roma, 1937 (premiato); Collettiva di giovani artisti – Nizza Monferrato, 1941; Mostra personale: 100 opere di pittura e scultura – Palermo, 1955; 7° Premio di pittura – “Città di Pizzo Calabro” – 1958 (premiato); Premio Città di Marsala; 1962; Mostra personale a Vicenza – 1972; L’Art libre – Parigi, 1973 (premiato); Mostra personale Galleria Bacchiglione – Vicenza, 1974; Salon International “L’Art libre” – Parigi, 1974 (premiato); Premio internazionale di pittura “Città di Valdagno”, 1974 (premiato); Collettiva di pittura – Città di Cologna Veneta – 1974; “L’Art libre – Confederation français – Parigi, 1975 (premiato); Mostra “Pavone d’oro” – Milano, 1975 (premiato); 4° Concorso nazionale di pittura e scultura Premio “G. D’Annunzio” – Pescara, 1977; 16° Salon National – Palais acadèmiques – Parigi, 1985.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Crisi idrica, Palermo si prepara alla turnazione. A Monreale ricognizione delle sorgenti

    ARTEria

    Palermo, 23 gennaio 2018 - L’assenza di piogge potrebbe far tornare Palermo al passato con la turnazione dell’acqua. Le riserve idriche sono ridotte al minimo, la Regione ha chiesto al governo nazionale lo stato di calamità e all'Amap di ridurre subito i prelievi dagli invasi. Così <..

    Continua a Leggere

  • Capizzi quater, dopo un mese di vuoto istituzionale la giunta è al completo. Naimi e Zingales giurano in Sala Rossa

    ARTEria

    Monreale, 23 gennaio 2018 -Dopo circa un mese di vuoto istituzionale la giunta del comune di Monreale è di nuovo al completo, questo pomeriggio è nato il Capizzi quater. Dal 22 dicembre, in seguito al passo indietro fatto dagli assessori Battaglia e Mado..

    Continua a Leggere

  • Tariffa Tari, società partecipate, regolamento sportello unico Suap e Sue: tra i punti all’ordine del giorno del Consiglio Comunale

    ARTEria

    Monreale, 23 gennaio 2018 - Una lunga lista di punti all'ordine del giorno è pronta per essere affrontata nella prossima seduta del consiglio comunale fissata per il 30 gennaio nell'aula Biagio Giordano. Tra la sfilza degli argomenti, si discuterà sulla richiesta di non applicabilità delle modifi..

    Continua a Leggere

  • Caro sindaco non dimenticate Sarina. Appello per intitolare alla fondatrice del Quartiere l’anti-villa

    ARTEria

    Monreale, 23 gennaio 2018 - Ci sono giornate come questa che una città non può dimenticare perché è dovere di chi amministra una comunità fare in modo che non vengano scordati quei cittadini che sono stati un esempio e una testimonianza preziosa. Sarina Ingrassia è tra questi. Il 23 ge..


  • Pioppo, lezioni di educazione ambientale. Gaetano Guarino: «Insegniamo ai giovani la bellezza»

    ARTEria

    Monreale, 23 gennaio 2018 – Il bosco inteso come fonte di ricchezza non solo naturale e paesaggistica ma anche economica, per questo deve essere tutelato e valorizzato anche dalle nuove generazioni. Con quest'obiettivo è ricominciata l’attività di educazione civica e ambientale nelle scuole de..


  • Monreale, sorpreso con la droga in strada, arrestato. Altre sei persone denunciate /FOTO

    ARTEria

    Monreale, 23 gennaio 2018 - I carabinieri di Monreale hanno tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti il monrealese Vittorio Monte, classe 1992. Il ragazzo è stato sorpreso con 4 dosi di hashish da un grammo l’una e 100 euro in banconote di vario taglio. I ca..


  • Cuoche combattenti, in cucina un prodotto con un’etichetta antiviolenza

    ARTEria

    Monreale, 23 gennaio 2018 - Confettura di pera e cannella, confettura di pera e noci, pesto di radicchio e noci, gelatina di vin..


  • Sancipirellese e monrealese candidata al Senato con il M5S, è Cinzia Leone

    ARTEria

    Monreale, 22 gennaio 2018 – Una laurea in Economia e Finanza, una candidatura a sindaco alle spalle e tre anni di attivismo nel Movimento 5 Stelle. È Cinzia Leone, ufficialmente candidata a rivestire la carica di Senatore della Repubblica nel collegio Sicilia 1. Ad annun..


  • Monreale, il Liceo artistico Mario D’Aleo ha una nuova targa. È fatta in mosaico dagli studenti

    ARTEria

    [gallery ids="49748,49746,49749"] Monreale, 22 gennaio 2018 – Una nuova targa per il Liceo artistico di Monreale Mario D’Aleo. L’opera è stata realizzata dagli studenti con la guida dei professori Alvich, Urso e Messina con le tecnica del mosaico, ma non quella bizantina tipica dei mosaici..


  • Possesso di hashish, marijuana, capi di abbigliamento rubati al “Forum”. I Carabinieri arrestano diversi soggetti

    ARTEria

    Palermo, 22 gennaio 2018 - Possesso di hashish, marijuana, banconote di piccolo taglio, capi di abbigliamento rubati al supermercato “Ipercoop” del centro commerciale “Forum”, ed ancora alluci abusivi alla rete ENEL e alle condutture dell’AMAP. E’ quanto è emerso dal..


  • Spezia Vs Palermo: 0-0 

    ARTEria

    Palermo, 21 gennaio 2018 - Il mister Tedino temeva la sosta per un eventuale calo di tensione che lui aveva accuratamente creato come una corda di violino. Ma la gara ha dimostrato che il Palermo c’era e ha trovato uno Spezia che ha costruito la salvezza proprio in casa con un ott..


  • Operazione antimafia, arrestato Giuseppe Biondino, il figlio dell’autista di Totò Riina

    ARTEria

    [gallery ids="49673,49674,49675,49676,49677"] Palermo, 21 gennaio 2018 - Nuova operazione antimafia nel mandamento di San Lorenzo. La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fugg..


  • Un albero per ogni nuovo nascituro. A Monreale piantumato solo il 5% di piante rispetto a quanto previsto dalla legge

    ARTEria

    Monreale, 21 gennaio 2018 - Quante volte passeggiando per le strade ci siamo chiesti quanto sarebbe bella e accogliente un’area se solo fosse più verde? E quante altre dopo gli incendi devastanti abbiamo pensato al danno provocato e alle ricadute sull’ambiente? E pensare che og..


  • Tragedia a Palermo, giovane si lancia dal ponte Oreto: intervengono i vigili del fuoco

    ARTEria

    Palermo, 21 gennaio 2018 - Un giovane si è lanciato ieri sera dal ponte di via Oreto. Un ponte già tristemente noto per fatti del genere. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti di polizia. Al momento non si conoscono le generalità del giovane che è finito contro il cemen..


  • Palermo, in sostegno di Biagio Conte una delegazione belga

    ARTEria

    Palermo, 20 gennaio 2018 - In mattinata una delegazione Belga ha portato la ..


  • Bimbo folgorato a Palermo: restano gravi le sue condizioni

    ARTEria

    Palermo, 20 gennaio 2018 - Prognosi riservata per il bimbo di sette anni che ieri pomeriggio è rimasto ustionato al volto e alle mani da una scarica elettrica in via Gaspare Palermo. Il piccolo, secondo una prima ricostruzione per gioco avrebbe aperto una cassetta dell’Enel e giocando con un..


  • Partinico, nel bene confiscato a Cosa nostra sorge la nuova guardia medica

    ARTEria

    Partinico, 20 gennaio 2018 - «Un bene confiscato alla mafia  diventa un punto di riferimento per l’intera comunità che potrà usufruire di prestazioni mediche in locali efficienti e funzionali. Siamo orgogliosi di potere consegnare ai cittadini di Partinico una struttura che assume anche il..


  • Rientra (per ora) l’emergenza. I rifiuti trasportati a Lentini a 230 km da Monreale

    ARTEria

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Rientra, almeno per ora, l’emergenza rifiuti nei 50 comuni interessati dalla chiusura di Bellolampo, tra cui Monreale, Altofonte, San Giuseppe Jato, San Cipirello, Corleone. Gli autocompattatori erano stati dirottati fino allo scorso 18 gennaio a Motta Sant’Anastasia,..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale