Monreale, emergenza rifiuti. Asp 6: “Possibile pericolo per le condizioni igienico-sanitarie“. Il comune ricorre ancora al nolo a caldo

0
tusa big

L’emergenza rifiuti nel territorio di Monreale si allenta ma non è ancora finita. Così come il rischio igienico-sanitario certificato in molte zone del paese.

In questi giorni l’Asp 6 di Palermo, in seguito ad un sopralluogo condotto dal dott. D’Agostino, su invito del comune di Monreale, ha rilevato la presenza di “cumuli di rifiuti che costituiscono possibile pericolo di pregiudizio delle condizioni igienico-sanitarie”. Anche il Comando della Polizia Municipale ha constatato la presenza di rifiuti non raccolti in diverse aree comunali, mentre l’ufficio comunale di Protezione civile ha comunicato la “presenza di notevoli accumuli di rifiuti in diverse arre comunali, in particolare nelle zone di Giacalone, Pioppo, Aquino, San Martino delle Scale, dove i cassonetti sono stracolmi e i rifiuti invadono la sede stradale”, segnalando un “pericolo per l’incolumità pubblica” in diversi siti di conferimento, a causa delle “esalazioni insalubri”.

E così il comune è costretto a ricorrere ancora all’art. 191 del D.lgs 152/2006 che permette al Sindaco, qualora si verifichino situazioni eccezionali ed urgenti, al fine di tutelare la salute pubblica e dell’ambiente, di emettere ordinanze contingibili ed urgenti anche in deroga alle disposizioni vigenti. Con l’ordinanza emessa ieri il sindaco Capizzi ha confermato alla società Trade Eco Service s.r.l. di Bolognetta il contratto di prosecuzione di un nolo a caldo di una motrice da 70 mc, con rimorchio autocaricante. La ditta si occuperà di effettuare il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani del comune e il conferimento presso la discarica di Catania.

Con decreto del 4/12/2014 il Dirigente Generale del Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti ha infatti autorizzato il comune di Monreale a conferire i rifiuti solidi urbani anche presso la discarica di Catania, per sopperire ai limiti imposti dalla discarica di Bellolampo gestita dalla REP.

Il Decreto però poi dei limiti temporali, oltre che quantitativi, al conferimento presso la discarica di Catania.

Sarà possibile conferire al max 20 tonnellate sia oggi che domani, mentre per Venerdì il limite è innalzato a 50 tonnellate.

Sarà necessario riuscire a smaltire tutti i cumuli disseminati nelle periferie monrealesi entro venerdì affinché il servizio possa tornare alla normalità e l’emergenza igienico-ambientale dichiarata terminata.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com