Parisi: “Capizzi ci dica dove prende i soldi per finanziare l’AMAT e per far fronte alla revoca della delibera sull’organico”

0
tusa big

Davide Parisi, Presidente di “Monreale Futura” esprime forti perplessità sulla decisione del sindaco Capizzi di procedere alla revoca del provvedimento di determinazione della pianta organica dei dipendenti dell’amministrazione, così come varata dalla precedente giunta.

Dopo avere messo in discussione l’idea del sindaco di ripristinare il collegamento AMAT tra Monreale e Palermo, “e non perché noi non ne ravvisiamo l’utilità – precisa Parisi – ma perché i costi di questa operazione ci sembrano francamente eccessivi e, cosa che conta di più, non sostenibili per il comune di Monreale”, ecco arrivare la critica al secondo provvedimento anticipato dal neosindaco.

“Certamente il sindaco Capizzi è al corrente che pende sulla testa di noi monrealesi il giudizio della Corte dei Conti sul piano di riequilibrio pluriennale deliberato dalla giunta nel febbraio 2013. Vogliamo ricordare che tale piano consentirebbe al comune di Monreale, se approvato, di ottemperare ai nostri obblighi contratti a vario titolo accedendo a un fondo statale che ci finanzierebbe il necessario per soddisfare le richieste dei nostri creditori”.

Il piano prevede una durata decennale e per ogni anno sarebbe necessario pagare una rata che va da 2,5 a 3,6 milioni di euro.

“Se il comune non dovesse ottenere questo mutuo – prosegue Parisi – non sarebbe ovviamente in grado di pagare i propri creditori i quali, per garantire i propri crediti, sarebbero costretti a rivolgersi ai tribunali. Solo per fare un esempio: l’ENEL ci staccherebbe la luce immediatamente; l’Alto Belice Ambiente ci citerebbe in giudizio (ammesso che non lo abbia già fatto) perché attende dal comune di Monreale somme non indifferenti (13 milioni di euro … e poi ci chiediamo perché il recupero dei rifiuti non funziona!). In sostanza, sarebbe il fallimento del Comune di Monreale”.

Parisi chiarisce che per ottemperare agli impegni presi con lo Stato col piano di riequilibrio pluriennale, il Comune non può permettersi di spendere neppure un centesimo di euro, “anzi dobbiamo trovare le risorse per diminuire la spesa pubblica della somma necessaria almeno per pagare la maxi rata del mutuo (ricordiamo: 2,5 milioni per i primi tre anni; 3,6 milioni per i restanti sette!). E il sindaco, con i suoi amici del PD, parla di aumentare la spesa pubblica con il ripristino del collegamento AMAT! E il sindaco, con i suoi amici del PD, revoca una delibera della precedente giunta con la quale si limitava la dotazione organica dei dipendenti del comune!”

Quindi una richiesta di spiegazioni al sindaco: “O ci dice dove prende i soldi per finanziare l’AMAT e per far fronte alla revoca della delibera sull’organico, oppure dobbiamo ritenere che i due provvedimenti finiranno a debito anch’essi, pregiudicando l’esito positivo della valutazione della Corte dei Conti. E la cosa non ci piace per nulla, visto che un eventuale dissesto del comune avrebbe ricadute sulla popolazione e sul territorio difficilmente quantificabili”.

“Ecco la perplessità di chi scrive, al quale farebbe un enorme piacere che i precari fossero stabilizzati e che l’AMAT tornasse a effettuare l’antico servizio a beneficio dei giovani studenti monrealesi e del turismo locale. Ma se ciò significasse pregiudicare l’iter di approvazione del piano di riequilibrio o, peggio, non onorare gli impegni che lo stesso piano ci impone, allora preferiremmo di gran lunga restare col solo collegamento garantito dall’AST”.

“È chiaro che, nella posizione del neo sindaco e dei nuovi amministratori, vi è la voglia e la necessità di dare un segnale forte di svolta alla gente; ma riteniamo che il rischio “fallimento” sia concreto, con le conseguenze di cui prima si è parlato. E non basta di certo scaricare le responsabilità dello status quo su chi li ha preceduti, poiché compito di un nuovo amministratore è risolvere i problemi, oltre che lamentarsi con chi li ha causati”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com