Oggi è 23/05/2018

Eventi

Seminario Laicità e scuola pubblica: il Ministero impone e gli insegnanti eseguono. Seconda parte [VIDEO]

Mercoledì scorso abbiamo presentato la prima parte del seminario svoltosi sabato 17 maggio al Circolo Italia e organizzato da ARCI Link Monreale. Oggi presenteremo e sentiremo l’intervento di Candida Di Franco, sindacalista dei COBAS scuola di Palermo

Pubblicato il 23 maggio 2014

Seminario Laicità e scuola pubblica: il Ministero impone e gli insegnanti eseguono. Seconda parte [VIDEO]

Candida Di Franco apre il suo intervento sulle interferenze della Chiesa cattolica sulla “cosa pubblica”, affermando che il conflitto è alla base di ogni evoluzione, ma, sia nella scuola, che in altre istituzioni, oggi, è molto basso: “il Ministero impone e gli insegnanti eseguono”.

La Di Franco sostiene che NON possa esserci la possibilità di trovare un modo giusto e corretto di insegnare sia religione che storia delle religioni, nella scuola pubblica. “La religione attiene alla sfera personale” afferma, “e la parola ‘religione’ non dovrebbe NEMMENO entrare nella scuola”. E continua analizzando il condizionamento che lo Stato del Vaticano agisce sullo Stato italiano, sia attraverso le leggi (legge 40 sulla procreazione assistita, coppie di fatto, legge sull’aborto, testamento biologico, eutanasia) che attraverso la semplice gestualità e i bisogni di appartenenza (ritualità, riflessi condizionati, e mafiosi che finanziano le “processioni”).

Attraverso un breve excursus cita i ministri italiani che hanno voluto lasciare un segno sulla scuola: Luigi Berlinguer con la legge di parità (sussidiarietà tra pubblico e privato), la Moratti (che aveva provato ad escludere il darwinismo dagli studi di Scienze) e Fioroni (che propose di attribuire crediti formativi ai ragazzi che avrebbero potuto dimostrato di fare volontariato, discriminando chi faceva altre attività, anche formative).

La Di Franco ha messo un punto fermo anche a favore della scelta delle attività sostitutive della religione cattolica che è facoltativa. Dunque la scuola DEVE organizzare le attività sostitutive, individuando le esigenze, le risorse interne ed eventualmente il personale precario; in mancanza di risorse interne, infatti, il dirigente può assumere personale esterno. Per concludere, l’attenzione si è spostata sull’individuazione e l’assunzione degli insegnanti di religione, “illicenziabili” e individuati dalla Curia pur essendo pagati dallo Stato italiano.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, corso Operatore del benessere: approvata la terza e la quarta annualità all’ente Ted

    Eventi

    Monreale, 23 maggio 2018 - Approvata la terza e la quarta annualità del corso Operatore del benessere che si svolgerà nella sede di Monreale dell'ente di formazione professionale Ted. Il corso, che partirà tra quindici giorni, rientra nel programma operativo del Fondo sociale Europeo 2014-20..

    Continua a Leggere

  • Gli italiani vanno sempre più pazzi per i cellulari

    Eventi

    Da quando la tecnologia mobile è arrivata nel nostro paese, noi italiani l'abbiamo adottata con grandissimo entusiasmo. Lo dimostrano i dati diffusi a febbraio da Enlabs: su 59 milioni di italiani, 43 milioni utilizzano internet e ben 49 milio..

    Continua a Leggere

  • Palermo, aula bunker. La giornata della legalità (LE IMMAGINI)

    Eventi

    [gallery ids="64374,64375,64376,64377,64378,64379,64380,64381,64382,64383,64384,64385,64386,64387,64388,64389,64390,64391,64392,64393,64394,64395,64396,64397,64398"] Aula bunker dell’Ucciardone (Palermo), 23 maggio 2018 - Il 23 maggio del 1992 alle 17:58  l'auto su cui viaggiava ..

    Continua a Leggere

  • Monreale e i disservizi postali. Poste Italiane: “Installeremo cassette modulari sulle strade di ingresso alle unità abitative, per sopperire ad alcune carenze relative alla toponomastica e alle complessità morfologiche del territorio”

    Eventi

    Monreale, 23 maggio 2018 - Si è tenuto ieri pomeriggio il tavolo tecnico tra comune di Monreale e Poste Italiane, per affrontare il problema dei disservizi riscontrati nel recapito della posta, soprattutto, ma non solo, nelle contrade monrealesi. Una questione sollevata dalla nostra redazione, e po..

    Continua a Leggere

  • Monreale. È ancora emergenza al cimitero. Decine di salme al deposito e aria irrespirabile

    Eventi

    [gallery ids="64348,64349,64350,64351,64352,64353,64354"] Monreale, 23 maggio 2018 - È ancora emergenza all'interno del cimitero di Monreale. Al deposito ci sono tantissime salme alle quali non è stata ancora data una degna sepoltura. Protestano i cittadini, costretti, per portare qualche fiore..

    Continua a Leggere

  • Roberto Fico: «Continuare a cercare la verità sulle stragi e aggiornare le norme antimafia»

    Eventi

    Palermo, 23 maggio 2018 - Roberto Fico, presidente della Camera dei deputati a Palermo, stamattina è a Palermo in occasione dell’anniversario delle strag..

    Continua a Leggere

  • La nave della Legalità sbarca a Palermo. Il corteo verso l’aula bunker VIDEO

    Eventi

      Palermo, 22 maggio 2018 - Con l'operazione antimafia eseguita all'inter..

    Continua a Leggere

  • Blitz antimafia alla Noce. I nomi e le foto degli arrestati

    Eventi

    [gallery ids="64197,64198,64199,64200,64201,64202,64203,64204,64205,64206"] Palermo, 22 maggio 2018 - Dieci gli arrestati nell'ambito dell'operazione antimafia della Mobile di Palermo nel quartiere Noce. Ecco i nomi: Giovanni Musso, Giovanni Di Noto, Salvatore Pecoraro, Fabio La..


  • Circonvallazione al buio e senza segnaletica orizzontale. Caputo scrive al Prefetto

    Eventi

    Monreale, 22 maggio 2018 - Esiste una linea che separa dissesto finanziario di un comune e sicurezza dei cittadini? La mancanza di risorse può davvero mettere in pericolo la vita dei cittadini? Caso, ormai diventato emblematico, è la Circonvallazione di Monreale. L’importante asse viario, nel tr..


  • Operazione antimafia nella notte, 11 arresti alla Noce. Pizzo, feste religiose e intimidazioni

    Eventi

    Palermo, 22 maggio 2018 - Anche la festa religiosa del quartiere serviva a mantenere gli uomini di Cosa nostra. La mafia non ha pietà: e impon..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com