Vittorino e Li Causi intervengono sulle questioni dello stipendio dei revisori dei conti, del collegamento con Palermo e della pulizia del cimitero

0
tusa big

Monreale, 19 Luglio. I consiglieri comunali Mimmo Vittorino e Rosario Li Causi intervengono su alcuni temi di pressante attualità per la cronaca politica monrealese, puntando l’attenzione su alcuni problemi reali del paese che meritano una soluzione.

In una dichiarazione rilasciata stamane alla nostra redazione, i due hanno voluto infatti sollecitare l’amministrazione perché si adoperi nell’opera di pulizia del cimitero comunale, a detta degli stessi “in condizioni disastrose, considerato anche che l’ultima pulizia dello stesso è stata effettuata l’Aprile scorso”.

Ma non solo, Vittorino e Li Causi mettono l’accento anche sulle ultime dichiarazioni dell’amministrazione riguardo il collegamento tra Monreale e Palermo, attualmente molto difficoltoso data la scadenza della convenzione fra il nostro Comune e la ditta Giordano. A fronte delle ripetute rassicurazioni, infatti, i consiglieri lamentano un perpetrarsi dei disagi per cittadini e turisti: “nonostante tutti gli annunci, la navetta non c’è”.

Ed ancora, i consiglieri, entrambi facenti parte della seconda commissione, hanno voluto in parte correggere le dichiarazioni di Fabio Costantini riguardo la proposta di decurtazione delle spettanze dei revisori dei conti del nostro Comune; secondo quanto riportato dai due, la proposta sarebbe scaturita all’interno di una discussione in merito alla decurtazione nata all’interno della commissione, che avrebbe valutato anche tagli del 70% degli stessi onorari, ritenendo però questi eccessivo rispetto al lavoro svolto dagli stessi. Fra le varie opzioni paventate dai componenti della commissione, la stessa avrebbe poi scelto quella proposta dal consigliere Costantini.

In ultimo, Vittorino e Li Causi hanno reso noto che la commissione ha esitato un emendamento al regolamento TARI, che vedrà aumentare le rate di pagamento della stessa da tre a quattro, abbassando l’aggravio soprattutto per la prima rata, che sarà calcolata così sul 25% dell’importo dovuto per la TARES, mentre il precedente regolamento prevedeva il 50% dello stesso importo.

In linea pratica, mentre prima si prevedeva una divisione in tre rate dell’importo totale, le prime due calcolate rispettivamente sul 50% e sul 25% dell’importo della TARES e la terza di conguaglio, adesso, se l’emendamento avrà parere positivo dal Consiglio Comunale di Lunedì prossimo, le rate previste sono quattro: le prime tre calcolate sul 25% ognuna dell’importo dovuto per la TARES, l’ultima come conguaglio.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com