Monreale: indagine per la costruzione di un impianto fotovoltaico

0
tusa big

Monreale, 24 Luglio 2014 – Parte da Monreale un’indagine che mira a coinvolgere alti vertici della politica siciliana e funzionari e dirigenti dell’Assessorato Regionale all’Industria.

L’indagine parte dal 2009, anno in cuila società Heliospower srl, con sede a Palermo, appositamente sorta per costruire una fattoria solare a Monreale, in contrada Casa Scardino, ottiene l’autorizzazione dall’assessorato regionale all’Industria. Un’autorizzazione conseguita, secondo gli inquirenti, in tempi troppo celeri, grazie ad una serie di regali (televisori e telefonini) che hanno convinto i burocrati ad accelerare le pratiche “agendo in violazione dei doveri di trasparenza, d’imparzialità e di perseguimento esclusivo del pubblico interesse”, dichiarano gli inquirenti che hanno concluso le indagini. Tangenti per oliare gli uffici regionali a favore della Heliospower, che intanto ha costruito l’impianto da 5 MW e l’ha venduto ad una società spagnola.

Al centro delle indagini l’ex assessore all’Industria Pippo Gianni assieme a dirigenti e funzionari dell’assessorato, accusati di corruzione. Ma anche un commissario della Polizia municipale di Palermo e alcuni imprenditori.

L’inchiesta palermitana segue un filone di un’altra indagine tutta partenopea sulla contraffazione di cd, i cui introiti sarebbero stati investiti nel settore delle energie alternative.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com