Retribuzione dei revisori contabili. Non passa il taglio del 50% in consiglio comunale

0
Araba Fenice desk

Una lunga discussione ha coinvolto i consiglieri comunali, chiamati ad approvare la delibera della II Commissione Consiliare sul taglio della retribuzione del Collegio dei Revisori dei Conti del Comune di Monreale del 50%.

Il presidente della II Commissione, consigliere Francesco Barna, ha illustrato le motivazioni della proposta di delibera.

Il consigliere Vittorino, facente parte della stessa commissione, ha sottolineato altresì che la votazione aveva portato ad un consenso unanime dei suoi componenti, a dimostrazione dell’importanza del lavoro propositivo e costruttivo portato avanti dall’opposizione, “un chiaro esempio di collaborazione fattiva”.

Il sindaco Capizzi ha invece spiegato che in consiglio è stata portata una proposta di riduzione del 25% degli emolumenti: “Quel 50% evaso dalla Commissione va bene in un’ottica di spending review, ma lo è anche una riduzione del 25%. Chiedo alla Commissione di ritirare la proposta e avallare quella di riduzione del 25%, che garantirebbe comunque la copertura finanziaria”.

Il consigliere del Movimento 5 Stelle, Fabio Costantini, ha elogiato il lavoro fatto dalla II Commissione, “fatto senza guardare a colori politici, ma sulla base di uno studio accurato fatto nell’arco di diversi incontri di Commissione. Non capisco perché la maggioranza abbia presentato un emendamento a favore del taglio del 25%, quando già la nostra Commissione è costituita da 4 componenti della maggioranza che avevano approvato il taglio del 50%”.

“La differenza tra le due proposte, di circa 100€ per i singoli componenti e di circa 200€ per il Presidente, è talmente minima da non potere ledere la professionalità dei tre professionisti. Si tratta di circa 35.000€ in tre anni. La riduzione del 10% è già prevista da legge. E’ risibile aggiungere solo il 15%”.

Il Consigliere Romanotto ha espresso dichiarazione di voto favorevole al taglio del 50%.

Anche il consigliere Marco Intravia, in rappresentanza del gruppo misto composto anche dai consiglieri Venturella Li Causi e Costantini, ha anche espresso voto favorevole. Lo stesso hanno fatto i consiglieri Rincione, Barna, Guzzo.

Valeria Viola, e Aurelia Di Benedetto (PD), componenti della II Commissione, hanno invece dichiarato che, nonostante un primo voto dato in commissione a favore della riduzione del 50%, adesso voteranno per il taglio del 25%. La riduzione sarebbe troppo drastica. E questo perché il collegio sarà chiamato a svolgere un compito che andrà oltre il semplice controllo contabile dell’amministrazione verso una fattiva collaborazione con il sindaco.

Salvatore Gullo (Alternativa Civica): “Il gruppo che rappresento ritiene che la riduzione del 15% oltre quanto previsto da legge è la giusta riduzione in un’ottica di spending review, che va a dare il giusto merito al lavoro dei professionisti. Vi saranno altri modi per ridurre la spesa pubblica. Lo potremmo fare anche a livello personale”.

Ignazio Davì, (capogruppo PD): “Favorevoli alla riduzione del 25%, la cifra più idonea per il lavoro del Collegio. Invito il presidente Barna ad un maggiore confronto con la maggioranza”.

Angelo Venturella: “La professionalità esiste indipendentemente dalla retribuzione”. Fa eco il consigliere Giuseppe Romanotto: “La professionalità in un revisore dei conti è certificata dallo stato e non dalla retribuzione.”

L’emendamento della II Commissione è stato bocciato con 16 voti contrari, 1 astenuto, 13 favorevoli.

A seguire si è proceduto a votare l’emendamento della riduzione del 25%, che è stato approvato con 26 voti favorevoli e 4 contrari.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com