Marineo: progetto internazionale di interscambio culturale giovanile

0
Araba Fenice desk

La Human Rights Youth Organization H.R.Y.O, associazione attiva nel settore dei diritti umani, nella progettazione e realizzazione di scambi giovanili europei ed extra-europei, ha avviato a Marineo uno scambio giovanile europeo che coinvolge Italia, Turchia, Croazia e Lettonia. Il progetto, che dal 3 agosto proseguirà fino al 10, è stato finanziato dalla Agenzia Nazionale per i Giovani, ente responsabile per l’attuazione del programma Gioventù in Azione in Italia ora Erasmus plus.

Il progetto coordinato dalla H.R.Y.O. vede come partner principale la Fondazione Culturale Giocchino Arnone che, da sempre vicina ai progetti di sviluppo dei processi culturali a livello locale e non solo, ha aiutato l’associazione sin dall’inizio del suo operato presso Marineo.

Altro ruolo fondamentale è stato quello del Comune di Marineo e nello specifico quello ricoperto dall’Ass.ra Francesca Salerno la quale ha avviato insieme all’associazione la macchina organizzativa che sta portando alla realizzazione dell’evento.

Marco Farina, monrealese, presidente della Human Rights Youth Organization e coordinatore diretto del progetto: “I giovani partecipanti avranno modo di arricchirsi grazie a questo breve ma intenso percorso di vita insieme. In un periodo di crisi e talvolta di sfacelo delle amministrazioni locali, il progetto permette di valorizzare quelle amministrazioni che riescono ad emergere da questo torpore. L’amministrazione del Comune di Marineo è molto attiva per lo sviluppo delle opportunità giovanili, non si limita a fare mera propaganda politica ma sta saggiamente gettando le basi per uno sviluppo prolifico a livello internazionale su vari settori. Siamo felici di essere in qualche maniera parte di questo percorso. Altro ruolo fondamentale gioca la Cultura ed in questo senso la Fondazione Culturale G. Arnone, con il proprio impegno e dedizione, è per noi un costante esempio da seguire.”

Le tematiche che il progetto prende in esame sono i diritti umani, la cooperazione, la violenza, il razzismo, i problemi dei giovani europei e soprattutto il rapporto dei giovani con la nostra Europa.

Lo scambio offre la possibilità di creare cittadinanza giovanile attiva. L’obiettivo è quello di tirar fuori, esporre e analizzare gli elementi che ostacolano lo sviluppo dello spirito europeo attraverso la cooperazione per creare integrazione culturale e sconfiggere il pregiudizio tra i paesi europei.

Le attività si concentrano sul cinema, il teatro e la giocoleria attraverso le quali i ragazzi avranno modo di conoscersi ed interagire divertendosi. Le suddette attività vengono svolte in maniera non formale e con lo scopo di sviluppare creatività.

Il programma: giochi di fuoco, rappresentazioni teatrali e realizzazioni di video, il tutto allo scopo di conoscere altre culture.

“I ragazzi che prenderanno parte al progetto saranno protagonisti attivi del cammino verso la vittoria contro il pregiudizio e la diffidenza che spesso non ci permette di vedere gli altri come amici. Cercheremo di creare legami oltre i nostri confini per far crescere in noi la voglia di condividere la nostra cultura e magari mescolarla un po’ con quella di altri paesi!”

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com