Romanotto: ”Lo stop all’esame del Piano di Riequilibrio causato da una scelta dell’amministrazione Capizzi”

0
tusa big

Era atteso per i prossimi giorni l’esame del Piano di Riequilibrio Pluriennale elaborato dalla giunta Di Matteo presso la Commissione del Ministero dell’Interno. Al momento il passaggio in Commissione è saltato, rimandato probabilmente a settembre.

E’ il consigliere comunale Giuseppe Romanotto (“Per Monreale”) a spiegare il motivo di questo differimento: ”La decisione dell’amministrazione comunale di ritirare la delibera della giunta Di Matteo sulla pianta organica del comune ha determinato l’interruzione della procedura di valutazione in corso”.

La documentazione sulla pianta organica era stata espressamente richiesta dal Ministero per vagliare la correttezza dei dati contabili approntati dal comune e inviata dalla giunta Di Matteo nei tempi previsti.

“La mancata presentazione in tempo dei documenti richiesti al Comune – spiega Romanotto, che ha fatto parte della precedente maggioranza di governo – farà slittare l’iter al mese di Settembre con conseguente rinvio delle somme che sarebbero dovute arrivare”. L’approvazione avrebbe determinato l’arrivo di risorse finanziarie pari a circa 7 milioni e mezzo di euro.

Una scelta, quella dell’amministrazione, che secondo l’opposizione sarebbe stata assunta con superficialità, senza valutarne adeguatamente le conseguenze.

Romanotto difende la correttezza dell’azione amministrativa condotta da Di Matteo, perseguita con l’obiettivo prioritario di risanare i conti del comune. E critica l’analisi fatta dal sindaco Capizzi dinanzi al consiglio comunale sulla situazione finanziaria ereditata.

“Il sindaco – continua Romanotto – ha fatto confusione durante la sua relazione tra situazione debitoria e bilancio in equilibrio. La giunta Di Matteo ha lasciato i conti in ordine e solo dopo l’approvazione del Piano di Riequilibrio Pluriennale ha potuto approvare un bilancio in equilibrio strutturale con la certezza delle entrate e delle uscite. Dopo tale approvazione ha provveduto ad una radicale riduzione dei debiti con i vari creditori.

Il plauso va all’assessore Giuseppe La Fiora che ha promosso e ottenuto una transazione con la Telecom, ottenendo una riduzione della pretesa creditoria da parte della società di circa 400.000 € su un 1.100.000 €”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com