Oggi è 19/02/2018

Cronaca

Addiopizzo, solidarietà incondizionata a Ugo Fiorello denunciato da Salvino Caputo

Addiopizzo aveva espresso la sua opinione su “La politica innocente e impresentabile”

Pubblicato il 3 dicembre 2014

Addiopizzo, solidarietà incondizionata a Ugo Fiorello denunciato da Salvino Caputo

Monreale, 3 dicembre – Non si è fatta attendere la nota dell’associazione dell’associazione antiraket in merito alla querela di Salvino Caputo a Ugo Forello.

Arriva infatti la solidarietà incondizionata da parte di Addiopizzo a Ugo Forello , che ha ricevuto una querela personale da parte dell’ex parlamentare regionale Salvino Caputo, per un intervento svolto a Monreale alla conferenza “Tra mafia e antimafia nel nuovo mandamento e nel resto della provincia”.

Forello in quell’intervento avrebbe parlato, sostengono i volontari, a nome di tutta l’associazione. “In tempi non sospetti, esattamente nel 2010, Addiopizzo aveva espresso la sua opinione su “La politica innocente e impresentabile” che vi riproponiamo, confermandone ogni singola parola”.

<< LA POLITICA INNOCENTE E IMPRESENTABILE,  Pubblicato il 24 gennaio, 2010

Totò Cuffaro, Salvino Caputo, Salvo Priola: tre uomini politici che (è un dato di fatto) hanno tenuto una pericolosa vicinanza con esponenti di Cosa nostra. Al di là del rilievo penale, i loro comportamenti hanno in ogni caso un’innegabile e gravissima rilevanza politica e sociale. Eppure tali atti non vengono sanzionati, anzi al contrario sembrano essere premiati. Ma allora come si può chiedere ai negozianti di denunciare le estorsioni se dalla classe politica provengono tali modelli? La repressione di Cosa nostra è vigorosa, continua, efficace e puntuale. E però chi denuncia il pizzo entra a far parte di una piccola, fragile, per quanto coraggiosa e generosa, minoranza. Anche se rispetto al recente passato il trend è senz’altro positivo, cosa fino a pochi anni fa inimmaginabile, qualcosa continua a non andare. C’è qualcosa di sbagliato, ad esempio, nei meccanismi attraverso i quali si perpetua la classe dirigente della Sicilia. La nebbia è fitta, ma ce ne accorgiamo solo quando “sbattiamo la faccia”, e anche allora ne facciamo solo una questione penale, che va circoscritta, accertata… e fino a quando un giudice non ci dice che ci siamo rotti la faccia, praticamente non è successo niente. Letteralmente, non succede nulla. La vicenda di Totò Cuffaro, che la Procura di Palermo intende far processare di nuovo, stavolta per concorso esterno in associazione mafiosa, presenta anche alcuni personaggi e alcuni fatti, che con il codice penale – è già accertato – non hanno nulla a che fare. Ma socialmente hanno delle responsabilità. E bisogna gettare una luce su questi fatti, per far diradare la nebbia. Paolo Borsellino diceva: bisogna distinguere la responsabilità penale da quella politica e sociale. Un politico potrebbe risultare penalmente non responsabile, ma ciò non toglie che possano esserci altre responsabilità che dovrebbero comunque esser sanzionate: dai partiti, dagli ordini professionali, per esempio. E allora proviamo a fare un po’ di luce: magari, in futuro, eviteremo di sfigurare ulteriormente il volto della Sicilia. Nemo tenetur se detegere, ovvero nessuno può essere costretto a danneggiare se stesso, si può mentire per evitare il peggio: è quel che ha fatto l’onorevole e avvocato Salvino Caputo. È stato imputato di falsa di testimonianza, ma è stato assolto, perché nel procedimento penale è possibile mentire per evitare di autoaccusarsi di reati più gravi, in questo caso di favoreggiamento. Se avesse ammesso di avere mentito o di avere favorito Cuffaro nel processo Talpe, cosa che secondo il giudice avvenne, «avrebbe danneggiato in modo evidente e definitivo» il proprio prestigio e quello dell’Istituzione che rappresentava, il Comune di Monreale. I commercianti vittime del pizzo, che non confermano le prove schiaccianti a carico dei mafiosi, raccolte dalle forze dell’ordine, rischiano seriamente di essere condannati per favoreggiamento a Cosa nostra, mentre l’avvocato Caputo può permettersi di testimoniare il falso in ragione di una finta integrità morale e professionale da salvaguardare. Nel corso del procedimento penale si è avvalso di un suo diritto, ma fuori dal tribunale è venuto meno al suo dovere sociale di uomo politico, tanto non c’è nessuno che lo stigmatizza. Quasi ogni giorno, fra l’altro, Caputo interviene contro la mafia, elogia le forze dell’ordine, parla di beni confiscati mentre in aula ha mentito impunemente su questioni riguardanti proprio un processo per fatti e ipotesi di reato di mafia. Andiamo ad un altro avvocato-politico, l’ex consigliere provinciale di Forza Italia Salvo Priola, ex legale del boss Giuseppe Guttadauro: grazie all’interessato aiuto del suo cliente, Priola cercò di ottenere un posto nelle liste dell’ex CDU, oggi UDC, in occasione di diverse elezioni, anche nazionali. Cuffaro però non concordò, Guttadauro ne prese atto e convinse Priola a fare come voleva Totò. È tutto documentato dalle intercettazioni ambientali: il boss fa quel che vuole il politico e l’avvocato quel che vuole il boss, cioè non candidarsi. La Procura, non avendo sufficienti elementi per procedere penalmente, ha chiesto e ottenuto l’archiviazione della posizione di Priola. Ritenendo però provata l’esistenza di suoi rapporti di “amicizia”, “vicinanza” e “disponibilità” nei confronti di mafiosi come Guttadauro e il boss Greco, ha inviato al consiglio dell’Ordine un dettagliato dossier, perché questo valutasse l’eventuale adozione di provvedimenti disciplinari. Che succede, però? Non solo Priola non è stato sanzionato, ma è stato pure eletto presidente della Camera penale “Conca d’Oro”. E Cuffaro? Durante il processo Talpe ha riferito in aula di aver conosciuto e frequentato i medici Salvatore Aragona e Vincenzo Greco. I due, all’epoca dei fatti (2001), avevano già condanne definitive alle spalle. Il primo per concorso esterno in associazione mafiosa, per aver falsificato le cartelle cliniche del boss Enzo Brusca, cercando di aiutarlo a sfuggire alla giustizia, e il secondo per favoreggiamento aggravato dall’agevolazione di Cosa nostra, per aver curato il boss Salvatore Grigoli, il killer di Don Puglisi. Ma l’ex presidente della Regione, in aula, di Greco, ebbe a dire: “Sapevo che aveva avuto dei problemi di giustizia, che aveva pagato le sue colpe e che era tornato a fare il medico. Ho sempre avuto culturalmente l’idea che la gente può sbagliare, paga il prezzo alla giustizia e torna a fare il suo lavoro, è un dato che mi appartiene culturalmente. L’avevo fatto anche nei confronti del dottor Aragona […] Sapevo che c’era qualche problema legato alla mafia […] Sapevo che era stato condannato e che aveva espiato la sua colpa […] Non mi appassiona il reato con cui vengono condannate le persone”. Pietas cristiana? Non si direbbe. Cuffaro sarà credente, ma non risulta credibile, non soltanto come imputato, ma neanche come politico responsabile. Anche se in appello o in Cassazione dovesse essere assolto dal punto di vista penale, socialmente è già giudicabile: spende una montagna di soldi pubblici per i cartelli “la mafia fa schifo” e poi non sa nemmeno stare alla larga dallo schifo che assedia la politica! E nel frattempo è stato pure condannato in primo grado per avere favorito, attraverso l’altro medico e politico Mimmo Miceli (oggi pure lui condannato, anche in appello, per concorso esterno in associazione mafiosa) il boss di Brancaccio Guttadauro, l’erede dei Graviano, quelli che ordinarono l’omicidio di Padre Puglisi, indicati come molto vicini a un altro senatore sotto processo… Ma questa è un’altra storia. La nostra piccola storia di resistenza va comunque avanti, accanto a ciascuna storia di dignitosa opposizione al racket delle estorsioni mafiose, dalla strada ai processi, come sta a testimoniare anche il processo chiamato Addio Pizzo. Ma se non sapremo diradare la nebbia, non sarà mai possibile vedere un luminoso futuro. Se dalla classe politica non proverranno modelli di comportamento esemplari non ci si potrà aspettare da parte degli operatori economici denunce collettive contro il fenomeno del racket dell’estorsioni mafiose. >>

“A ciascuno, afferma l’associazione antiraket – le proprie responsabilità”.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Trappeto, fanno prostituire la figlioletta. La madre organizzava gli incontri e assisteva

    Cronaca

    Trappeto, 19 febbaio 2018 - Storie di profondo degrado sociale e culturale. A farne le spese una bambina di 9 anni che, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, era costretta a subire rapporti sessuali con la compiacenza del papà e della mamma. La madre avrebbe organizzato gli incontri e avr..

    Continua a Leggere

  • Primo gol in Serie A per il sancipirellese Giovanni Crociata con il Crotone

    Cronaca

    San Cipirello, 19 febbraio 2018 - È arrivato il primi gol nella massima serie del calcio giocato italiano per Giovanni Crociata. Il calciatore di San Cipirello ha siglato il momentaneo gol dell'1 a 0 del Crotone durante il match di ieri contro il Benevento. Una ventata d’aria fresca ha avvolto la..

    Continua a Leggere

  • Perugia vs Palermo 1-0. Una sconfitta che può pesare psicologicamente sul proseguo del campionato

    Cronaca

    Perugia, 18 febbraio 2018 - Per il Palermo si apre ufficialmente la crisi di risultati, terza sconfitta consecutiva.  Nel match di sabato è andato in campo un Palermo che nel primo tempo è apparso sotto tono e poco propositivo. Il Perugia non era irresistibile e il primo tempo la noia la f..

    Continua a Leggere

  • Terremoto all’Ast, metà degli autisti avrebbe rubato gli incassi dei biglietti

    Cronaca

    Palermo, 18 febbraio 2018 - Metà degli autisti dell'azienda siciliana trasporti (Ast) partecipata della Regione siciliana, che garantisce il trasporto tra i vari comuni, è indagata per aver sottratto gli incassi dei biglietti venduti. I 75 autisti coinvolti - dice il Giornale..

    Continua a Leggere

  • “Ensemble Ars Combinatoria”: concerto di musica classica a Monreale

    Cronaca

    Domenica 25 febbraio alle 18,45 sarà possibile assistere ad un concerto di musica classica e sacra a Monreale. L'ingresso è gratuito.  Nella cornice della chiesa di Maria Santissima degli Agonizzanti è in programma l'esibizione dell"Ensemble Ars Combinatoria", che riunisc..

    Continua a Leggere

  • Rapinano la farmacia ma vengono arrestati da 20 poliziotti

    Cronaca

    Palermo, 18 febbraio 2018 - Due giovani sono stati fermati dagli agenti delle volanti e dei falchi dopo che avevano messo a segno una rapina alla farmacia ad angolo tra via Lincoln e corso dei Mille a Palermo. I due sono entrati e dopo avere arraffato i soldi sono usciti per strada cercando di sc..

    Continua a Leggere

  • C’era una volta … “Il Mago Grigio e le Matite”

    Cronaca

    Monreale, 18 febbraio 2018 - C’era una volta un regno tutto grigio governato dal Mago Grigio.  Il Mago Grigio viveva nel castello di creta sopra una montagna. Lì non batteva mai il sole, vi era sempre una nuvola grigia che faceva ombra sul castello. Al suo servizio aveva ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. I secolari ficus magnolie della villa ammalati: necessari interventi urgenti

    Cronaca

    Monreale, 18 febbraio 2018 - Sono passati svariati decenni da quando la villa comunale era uno spazio di gioco, dove divertirsi. Un posto dove trovare ristoro nel periodo estivo quando il caldo afoso soffoca la cittadina monrealese. Un ambiente incantevole e rilassante, mantenuto fresco, con una vis..

    Continua a Leggere

  • Salvo Lo Coco da Parigi vola a Torino per l’evento Wella

    Cronaca

    Monreale, 17 febbraio 2018 - Torino, ecco la meta di questo fine settimana del parrucchiere monrealese Salvo Lo Coco. Il Pala Alpitour sarà la sede dell'evento Wella più atteso dell'anno.

    Quindici top stylist italiani ed internazionali, si alterneranno sul palco più ..

    Continua a Leggere

  • Orlando incontra il sottosegretario Boschi: “Partito Democratico come Arca di Noè”

    Cronaca

    Palermo, 17 febbraio 2018 - "Il Pd come l'arca di Noè" che accoglie e mette in salvo le proposte migliori per il Paese. Così Leoluca Orlando, che ha concluso a Palermo l'incontro con il sottosegretario Maria Elena Boschi,

    Continua a Leggere

  • “Alcesti o la recita dell’esilio”: domani in scena a Partinico

    Cronaca

    1. Partinico, 171febbraio 2018 - Domenica 18 Febbraio alle ore 18.00 verrà portato in scena, al teatro Gianì di Partinico, "Alcesti o la recita dell'esilio" per la regia di Maurizio Carlo Luigi Vitale.
    Tre esistenze sconvolte da una sopravvenuta dittatura trovano rifugio in u..

    Continua a Leggere

  • Si cerca Otello, labrador nero. Si è perso a Monreale, zona cimitero

    Cronaca

    Monreale, 17 febbraio 2018 - «È scomparso Otello, a Monreale zona cimitero. È un Labrador nero di 6 anni, ha qualche pelo bianco sulla testa e un collare nero in cuoio. È microcippato. Per favore, a tutti i miei amici monrealesi, se doveste vederlo fatemi sapere». E' l'appello che una lettrice ..

    Continua a Leggere

  • «A Monreale crisi gravissima, politici fanno razzie». Il M5S ed i candidati alle Politiche

    Cronaca

    Monreale, 17 febbraio 2018 - Fondi europei, responsabilità, Mezzogiorno, burocrazia lumaca, credibilità della politica e problemi locali sono stati al centro dell’incontro dei candidati locali del Movimento 5 Stelle che si è tenuto ieri a Monreale. Dentro la sala di una pizzeria monrealese i tr..

    Continua a Leggere

  • Elezioni Camera e Senato, come si vota. Ecco la scheda elettorale con i nomi dei candidati del collegio monrealese

    Cronaca

    Monreale, 17 febbraio 2018 - Con il nuovo sistema elettorale, il cosiddetto Rosatellum, basterà una sola croce per esprimere il voto per le elezioni politiche del 4 marzo. I seggi saranno attribuiti con sistema misto, parte proporzionale e parte mag..


  • Sciacca. Avvelenati 15 cani randagi. Parole dure da Musumeci: “Atto di grave inciviltà” (FOTO)

    Cronaca

    Sciacca, 17 febbraio 2018 - Potrebbero essere state delle polpette avvelenate la causa della morte di 15 cani randagi a Sciacca. L'episodio si è verificato in contrada Muciare, vicino la spiaggia. Nella zona da tempo è stata segnalata la presenza di numerosi cani randagi, alcuni dei quali hanno..


  • Monreale, docenti dalla Spagna e dall’Ungheria. È l’“Erasmus Nations’ Puzzle”

    Cronaca

    Monreale, 17 febbraio 2018 - Si è svolta questa mattina in Sala Rossa, alla presenza del vicesindaco del comune di Monreale, Giuseppe Cangemi, l’accoglienza degli otto docenti degli istituti superiori di Madrid, in Spagna, e di Gyöngyös, una città del nord dell’Ungheria, da ..


  • Lavoro in proprio: i suggerimenti per avviare un’attività da zero

    Cronaca

    16 febbraio 2018 - Oggi siamo tutti aspiranti imprenditori: le difficoltà economiche e i cambiamenti del mercato del lavoro ci hanno naturalmente spinti in questa direzione, con tutte le conseguenze del caso. Conseguenze che parlano la lingua dell’incertezza e delle scarse conoscenze: spesso, inf..


  • Monreale, la sfilata di Carnevale aprirà la Festa di Primavera

    Cronaca

    Monreale, 16 febbraio 2018 - La sfilata di Carnevale prevista per i giorni scorsi a Monreale aprirà la Festa di Primavera, considerato che le avverse condizioni meteorologia, non promettono nulla di buono anche per domenica 18 febbraio. A comunicarlo sono gli assessori alla Pubblica Istru..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com