Il Comitato Pro Autonomia di Pioppo sulla S.S. 186 chiusa al transito: il sopralluogo e le richieste agli enti coinvolti

0
Araba Fenice desk

Lo Scrivente Comitato dopo avere effettuato una disamina delle motivazioni e delle cause che hanno portato alla chiusura del tratto di strada in oggetto, e dopo avere verificato i luoghi, con la presente nota espone le seguenti considerazioni e richieste.

• più volte ed in diversi anni il tratto di strada in questione, in particolare l’area boscata sovrastante , è stato attraversato da incendi, tutti dolosi, che hanno devastato tutto il tratto;

• nel passato sono state effettuate diverse opere di protezione e manutenzione dei luoghi, con realizzazione di paramassi nel 1989, tutt’oggi in ottimo stato di conservazione;

• due anni fa un’altro grosso incendio ha interessato la zona, ma proprio per le buone condizioni della protezione esistente , non è stato necessario chiudere la strada, ciò grazie anche alle opere di bonifica e messa in sicurezza effettuate dalla forestale;

• dopo avere percorso a piedi il tratto totalmente chiuso al traffico, abbiamo verificato (anche attraverso documentazione fotografica), che l’intero percorso è coperto da rete paramassi e perfettamente in sicurezza, infatti in tutto il tratto non sono presenti pietre;

• ricordiamo inoltre che un tratto di strada è attualmente aperto per il transito dei residenti nella contrada di Pensabene , lungo il quale, a circa una settimana dall’incendio, non si è verificato nessun episodio di caduta massi;

Per quanto sopra, ci chiediamo quali motivazioni hanno portato alla chiusura della strada.

Dopo avere visionato i luoghi, infatti, viene da chiedersi come mai chi è stato prontamente operativo ad emettere l’ ordinanza di chiusura non lo è stato quando bisognava ripulire tombini, sottopassaggi e cigli stradali dalle erbacce e spazzatura, che hanno favorito il propagarsi delle fiamme dalla parte sottostante la strada alla parte sovrastante, fin dentro il demanio forestale anch’esso sprovvisto di strisce tagliafuoco

In aggiunta va sottolineato, che nonostante l’emanazione delle ordinanze sindacali che obbligano i privati a realizzare opere di ripulitura dei terreni incolti a prevenzione degli incendi, puntualmente non osservati dagli stessi, mai nessuna amministrazione comunale si è prodigata per farle rispettare né tanto meno a sanzionare coloro che a causa dell’incuria dei loro terreni di fatto favoriscono il verificarsi degli incendi. 
Oltre alle motivazioni sopra riportate, è importante evidenziare che la chiusura della strada sta mettendo in ginocchio l’economia dell’intera frazione di Pioppo. Tra i gravi disagi che stanno affrontando i residenti va rimarcata anche la questione legata alla sicurezza in caso di emergenza e soccorso che non può essere garantita dalle condizioni precarie della viabilità alterativa

Verificata l’esistenza delle condizioni di sicurezza lungo il tratto interessato si chiede alle istituzioni ed agli enti di indirizzo di intervenire tempestivamente per la riapertura della strada. 

Qualora sia necessario ci riteniamo disponibili ad un incontro tra le parti interessate al fine della risoluzione del problema.

In galleria la documentazione fotografica del sopralluogo effetuato dal Comitato

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com