Inchiesta “Ciapi 2”: 24 indagati, tra cui Nino Dina e Salvino Caputo

0
tusa big

Palermo, 8 Aprile. Si chiude la seconda parte dell’inchiesta sull’ente di formazione Ciapi, e continuano ad aumentare i nomi dei personaggi politici coinvolti. La notizia è stata diffusa stamane dal quotidiano “Giornale di Sicilia”.

Secondo l’accusa del procuratore aggiunto Leonardo Agueci, l’ente di formazione sarebbe stato trasformato dal manager Fausto Giacchetto nel portafoglio di politici ed esponenti del mondo economico imprenditoriale siciliano.

Fra gli indagati, infatti, vi sarebbero 7 esponenti politici, l’ex ad del Palermo Calcio, dirigenti regionali, imprenditori e 5 società, per un totale di 19 persone fisiche e 5 persone giuridiche.

I politici indagati sarebbero il senatore Francesco Scoma ed il deputato regionale Santi Formica di Forza Italia, Salvino Caputo, ex Pdl, e Nino Dina, presidente della commissione bilancio all’ars, Salvatore Allotta, ex consigliere comunale di Palermo in quota PD, Gerlando Inzerillo di Grande Sud, anche lui ex consigliere comunale di Palermo, e Salvatore Sanfilippo, sindaco di Santa Flavia per la coalizione di centro destra.

Salvino Caputo, ex deputato regionale del Pdl, sentito dalla nostra redazione, si è detto estraneo alla vicenda, dichiarando di aver presentato una memoria difensiva a riguardo con cui chiede l’archiviazione del procedimento.

Nella memoria difensiva Caputo chiarirebbe come, essendo i fatti collegati ad un presunto finanziamento illecito in regime di campagna elettorale, le somme da lui utilizzate, documenti alla mano, nulla abbiano a che fare con Fausto Giacchetto, titolare della Sicily Comunications.

La posizione dell’avv. Caputo, infatti, non riguarda il Ciapi.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com