L’obiettivo è riportare il bus Amat a Monreale: ‘Nessuna polemica con Capizzi’

0
tusa big

MONREALE, 1 luglio – “Il comitato spontaneo ha deciso di attivarsi soltanto adesso. Probabilmente aspettava la mia elezione per destarsi dal torpore”. Con queste parole, stamani il sindaco Piero Capizzi, sulle pagine di Monreale news, ha fatto scattare la scintilla delle polemiche muovendo alcune critiche nei confronti  del “Comitato Monreale-Acquasanta”: il comitato spontaneo di cittadini che si prefigge, come obiettivo primario, di riportare a Monreale il collegamento Amat che fino a un anno e mezzo fa metteva in comunicazione Monreale con la città di Palermo.  “Credo sia giusto – ha inoltre dichiarato Capizzi a Monreale news – che il comitato spieghi alla città dove è stato finora”.  

Roberto Gambino, coordinatore del Comitato “Monreale-Acquasanta”, ha inoltrato alla redazione di Filodiretto la replica alle critiche del sindaco Capizzi, rispedendo al mittente ogni tipo di polemica, inutile, secondo Gambino, ai fini della risoluzione del problema.

“In nome del Comitato – dichiara Gambino – e dei circa 500 cittadini che hanno sottoscritto la petizione inviata al Sindaco Orlando, al Presidente dell’AMAT, al Sig. Prefetto e all’ex Sindaco Avv. Di Matteo più di sei mesi fa, ritengo inopportuno aprire qualsiasi polemica con la nuova amministrazione che, effettivamente, sin dall’inizio si è mossa con solerzia per attivare un’azione di collaborazione con l’Amministrazione di Palermo e risolvere la questione che sta a cuore a tutti i monrealesi e non solo”.

Gambino, come già riportato direttamente al Sindaco Piero Capizzi, tiene a precisare, attraverso la nota inviata a Filodiretto, che l’unico interesse del Comitato è esclusivamente che la problematica si risolva nei tempi e nei modi migliori e senza cadere in polemiche che non servono a risolvere la questione del collegamento tra Monreale e Palermo.

“Si riconosce, sin da ora, – continua Gambino – che tutti i meriti della risoluzione del caso saranno dell’Amministrazione monrealese da lui guidata”.

“Come rappresentato anche all’Assessore alla Mobilità di Palermo Giusto Catania, non di meno riteniamo ingiusto e una vera e propria “supicchiaria” quella fermata soppressa a monte (dove i mezzi AMAT continuano a sostare e manovrare) che costringe pendolari, studenti e turisti a una situazione di grandissimo disagio e pericolo. Tale situazione era stata chiaramente rappresentata agli organi di competenza sin dalla raccolta delle firme a suo tempo effettuata”.

“La fase legata alle elezioni comunali di Monreale – continua Gambino rispondendo a Capizzi che si chiedeva dove fosse stato il comitato durante l’ultimo periodo – ha convinto il Comitato a non andare avanti per evitare inutili polemiche e strumentalizzazioni elettorali. Pertanto, nel ribadire che l’azione del Comitato è a supporto ESCLUSIVO della risoluzione del problema (e nello specifico della questione “fermata soppressa”), si apprezzano tempestività e interesse del Sig. Sindaco di Monreale con cui non si vuole assolutamente fomentare alcuna polemica”.

“Allo stesso tempo – conclude Gambino – si ribadisce che, nelle more che la situazione sia risolta del tutto con l’attivazione di una nuova Linea AMAT, il buon senso vuole che “quella fermata incriminata” sia ripristinata perché è sotto gli occhi di tutti che tale situazione non ha senso ed ha implicazioni di sicurezza stradale che ricadono completamente sulla giurisdizione territoriale del Comune di Palermo. Infine, si coglie l’occasione per augurare buon lavoro al neoeletto Sindaco di Monreale chiamato ad affrontare situazioni di estrema gravità al cui confronto la questione affrontata dal Comitato Cittadino può solo impallidire”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com