Saggio di canto per le classi quinte del Pietro Novelli (IL VIDEO)

0
Araba Fenice desk

Gli alunni delle classi quinte dell’istituto scolastico Pietro Novelli hanno eseguito la scorsa settimana un saggio di canto. Accompagnati dalla chitarra suonata dal maestro Pietro Gizzi del Conservatorio Bellini di Palermo, hanno eseguito un breve repertorio di canzoni.

Il coro, nell’arco dell’anno scolastico, ha seguito le lezioni dell’insegnante Tiziana Termini, che ha utilizzato il metodo adottato dal maestro Gizzi: la solmisazione. Un metodo di insegnamento risalente al Medioevo, ideato da un monaco italiano, e ripreso e perfezionato nel ‘900 dall’autore ungherese Zoltàn Kodàly.

Gizzi ha spiegato come non si è intonati o stonati per natura, ma che l’intonazione si acquisisce con la pratica, partendo dal semplice al complesso. “Si deve esercitare la memoria – spiega Gizzi – per questo i bambini eseguono brani brevi. Devono imparare parole e melodie a memoria”.

Gli allievi, seguiti dalla maestra Termini, diplomata in musica, hanno svolto durante l’anno un percorso accelerato, passando dall’utilizzo di poche note all’esecuzione di brani basati su più note. Il saggio è cominciato con l’esecuzione del brano “I pirati”, basato appunto su due sole note, esplorando poi brani più complessi. Infine gli allievi hanno eseguito un brano guidati dal movimento delle mani del maestro, associando il suono alla posizione della mano.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com