Avv. Mario Caputo: ‘Tommaso Fileccia non ha venduto droga a Piazza Florio’

0
Araba Fenice desk

MONREALE, 27 Giugno – I Carabinieri di Monreale hanno tratto in arresto Fileccia Tommaso con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione, secondo i militari, è stata il frutto dei frequenti e quotidiani pattugliamenti dopo aver notato uno strano “andirivieni” nei pressi del raccordo tra il piazzale Florio e la SS186.

Mario Caputo, legale difensore di Fileccia, replica alle accuse mosse dai Carabinieri. 

Mario CaputoL’avvocato Mario Cap“Il giorno dell’arresto – dichiara Mario Caputo – è stata eseguita una perquisizione presso l’attività commerciale di Tommaso Fileccia attorno alle ore 15.30. All’interno è stato sorpreso a fumare uno spinello con il proprio dipendente. In seguito al controllo, i militari avrebbero deciso di estendere la perquisizione anche all’interno dell’abitazione di Fileccia in cui sono stati rinvenuti 15 grammi di marijuana che, ha sostenuto essere a uso personale”. 

Non corrisponde a verità – secondo il difensore di Fileccia – che l’arresto è avvenuto in Piazzale Florio e non è stata ceduta o venduta alcuna sostanza stupefacente a nessuno in quella piazza. L’operazione si sarebbe, quindi, svolta all’interno della sua attività commerciale.

“I Carabinieri – continua l’avvocato Mario Caputo – hanno eseguito la perquisizione perché ritenevano, da fonti confidenziali, che lo stesso Fileccia fosse uno spacciatore ma, a seguito dell’udienza, i militari, a precisa domanda del difensore non hanno fornito né il nome della fonte confidenziale. I Carabinieri, inoltre, non hanno effettuato nessuna attività di video-sorveglianza, e nessun appostamento sull’attività commerciale e sulla sua persona, nessuna intercettazione telefonica e ambientale. Non è vero che Fileccia si trovava in Piazzale Florio e tantomeno che lo stesso sia stato colto in flagranza a vendere sostanze stupefacenti. Lui ha sempre sostenuto di essere un assuntore e, la dose che i militari hanno ritrovato all’interno della sua abitazione era utilizzata solo per usi personali”.

Fileccia, sempre secondo Caputo, è stato posto ai domiciliari in seguito e, il giorno dopo, si è presentato davanti alla IV sezione del Tribunale di Palermo. “In seguito al processo per direttissima – ha concluso il difensore di Fileccia – gli è stato convalidato l’arresto ma non gli è stata applicata alcuna misura cautelare. Il difensore ha chiesto per Fileccia il giudizio abbreviato che si celebrerà a ottobre. In quella sede confermeremo che la dose di marijuana era utilizzata per uso personale”. 

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com