When The Music Is Over

MOGWAI – MINIATURE DELL’UNIVERSO DEL SOGNO

MOGWAI – MINIATURE DELL’UNIVERSO DEL SOGNO

 I prodigi della Musica sono innumerevoli, perfino ricreare il Big Bang con le note: un’esplosione di suoni e melodie irreplicabile, di qualsiasi tipo, che dà alla luce qualcosa di nuovo e dopo il quale niente è più come prima. Incandescente e glaciale insieme. Qualsiasi, e dico qualsiasi, che significa qualsiasi, sentimento o sensazione o stato d’animo o semplice pensiero che la mente umana può produrre, dai più banali ai più contorti, vengono resi dai Mogwai una poesia musicale, un flusso di coscienza sonoro. Gioia infinita o estasi, spensieratezza o panico feroce: i Mogwai hanno una melodia per tutto questo. Sono il Beethoven, il Lizst degli anni ’90/2000. Di primo piano nella band sono l’uso del violoncello e del pianoforte, suonati in maniera Post-Rock e Classica insieme. Io adesso cercherò non di recensire un solo album nel dettaglio, ma di parlare nel complesso dei principali loro album, in ordine cronologico. Faccio per loro questa “innovazione” nel mio modo di recensire nella rubrica, perché gente, parlare dei Mogwai considerando un solo album è come parlare della Commedia di Dante leggendone solo un canto.

Come On, Die Young (Dai, Muori Giovane): Pubblicato nel 1999, il secondo album dei Mogwai (dopo Mogwai Young Team del 1997) mostra il “dark side” della band, l’introspezione più malinconica e cupa. Presente, anche solo in maniera velata, in ogni loro disco, quello che potrebbe sembrare il classico stile gotico di molte band, la classica maniera di concepire e creare atmosfere musicali oscure, in loro diventa la proiezione di un sogno inquietante e a tratti oniricamente grottesco, espressione di sonorità quasi “stravolte” dalla distorsione dei suoni, una delle peculiarità della band. Tra gli altri brani spiccano perle come Punk Rock, un’intervista ad Iggy Pop sul senso della musica Punk, con uno splendido sottofondo di piano, e Helps Both Ways, un intrecciare il buio ad una dolce malinconia. 

Rock Action (L’Azione Della Roccia): Il terzo disco del 2001 fonde quello stile “delicatamente cupo” delle origini ad un’armonia trasognata, a cui ci si può solo abbandonare, diminuendo l’uso delle distorsioni sui suoni. Particolare in questo album l’uso della chitarra acustica, in certi punti molto simile ad un liuto, e la voce di Gruff Rhys dei Super Furry Animals. Rock Action è uno dei loro dischi dove si sente di più quell’amalgama di sonorità che culminano nell’esplosione di cui parlavo all’inizio (basti ascoltare la meravigliosa You Don’t Know Jesus).

Happy Songs For Happy People (Canzoni Felici Per Persone Felici): Il 2003 vede l’uscita di uno dei capolavori dei Mogwai, da far “tremare le vene ed i polsi” per citare Dante, ma non per la paura stavolta, a meno che per paura non s’intende lo sconcerto che si potrebbe provare davanti alla bellezza di quest’album. Tornano le distorsioni originarie accanto alle melodie più stranianti, creando uno degli album più frastornanti per la quantità di sensazioni sempre differenti che riesce a scatenare.

Mr. Beast (Signor Bestia): Se il precedente disco si può definire uno dei loro capolavori, Mr. Beast del 2006 è il capolavoro dei Mogwai, la summa del loro stile. E capolavoro è il brano di apertura del disco, Auto Rock, uno dei loro più celebri, un crescendo meraviglioso di pianoforte e chitarra elettrica che si fondono perfettamente, è la descrizione in musica dell’estasi più pura. E’ in questo disco che il piano inizia ad assumere un ruolo di spicco, insieme alla chitarra, ora acida, ora morbida. E sul particolare rapporto “morbidezza- asprezza” è tratto l’intero disco, con altre vette assolute come Acid Food e Friend Of The Night.

Hardcore Will Never Die, But You Will (L’Hardcore Non Morirà Mai, Ma Tu Sì): Riemergo dall'”Universo Mogwai” concludendo la mia recensione parlando dell’ennesimo loro disco capolavoro, uscito nel 2011. Il loro album più “romantico” e decadente, leggero, malinconico, incisivo. Purtroppo (o forse no) non ho molte parole per descriverlo, solo dire che è sublime, come sublime è il brano di chiusura, Music For A Forgotten Future, una suite di 23 minuti circa dove sono presenti un violoncello e un pianoforte, tra gli altri strumenti impiegati, da far venire i brividi, pur delineando melodie lineari nella loro bellezza, e forse proprio per questo. C’è tutto in questo brano, tutto, è un “disco nel disco”, una creazione che potrebbe essere benissimo indipendente, potrebbe esserci un disco con solo lei incisa e sarebbe lo stesso perfetto. Invece non è sola, è la chiusa di un disco che è come una miniatura dell’anima che le sue sonorità hanno dipinto, una musica per un futuro dimenticato indimenticabile.

                       

Ricevi tutte le news
Scritto da: Redazione
Pubblicato il 2 giugno 2014

Potrebbero interessarti anche:


  • Monreale. Rendiconto 2016. Fumata nera in consiglio: l’opposizione fa mancare il numero legale

    When The Music Is Over

    Monreale, 23 novembre 2017 - Ennesima fumata nera in consiglio comunale. Rinviata a domani pomeriggio, per mancanza del numero legale, la seduta convocata per procedere all’approvazione del rendiconto finanziario 2016. Il consiglio comunale, dopo il rinvio delle prime sedute, era stato convocat..

    Continua a Leggere

  • Precari nella P.A. dal 1 gennaio 2018 parte il piano straordinario di assunzioni

    When The Music Is Over

    Al via all'assunzione di 50 mila precari storici della pubblica amministrazione. La circolare firmata dalla ministra della PA Marianna Madia dà indicazioni alle amministrazioni pubbliche che potranno partire subito con le assunzioni, a partire da gennaio 2018, per ..

    Continua a Leggere

  • Nelle scuole P. Novelli e Guglielmo “Nessun parli”: Suoni, movimenti, linee e colori

    When The Music Is Over

    Monreale, 23 novembre 2017 - "Vale la pena che un bambino impari piangendo quello che può imparare ridendo?" Questo è l'interrogativo che si poneva il grande Gianni Rodari, rispetto alle più rigide, ripetitive e, spesso, persino punitive modalità di un certo modo, tradizionale, o..


  • Corleone, condannati e assolti al processo Grande Passo 4. Imprese denunciano il pizzo

    When The Music Is Over

    [ngg_images source="galleries" container_ids="248" display_type="photocrati-nextgen_basic_imagebrowser" ajax_pagination="0" order_by="sortorder" order_direction="ASC" returns="included" maximum_entity_count="500"] Corleone, 23 novembre 2017 - La procura antimafia aveva richiesto in tutto, per le ..

    Continua a Leggere

  • “Spunti di cambia-Menti”: un cine-convegno al Pagliarelli per i detenuti uomini maltrattanti

    When The Music Is Over

    Palermo, 23 novembre 2017 -In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle Donne, l'Associazione “Un Nuovo Giorno”, con il patrocinio del Comune di Palermo promuove e organizza, all’interno della casa Circondariale Pagliarelli il cine-convegno “Spunti di cambia-Menti”. L'even..

    Continua a Leggere

  • A Monreale la prima sagra del Buccellato. Il 9 e 10 dicembre cultura, scienza e tecnologie alimentari

    When The Music Is Over

    Monreale, 23 novembre 2017 - Monreale si prepara al Natale con un dolce evento dal sapore siciliano. Il Collegio di Maria, il 9 e 10 dicembre, ospiterà la prima sagra del buccellato, il biscotto tipico della ricorrenza natalizia. La manifestazione è organizzata dall'Associazione dei Commercianti d..

    Continua a Leggere

  • Monreale, Sandro Russo (PD): “Capizzi riferisca in aula sui responsabili del dissesto finanziario”

    When The Music Is Over

    Monreale, 23 novembre 2017 - Oggi pomeriggio con molta probabilità il sindaco Capizzi dovrebbe trovare tra i consiglieri presenti in aula almeno quelli necessari per approvare il rendiconto finanziario per l’esercizio 2016. Martedì il numero legale era venuto a mancar..


  • ARS: Marco Intravaia in corsa per il ruolo di capo del cerimoniale

    When The Music Is Over

    Monreale, 23 novembre 2017 - Si prospetta un ruolo in prima fila per Marco Intravaia all’interno del nuovo organigramma dell’Assemblea Regionale Siciliana. Intravaia, consigliere comunale di Monreale (gruppo misto), è un fedelissimo del Presidente della Regione Nello Mu..


  • Monreale. Rubino (PD): “Pronti al congresso”. Ma le divergenze permangono

    When The Music Is Over

    Monreale, 23 novembre 2017 - Si è svolta ieri pomeriggio presso il Collegio di Maria, in una sala poco partecipata, un incontro della sezione monrealese del PD. Invitati a partecipare dal commissario Antonio Rubino i dirigenti e i militanti del partito per discutere, anche alla luce dell’ultimo d..


  • “La signora delle pomelie”. Il racconto di Filippa Gracioppo

    When The Music Is Over

    Monreale, 19 novembre 2017 – Continua, con la rubrica "Iltuolibro", il nostro impegno e il nostro contributo a favore di nuovi scrittori che, attraverso uno spazio messo a loro disposizione sul nostro quotidiano, vogliano farsi conoscere ad un pubblico più vasto. "Iltuolibro"  Vostro qu..


  • I Carabinieri celebrano a Monreale “Virgo Fidelis”

    When The Music Is Over

    Monreale, 22 novembre 2017 - Ieri 21 novembre 2017, alle ore 18:00, presso il Duomo di Monreale, è stata celebrata la “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri, il 76° anniversario della Battaglia di Culqualber e la “Giornata dell’Orfa..


  • Monreale. Sul rendiconto di gestione 2016 salta per la terza volta il Consiglio comunale. La maggioranza non c’è

    When The Music Is Over

    Monreale, 22 novembre 2017 - Flop per il terzo Consiglio comunale rinviato a giovedì 23 novembre per assenza del numero legale. Di fatto tra le file resta una maggioranza scarsa, nove consiglieri. Russo e Di Benedetto escono lasciando l'ago della bilancia in mano all’opposizione, ma quest’ultim..


  • Acquapark Monreale