Pippo Lo Coco promette: “Il Fiume Oreto deve essere salvato”

0
Araba Fenice desk

MONREALE, 2 giugno – L’assenza di Piero Capizzi, sindaco di Monreale, al convegno del progetto “Conosciamo il fiume Oreto e la sua valle”, organizzato del WWF di Palermo, ha fatto storcere il naso agli organizzatori dell’evento e a molti monrealesi.

Al convegno-dibattito erano presenti diverse personalità istituzionali, tra i quali il presidente della commissione Ambiente e Territorio all’Ars, Giampiero Trizzino, Maria Pia Bottino, delegata dall’assessore all’Ambiente e Territorio della Regione Siciliana, Mariarita Sgarlata, il vicesindaco e assessore al Territorio del Comune di Altofonte, Giuseppe Castellese, e il presidente della Seconda circoscrizione comunale di Palermo, Antonio Tomaselli.

“I comuni di Palermo e Monreale non hanno partecipato – dichiarava ieri Pietro Ciulla, presidente del WWF Palermo – e i nostri inviti a sindaci e assessori sono caduti nel vuoto”.

Oggi l’amministrazione monrealese, tramite l’assessore Pippo Lo Coco, rende note, con una nota stampa, le motivazioni che hanno portato all’assenza di un rappresentante della stessa amministrazione monrealese all’evento organizzato dal WWF Palermo.

“L’assenza al convegno “Conosciamo il fiume Oreto e la sua valle” – afferma Lo Coco – è stata dettata da impegni improrogabili relativi alla modifica del piano di intervento sulla gestione del ciclo dei rifiuti e alle numerose emergenze che su questo versante sono diffuse su tutto il territorio. Stiamo impiegando il nostro tempo affinché il territorio venga liberato da una gestione chiaramente fallimentare. Ci dispiace non aver potuto prendere parte a questa pregevole iniziativa”.
Secondo Lo Coco l’Oreto e l’istituzione del parco, rappresenterebbe una priorità dell’amministrazione.

“Con il Sindaco – continua l’assessore – ci impegneremo ad invitare il WWF a Monreale per discutere della valorizzazione del tratto ricadente nel nostro Territorio. Inviteremo inoltre i Sindaci di Palermo ed Altofonte per riprendere il progetto di riqualificazione abbandonato diversi anni addietro, chiedendo la ricostituzione del tavolo permanente tra i comuni di Palermo, Altofonte e Monreale”.

Lo Coco promette, infine, l’impegno dell’amministrazione affinchè venga salvato il fiume attraverso interventi necessari al disinquinamento di una valle che “Sappiamo benissimo – afferma – va salvata da un lungo processo di antropizzazione al quale nessuno fino ad ora ha saputo porre giusto rimedio”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com