Speriamo che questo consiglio comunale sia pronto…

0
tusa big

Martedì 30 Settembre alle ore 16.00 si terrà un consiglio comunale straordinario sulla legalità.

Non è la prima volta che sentiamo parlare di un evento come questo, infatti a Marzo di quest’anno, dopo che il mensile siciliano S in esclusiva informava tutti che un membro del Comitato Pioppo Comune nel 2010 era stato vittima di una intimidazione mafiosa, alcuni membri del consiglio comunale chiesero una seduta straordinaria per dimostrare la propria solidarietà alla persona vittima del gesto criminale e a tutto il Comitato.

Gli attivisti, in una riunione con i capigruppo, ringraziarono i firmatari della richiesta per l’intenzione espressa di convocare il consiglio comunale straordinario ma rifiutarono perché troppo incentrato sull’attivista oggetto dell’intimidazione. In quella stessa occasione i componenti del Comitato rilanciarono la palla chiedendo di organizzare un consiglio comunale ma per parlare degli interessi della mafia nel nostro territorio: rifiuti, edilizia, droga, incendi, ecc…

Al termine dei lavori i consiglieri comunali presenti pensarono che era meglio non realizzare quel consiglio comunale perché in prossimità della campagna elettorale e ciò rischiava di sminuire e strumentalizzare l’evento … Oggi pensiamo che forse, in campagna elettorale ma non solo, le figure istituzionali hanno un po’ di remore a parlare di certe cose.

Finite le elezioni, a pochi mesi da quel giorno di marzo molto pesante per il Comitato Pioppo Comune, si ritorna ad essere solidali nei confronti del consigliere Toti Gullo perché gli è stata incendiata l’auto. I motivi e la dinamica dell’incendio sono ancora da verificare e non è compito nostro offrire ipotesi però, da cittadini impegnati sul proprio territorio a difesa della legalità, non possiamo fare a meno di sottolineare che ancora una volta ci ritroviamo di nuovo alla precisa ed identica situazione di qualche mese fa e forse di sempre: la solidarietà di tutti, la convocazione di un consiglio comunale, la difesa ad oltranza di tutti delle istituzioni e della legalità. Nessun giudizio in queste poche considerazioni da parte nostra. 


Speriamo però che questo consiglio sia pronto a discutere di mafia e ciclo dei rifiuti, perché è accaduto che in subappalto siano stati stipulati contratti di noli di mezzi con delle ditte i cui titolari si sono visti coinvolti in operazioni antimafia.


Speriamo però che questo consiglio sia pronto a parlare di mafia, appalti e chiamate dirette a ditte che hanno svolto un servizio pubblico con soldi pubblici in questo comune.


Speriamo però che questo consiglio sia pronto a discutere di mafia, criminalità ed istruzione perché si sia pronti a ridare una scuola ai suoi alunni dopo essere stata chiusa, vandalizzata e infine incendiata chissà da chi.


Speriamo però che questo consiglio sia pronto a portare avanti, e questa volta sul serio, la proposta supportata da una raccolta di firme per nominare la scuola media di Pioppo a Paolo Borsellino.


Speriamo però che questo consiglio sia pronto a parlare di mafia e droga perché troppo spesso ci ritroviamo a criticare questi giovani che prendono cattive strade ma ci dimentichiamo che difficilmente gli viene data una strada alternativa.


Speriamo però che questo consiglio comunale sia pronto a parlare di mafia e della sua volontà ad entrare dentro le istituzioni. Ricordiamo che in quel consiglio, un paio di anni fa, c’era seduto un consigliere che durante il suo mandato fu arrestato nell’operazione Perseo, ma anche che molti altri candidati in varie liste furono anch’essi arrestati per svariate operazioni antimafia e infine, e non per importanza, che le ultime inchieste da Corleone, rendono noto che la mafia voleva dei contatti con chi, anche in questo comune, era seduto in una delle passate giunte.


Speriamo però anzi ESIGIAMO da cittadini che questo consiglio comunale sia pronto, altrimenti suggeriamo vivamente di risparmiare quei gettoni di presenza che potrebbero esser spesi per altro, magari per delle realtà di volontari che si impegnano veramente per la legalità.

Nino Carlotta e Stefano Lo Coco.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com