Politica

Perché è la scuola la vera soluzione alla crisi dell’Unione europea*

Perché è la scuola la vera soluzione alla crisi dell’Unione europea*

La bella giornata di sole ha fatto la sua parte. La disaffezione alla politica ha giocato il suo ruolo ma resta una domanda: che cosa si sa l’Unione Europea? Perché quando si vota per il vecchio continente tanti, troppi italiani, non si presentano alle urne? Per capirlo basterebbe fare un giro nelle scuole del nostro Paese: i nostri ragazzi non si sentono cittadini europei.

Alla primaria si parla di UE solo in quinta, in qualche riga sul sussidiario di geografia. Alla secondaria di primo e secondo grado, si ignorano le funzioni delle istituzioni europee, si confonde il Parlamento con la Commissione e il Consiglio europeo. Spesso accade che nemmeno si sappia quali sono le rappresentanze che si trovano a Bruxelles, a Strasburgo e a Lussemburgo.

Provate a chiedere in una terza o quarta superiore chi erano Altiero Spinelli e Alcide De Gasperi? Forse sanno qualcosa del secondo ma è facile che di Spinelli dicano: “Un giocatore?”.

Non ho mai visto un maestro o un professore raccontare di questi due padri fondatori dell’ Unione Europea. Se abbiamo a che fare con un voto di astensione così preoccupante, forse è perché gli italiani, a partire dai nostri giovani, sono analfabeti europei. Forse persino molti insegnanti non sanno cosa sia il semestre italiano di presidenza che inizierà il primo luglio. Inutile chiedere ad un ragazzo della scuola media a che serve l’Europa: le direttive europee sono sconosciute ai più, sono confuse con le leggi italiane. In questi mesi si è parlato parecchio di trattati ma i nostri ragazzi non sanno l’iter di una legge italiana.

Peggio ancora, molti, nemmeno conoscono quali sono i gruppi parlamentari che siedono in parlamento, pensano che chi viene eletto per un partito italiano possa continuare a rappresentarlo sotto la stessa sigla a Bruxelles.

Il 9 maggio scorso sono entrato in classe, una quinta della primaria, e ho chiesto: “Sapete cosa si festeggia oggi? L’ avrete sentito a qualche telegiornale”. Era la festa dell’Europa ma in Italia pochi lo sapevano. A Bruxelles, a Strasburgo e Lussemburgo, si celebra questa giornata, aprendo le istituzioni ai cittadini; in Italia passa inosservata. Ho provato a far ascoltare l’Inno alla gioia di Beethoven, adottato come inno europeo, ma nessuno l’ha riconosciuto come tale. L’Europa per i nostri giovani, è solo la bandiera blu con le 12 stelle dorate, issata davanti alle scuole e agli enti istituzionali.

Forse dovremmo iniziare proprio dalla scuola, dalla primaria fino alla secondaria. Anzi dalla scuola materna fino alle superiori.

Per capire l’Ue e ridurre l’astensionismo, basterebbe organizzare un viaggio d’istruzione a Bruxelles e scoprire come funziona il parlamento al parlamentarium, il centro visitatori del PE: gli studenti dai 14 anni in su, per esempio, possono immergersi nel ruolo di eurodeputato e vivere personalmente momenti essenziali del lavoro politico, raccogliere informazioni, parlare in pubblico, partecipare a trattative.

Per combattere l’astensione, forse, serve solo ancora una volta istruzione.

*Articolo di Alex Corlazzoli, da “Il Fatto Quotidiano” del 29 maggio 2014

 

Ricevi tutte le news
Scritto da: Redazione
Pubblicato il 8 giugno 2014

Potrebbero interessarti anche:


  • Monreale. Rendiconto 2016. Fumata nera in consiglio: l’opposizione fa mancare il numero legale

    Politica

    Monreale, 23 novembre 2017 - Ennesima fumata nera in consiglio comunale. Rinviata a domani pomeriggio, per mancanza del numero legale, la seduta convocata per procedere all’approvazione del rendiconto finanziario 2016. Il consiglio comunale, dopo il rinvio delle prime sedute, era stato convocat..

    Continua a Leggere

  • Precari nella P.A. dal 1 gennaio 2018 parte il piano straordinario di assunzioni

    Politica

    Al via all'assunzione di 50 mila precari storici della pubblica amministrazione. La circolare firmata dalla ministra della PA Marianna Madia dà indicazioni alle amministrazioni pubbliche che potranno partire subito con le assunzioni, a partire da gennaio 2018, per ..

    Continua a Leggere

  • Nelle scuole P. Novelli e Guglielmo “Nessun parli”: Suoni, movimenti, linee e colori

    Politica

    Monreale, 23 novembre 2017 - "Vale la pena che un bambino impari piangendo quello che può imparare ridendo?" Questo è l'interrogativo che si poneva il grande Gianni Rodari, rispetto alle più rigide, ripetitive e, spesso, persino punitive modalità di un certo modo, tradizionale, o..


  • Corleone, condannati e assolti al processo Grande Passo 4. Imprese denunciano il pizzo

    Politica

    [ngg_images source="galleries" container_ids="248" display_type="photocrati-nextgen_basic_imagebrowser" ajax_pagination="0" order_by="sortorder" order_direction="ASC" returns="included" maximum_entity_count="500"] Corleone, 23 novembre 2017 - La procura antimafia aveva richiesto in tutto, per le ..

    Continua a Leggere

  • “Spunti di cambia-Menti”: un cine-convegno al Pagliarelli per i detenuti uomini maltrattanti

    Politica

    Palermo, 23 novembre 2017 -In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle Donne, l'Associazione “Un Nuovo Giorno”, con il patrocinio del Comune di Palermo promuove e organizza, all’interno della casa Circondariale Pagliarelli il cine-convegno “Spunti di cambia-Menti”. L'even..

    Continua a Leggere

  • A Monreale la prima sagra del Buccellato. Il 9 e 10 dicembre cultura, scienza e tecnologie alimentari

    Politica

    Monreale, 23 novembre 2017 - Monreale si prepara al Natale con un dolce evento dal sapore siciliano. Il Collegio di Maria, il 9 e 10 dicembre, ospiterà la prima sagra del buccellato, il biscotto tipico della ricorrenza natalizia. La manifestazione è organizzata dall'Associazione dei Commercianti d..

    Continua a Leggere

  • Monreale, Sandro Russo (PD): “Capizzi riferisca in aula sui responsabili del dissesto finanziario”

    Politica

    Monreale, 23 novembre 2017 - Oggi pomeriggio con molta probabilità il sindaco Capizzi dovrebbe trovare tra i consiglieri presenti in aula almeno quelli necessari per approvare il rendiconto finanziario per l’esercizio 2016. Martedì il numero legale era venuto a mancar..


  • ARS: Marco Intravaia in corsa per il ruolo di capo del cerimoniale

    Politica

    Monreale, 23 novembre 2017 - Si prospetta un ruolo in prima fila per Marco Intravaia all’interno del nuovo organigramma dell’Assemblea Regionale Siciliana. Intravaia, consigliere comunale di Monreale (gruppo misto), è un fedelissimo del Presidente della Regione Nello Mu..


  • Monreale. Rubino (PD): “Pronti al congresso”. Ma le divergenze permangono

    Politica

    Monreale, 23 novembre 2017 - Si è svolta ieri pomeriggio presso il Collegio di Maria, in una sala poco partecipata, un incontro della sezione monrealese del PD. Invitati a partecipare dal commissario Antonio Rubino i dirigenti e i militanti del partito per discutere, anche alla luce dell’ultimo d..


  • “La signora delle pomelie”. Il racconto di Filippa Gracioppo

    Politica

    Monreale, 19 novembre 2017 – Continua, con la rubrica "Iltuolibro", il nostro impegno e il nostro contributo a favore di nuovi scrittori che, attraverso uno spazio messo a loro disposizione sul nostro quotidiano, vogliano farsi conoscere ad un pubblico più vasto. "Iltuolibro"  Vostro qu..


  • I Carabinieri celebrano a Monreale “Virgo Fidelis”

    Politica

    Monreale, 22 novembre 2017 - Ieri 21 novembre 2017, alle ore 18:00, presso il Duomo di Monreale, è stata celebrata la “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri, il 76° anniversario della Battaglia di Culqualber e la “Giornata dell’Orfa..


  • Monreale. Sul rendiconto di gestione 2016 salta per la terza volta il Consiglio comunale. La maggioranza non c’è

    Politica

    Monreale, 22 novembre 2017 - Flop per il terzo Consiglio comunale rinviato a giovedì 23 novembre per assenza del numero legale. Di fatto tra le file resta una maggioranza scarsa, nove consiglieri. Russo e Di Benedetto escono lasciando l'ago della bilancia in mano all’opposizione, ma quest’ultim..


  • Acquapark Monreale