Cisl: “Gli incontri sindacali si svolgano al di fuori dell’orario di lavoro”

0
tusa big

Monreale, 21 agosto 2014 – Nei giorni scorsi, il segretario aziendale della Cisl-Funzione Pubblica, Nicola Giacopelli, con una nota inviata al sindaco ed al segretario generale del Comune di Monreale ha chiesto che tutti gli incontri di contrattazione o concertazione, da settembre in avanti, siano convocati in orari non coincidenti con quelli lavorativi.

“La richiesta che ho formulato – spiega Giacopelli – trova fondamento nelle chiare e precise disposizioni dettate dal vigente contratto collettivo nazionale con cui è stato regolamentato l’utilizzo dei distacchi, delle aspettative e dei permessi sindacali, che all’articolo 10 prevede espressamente che le riunioni con cui gli enti assicurano i vari livelli di relazioni sindacali devono avvenire, di norma, al di fuori dell’orario di lavoro. Di questa regola sino ad ora al Comune di Monreale non si è sistematicamente tenuto conto: siccome però sappiamo tutti che errare è umano, ma perseverare è diabolico, non vedo alcuna ragione per cui l’amministrazione dovrebbe continuare a non rispettarla”.

Sull’argomento occorre anche considerare che, nell’ambito del pubblico impiego, dal prossimo 1° settembre entrerà in vigore la norma, contenuta nel decreto-legge 90/2014 di recente convertito in legge, in base alla quale i distacchi, le aspettative ed i permessi sindacali vengono ridotti del cinquanta per cento.

“Per quanto mi riguarda – conclude Nicola Giacopelli – nel caso in cui le prossime riunioni di contrattazione o di concertazione dovessero essere convocate ancora in  orario di lavoro, mi rifiuterò di prendervi parte: magari a qualcuno ciò potrebbe far piacere o non interessare, ma è l’unico modo che ho per rivendicare con forza il rispetto di una regola contrattuale che sinora è stata totalmente ignorata”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com