Oggi è 23/05/2018

Cronaca

Gagliano: “La raccolta assegnata alle coop. permette un servizio redditizio per i lavoratori e minori costi per il comune”

All’indomani dell’allarme lanciato da Salvino Caputo, il Presidente della Coop. “Ecologica del Sud” chiarisce come opera la sua società, che intanto ha avviato la raccolta dei rifiuti differenziati nelle frazioni

Pubblicato il 26 maggio 2014

Gagliano: “La raccolta assegnata alle coop. permette un servizio redditizio per i lavoratori e minori costi per il comune”

E’ della settimana scorsa l’invito rivolto dall’ex dep. Regionale Salvino Caputo alle forze dell’ordine per una stretta vigilanza onde evitare che le amministrative venissero inquinate dal voto di scambio elettorale. “Ho avuto più di una conferma – dichiarava Salvino Caputo – che vi sono persone che fanno sottoscrivere schede di adesione a disoccupati per la costituzione di cooperative per la raccolta differenziata dei rifiuti, promettendo stipendi di 1000 euro al mese. Si tratta di fatti gravissimi che rischiano di condizionare e inquinare la regolarità del voto amministrativo. Oltre che creare false aspettative a soggetti disoccupati perché tutti sanno che nessuna struttura che opera nei rifiuti può determinare questi servizi e questi stipendi”.

Santo Gagliano, Presidente della Cooperativa Sociale “Ecologica del Sud”, che recentemente ha stipulato una convenzione con il comune di Monreale per fornire gratuitamente il servizio di raccolta dei rifiuti abbandonati al di fuori dei cassonetti e nelle zone periferiche del paese, si è sentito subito in dovere di esprimere in modo puntuale quale tipologia di servizio offrono e con quali risvolti occupazionali.

“La Cooperativa Sociale Ecologica del Sud opera nel settore dal 2011 ed è formata da soci e dipendenti lavoratori provenienti da generazioni di cenciaioli storici noti a tutti, perché sempre in giro con i loro mezzi a ritirare tutto quello che la gente butta”.

Il Presidente della Cooperativa Sociale spiega che, per ampliare la Società senza scopo di lucro e assegnae più posti di lavoro, oltre a fornire un servizio ai cittadini che comporterebbe una notevole riduzione della tassazione), ha dato a Pietro Mazzara, Perito Tecnico Industriale ambientale, Responsabile Tecnico Imprese Gestione Rifiuti iscritto all’Albo Gestori Ambientali (cat. 1-10) in qualità di Responsabile Tecnico, l’incarico di effettuare un business plan.

“Qualcuno asserisce che con i rifiuti non si possa arrivare a dare stipendi di 1000 € al mese, anche se nessuno della Cooperativa ha promesso questa cifra? Come dimostrato in altre Città più virtuose – dichiara Gagliano – con la raccolta differenziata, se ben gestita con un numero adeguato di personale, sia operativo e soprattutto amministrativo in funzione del numero di abitanti, si possono assicurare dignitosi stipendi. Si potrebbe garantire uno stipendio ad un personale anche maggiore a quello attualmente in servizio presso l’ATO”.

Il Presidente della Cooperativa fa inoltre riferimento all’invito rivolto da Caputo alle forze dell’ordine a vigilare su queste società che chiederebbero voti in cambio di offerte di lavoro.

“La nostra sicuramente non è una di quelle. La nostra Cooperativa sociale collabora con un’altra ditta di rifiuti differenziati che opera in circa 30 comuni della Sicilia. Altri ne sta acquisendo e ha già vinto una gara a Palermo per la differenziata degli abiti usati di cui a giorni si aspetta l’inizio dei lavori”. Quest’ultimo appalto porterebbe all’assunzione “da parte della cooperativa Sociale di altri dipendenti in gran parte svantaggiati”.

“Qualcuno dice che si creano false aspettative a soggetti disoccupati – conclude Gagliano – perché pensa che nessuna struttura che opera nei rifiuti può determinare questi servizi e questi stipendi. Evidentemente chi dice questo non ha competenze in merito di rifiuti, ed è bene che prima di sentenziare si documenti, come ogni professionista serio fa”.

Anche Pietro Mazzara ha voluto sottolineare la redditività dell’attività imprenditoriale svolta dalla Cooperativa di cui è responsabile Tecnico.

“Il problema dei rifiuti si può risolvere solo se gestito da cooperative sociali che li differenziano e li vendono per trarne degli utili, pagando i soci lavoratori e sgravando i Comuni con un vantaggio per le tasche dei cittadini.”

Intanto la Cooperativa Sociale “Ecologica del Sud” ha cominciato dalla scorsa settimana, come previsto dalla convenzione stipulata con il comune, il servizio di raccolta dei rifiuti differenziati al di fuori del centro urbano e comunque depositati al di fuori dei cassonetti. 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, corso Operatore del benessere: approvata la terza e la quarta annualità all’ente Ted

    Cronaca

    Monreale, 23 maggio 2018 - Approvata la terza e la quarta annualità del corso Operatore del benessere che si svolgerà nella sede di Monreale dell'ente di formazione professionale Ted. Il corso, che partirà tra quindici giorni, rientra nel programma operativo del Fondo sociale Europeo 2014-20..

    Continua a Leggere

  • Gli italiani vanno sempre più pazzi per i cellulari

    Cronaca

    Da quando la tecnologia mobile è arrivata nel nostro paese, noi italiani l'abbiamo adottata con grandissimo entusiasmo. Lo dimostrano i dati diffusi a febbraio da Enlabs: su 59 milioni di italiani, 43 milioni utilizzano internet e ben 49 milio..

    Continua a Leggere

  • Palermo, aula bunker. La giornata della legalità (LE IMMAGINI)

    Cronaca

    [gallery ids="64374,64375,64376,64377,64378,64379,64380,64381,64382,64383,64384,64385,64386,64387,64388,64389,64390,64391,64392,64393,64394,64395,64396,64397,64398"] Aula bunker dell’Ucciardone (Palermo), 23 maggio 2018 - Il 23 maggio del 1992 alle 17:58  l'auto su cui viaggiava ..

    Continua a Leggere

  • Monreale e i disservizi postali. Poste Italiane: “Installeremo cassette modulari sulle strade di ingresso alle unità abitative, per sopperire ad alcune carenze relative alla toponomastica e alle complessità morfologiche del territorio”

    Cronaca

    Monreale, 23 maggio 2018 - Si è tenuto ieri pomeriggio il tavolo tecnico tra comune di Monreale e Poste Italiane, per affrontare il problema dei disservizi riscontrati nel recapito della posta, soprattutto, ma non solo, nelle contrade monrealesi. Una questione sollevata dalla nostra redazione, e po..

    Continua a Leggere

  • Monreale. È ancora emergenza al cimitero. Decine di salme al deposito e aria irrespirabile

    Cronaca

    [gallery ids="64348,64349,64350,64351,64352,64353,64354"] Monreale, 23 maggio 2018 - È ancora emergenza all'interno del cimitero di Monreale. Al deposito ci sono tantissime salme alle quali non è stata ancora data una degna sepoltura. Protestano i cittadini, costretti, per portare qualche fiore..

    Continua a Leggere

  • Roberto Fico: «Continuare a cercare la verità sulle stragi e aggiornare le norme antimafia»

    Cronaca

    Palermo, 23 maggio 2018 - Roberto Fico, presidente della Camera dei deputati a Palermo, stamattina è a Palermo in occasione dell’anniversario delle strag..

    Continua a Leggere

  • La nave della Legalità sbarca a Palermo. Il corteo verso l’aula bunker VIDEO

    Cronaca

      Palermo, 22 maggio 2018 - Con l'operazione antimafia eseguita all'inter..

    Continua a Leggere

  • Blitz antimafia alla Noce. I nomi e le foto degli arrestati

    Cronaca

    [gallery ids="64197,64198,64199,64200,64201,64202,64203,64204,64205,64206"] Palermo, 22 maggio 2018 - Dieci gli arrestati nell'ambito dell'operazione antimafia della Mobile di Palermo nel quartiere Noce. Ecco i nomi: Giovanni Musso, Giovanni Di Noto, Salvatore Pecoraro, Fabio La..


  • Circonvallazione al buio e senza segnaletica orizzontale. Caputo scrive al Prefetto

    Cronaca

    Monreale, 22 maggio 2018 - Esiste una linea che separa dissesto finanziario di un comune e sicurezza dei cittadini? La mancanza di risorse può davvero mettere in pericolo la vita dei cittadini? Caso, ormai diventato emblematico, è la Circonvallazione di Monreale. L’importante asse viario, nel tr..


  • Operazione antimafia nella notte, 11 arresti alla Noce. Pizzo, feste religiose e intimidazioni

    Cronaca

    Palermo, 22 maggio 2018 - Anche la festa religiosa del quartiere serviva a mantenere gli uomini di Cosa nostra. La mafia non ha pietà: e impon..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com