Cronaca

“Non è stato consentito ad Addio Pizzo di operare a Monreale e l’antimafia di Caputo era soltanto parolaia”. Caputo non ci sta e querela Forello

“Non è stato consentito ad Addio Pizzo di operare a Monreale e l’antimafia di Caputo era soltanto parolaia”. Caputo non ci sta e querela Forello

Monreale, 2 dicembre – “E’ assai singolare e allo stesso tempo preoccupante che un soggetto che mai ho conosciuto e che mai si è occupato della vita politica e sociale di Monreale, in un convegno istituzionale sui temi della legalità e della lotta contro la Mafia all’interno di una sede particolare come quella del Palazzo Arcivescovile della Diocesi di Monreale, esprima pesanti giudizi sull’operato di un’amministrazione della quale non conosce la storia nè l’impegno sociale e antimafia“. A dichiararlo è Salvino Caputo che questa mattina attraverso i propri legali Avvocati Francesca Fucaloro e Mario Caputo ha presentato presso la Stazione dei Carabinieri di Monreale una articolata querela nei confronti di Ugo Forello.

Questi sabato scorso intervenendo ad un convegno promosso dalla Associazione Addio Pizzo, d’intesa con la Curia di Monreale avrebbe espresso, secondo Caputo, giudizi poco lusinghieri riguardo l’impegno amministrativo ed istituzionale della giunta guidata dall’allora Sindaco Caputo. Forello infatti avrebbe dichiarato che in quegli anni “non è stato consentito ad addio pizzo di operare a Monreale e che la antimafia di Caputo era soltanto parolaia e con pochi fatti e che le Istituzioni hanno operato da sole senza il supporto di alcuni organi dello Stato”.

“Se si fosse trattato soltanto della mia persona – ha sottolineato Salvino Caputo – avrei certamente ignorato l’intervento di un soggetto che era ancora minorenne quando a Monreale è stata avviata la prima esperienza della lotta contro la Mafia attraverso la gestione dei beni sottratti ai boss. Ma ho ritenuto doveroso presentare una denunzia a tutela di tutti quelli che, Amministratori e Funzionari, si sono esposti adottando scelte coraggiose contro la Mafia.

“Sono certo – ha affermato Caputo – che se il Sig. Forello avesse saputo che per la prima volta a Monreale e nel territorio da sempre ritenuto ad alta densità mafiosa abbiamo sottratto i beni confiscati ai boss del calibro di Totò Riina, Leoluca Bagarella, Giovanni e Bernardo Brusca, Bernardo Provenzano, Giuseppe Bommarito, Giuseppe Balsano, Pietro Aglieri, Raffaele Ganci e li abbiamo assegnati con il supporto di Libera alle prime cooperative giovanili nate nel territorio. Nomi che certamente leggeva sui giornali e che noi invece abbiamo sfidato e umiliato. Che abbiamo revocato appalti milionari a imprese in odor di mafia. Che prima ancora che nascesse Addio Pizzo abbiamo costituto le prime associazioni contro il racket e l’usura. Che abbiamo sostenuto – senza ingenti finanziamenti comunitari da rendicontare – imprenditori vittime di mafia e ci siamo costituiti parte civile in tutti i processi contro i boss di Cosa nostra, anche monrealesi. Che abbiamo demolito il capannone del boss di Cosa nostra monrealese Giuseppe Balsano, mentre le altre amministrazioni lo hanno lasciato in opera. Abbiamo portato in tutta Italia l’esperienza di un sistema pubblico di gestione di beni confiscati. Che per 3 anni un sindaco e la Sua famiglia hanno vissuto sotto scorta per le minacce subite. Che il Comune di Monreale in quegli anni è stato considerato dalle istituzioni nazionali un esempio da esportare. Sono certo che se avesse conosciuto tutto quanto avrebbe rivolto ad altri e in maniera certamente più motivata queste critiche.

Anche perché ricordo al Sig. Forello che Addio Pizzo non ha operato in quegli anni a Monreale perché l’associazione è nata nel luglio del 2004 e quando il Sindaco di Monreale era un altro soggetto”.

Ricevi tutte le news
Scritto da: Redazione
Pubblicato il 2 dicembre 2014

Potrebbero interessarti anche:


  • Corleone, condannati e assolti al processo Grande Passo 4. Imprese denunciano il pizzo

    Cronaca

    [ngg_images source="galleries" container_ids="248" display_type="photocrati-nextgen_basic_imagebrowser" ajax_pagination="0" order_by="sortorder" order_direction="ASC" returns="included" maximum_entity_count="500"] Corleone, 23 novembre 2017 - La procura antimafia aveva richiesto in tutto, per le ..

    Continua a Leggere

  • “Spunti di cambia-Menti”: un cine-convegno al Pagliarelli per i detenuti uomini maltrattanti

    Cronaca

    Palermo, 23 novembre 2017 -In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle Donne, l'Associazione “Un Nuovo Giorno”, con il patrocinio del Comune di Palermo promuove e organizza, all’interno della casa Circondariale Pagliarelli il cine-convegno “Spunti di cambia-Menti”. L'even..

    Continua a Leggere

  • A Monreale la prima sagra del Buccellato. Il 9 e 10 dicembre cultura, scienza e tecnologie alimentari

    Cronaca

    Monreale, 23 novembre 2017 - Monreale si prepara al Natale con un dolce evento dal sapore siciliano. Il Collegio di Maria, il 9 e 10 dicembre, ospiterà la prima sagra del buccellato, il biscotto tipico della ricorrenza natalizia. La manifestazione è organizzata dall'Associazione dei Commercianti d..

    Continua a Leggere

  • Monreale, Sandro Russo (PD): “Capizzi riferisca in aula sui responsabili del dissesto finanziario”

    Cronaca

    Monreale, 23 novembre 2017 - Oggi pomeriggio con molta probabilità il sindaco Capizzi dovrebbe trovare tra i consiglieri presenti in aula almeno quei 10 necessari per approvare il rendiconto finanziario per l’esercizio 2016. Martedì il numero legale era venuto a manca..


  • ARS: Marco Intravaia in corsa per il ruolo di capo del cerimoniale

    Cronaca

    Monreale, 23 novembre 2017 - Si prospetta un ruolo in prima fila per Marco Intravaia all’interno del nuovo organigramma dell’Assemblea Regionale Siciliana. Intravaia, consigliere comunale di Monreale (gruppo misto), è un fedelissimo del Presidente della Regione Nello Mu..


  • Monreale. Rubino (PD): “Pronti al congresso”. Ma le divergenze permangono

    Cronaca

    Monreale, 23 novembre 2017 - Si è svolta ieri pomeriggio presso il Collegio di Maria, in una sala poco partecipata, un incontro della sezione monrealese del PD. Invitati a partecipare dal commissario Antonio Rubino i dirigenti e i militanti del partito per discutere, anche alla luce dell’ultimo d..


  • “La signora delle pomelie”. Il racconto di Filippa Gracioppo

    Cronaca

    Monreale, 19 novembre 2017 – Continua, con la rubrica "Iltuolibro", il nostro impegno e il nostro contributo a favore di nuovi scrittori che, attraverso uno spazio messo a loro disposizione sul nostro quotidiano, vogliano farsi conoscere ad un pubblico più vasto. "Iltuolibro"  Vostro qu..


  • I Carabinieri celebrano a Monreale “Virgo Fidelis”

    Cronaca

    Monreale, 22 novembre 2017 - Ieri 21 novembre 2017, alle ore 18:00, presso il Duomo di Monreale, è stata celebrata la “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri, il 76° anniversario della Battaglia di Culqualber e la “Giornata dell’Orfa..


  • Monreale. Sul rendiconto di gestione 2016 salta per la terza volta il Consiglio comunale. La maggioranza non c’è

    Cronaca

    Monreale, 22 novembre 2017 - Flop per il terzo Consiglio comunale rinviato a giovedì 23 novembre per assenza del numero legale. Di fatto tra le file resta una maggioranza scarsa, nove consiglieri. Russo e Di Benedetto escono lasciando l'ago della bilancia in mano all’opposizione, ma quest’ultim..


  • Corleone. Alle 09,00 Totò Riina seppellito al cimitero. Padre Gentile benedice la salma

    Cronaca

    Corleone, 22 novembre 2017 - Corleone in questi giorni è al centro delle cronache mondiali. Giornalisti e videoreporter provenienti da tutto il mondo hanno preso d’assalto il paese dell’entroterra siciliano nella speranza di strappare immagini, dichiarazioni, indiscrezioni, int..


  • La bara di Totà Riina entra al cimitero il VIDEO ESCLUSIVO

    Cronaca

    vietato qualsiasi utilizzo del video. contattare la redazione per ottenere il permesso..


  • Operazione “Falco”. Nessuna vittima del racket ha mai denunciato gli estorsori. Lezioni di mafia per i giovani affiliati

    Cronaca

    Palermo, 21 Novembre 2017 - “Nonostante il momento storico abbia dimostrato segnali di cambiamento di direzione della Sicilia, questa volta non si è registrata la stessa collaborazione dei commercianti che hanno denunciato i loro estortori”. E’ amaro il commento del C..