La proposta ironica del consigliere Lo Biondo: “Si devolvano i soldi incassati per le primarie di coalizione ad associazioni di volontariato”

0
tusa big

Monreale, 17 Marzo. Sono passate poche settimane dallo svolgimento delle primarie di coalizione del centro sinistra monrealese, che hanno decretato Piero Capizzi quale candidato Sindaco della stessa coalizione.

Oggi, arriva la proposta ironica del consigliere comunale del partito democratico Massimiliano Lo Biondo, già partecipante alle primarie di Ottobre, che tende a s:

Questa vuole essere una considerazione pubblica scaturita da discussioni che sono ancora vive nella città, non da rivendicazioni sui nomi: così come avvenuto per le primarie del Partito Democratico dello scorso Ottobre, che dovevano decidere il candidato Sindaco del nostro partito, chiedo che i fondi derivanti dal contributo versato dai votanti per queste primarie di coalizione vengano devoluti ad associazioni che operano nel sociale, in maniera tale da poter dare un aiuto concreto alle tante famiglie in difficoltà presenti nel nostro paese.”

Alle spalle di questa proposta, un ragionamento che segue le sue dichiarazioni immediatamente successive alle primarie di partito, ma che questa volta tende a mettere in risalto quella che, a suo dire è una “differenza metodologica forte fra le due elezioni”, che avrebbero avuto risultati ben diversi:

Le une, quelle dell’Ottobre scorso”, dichiara infatti Lo Biondo, “avevano delle regole ferree, che non hanno subito deroghe di sorta ed hanno permesso di esprimere la propria preferenza solo a chi si fosse precedentemente registrato quale elettore, e fosse disposto a versare un contributo di 1 euro.

I risultati di quelle elezioni, lungi dal potersi limitare alla scelta di un nome, possono riassumersi in un avvicinamento alla politica da parte della gente che, nel nostro paese, non ha precedenti: un fermento di proposte, linee programmatiche e spunti attuativi davvero vivo, che aveva fatto dimenticare le vecchie logiche partitiche.

E non solo, ma con il contributo versato dagli elettori è stato possibile, in quell’occasione, compiere almeno un gesto concreto, anche se avrei preferito che la somma donata fosse maggiore.

Le ultime primarie di coalizione, invece, non hanno dato modo agli elettori di conoscere le linee programmatiche dell’appena nato centro sinistra monrealese, che annovera al suo interno numerose anime, anche di volti noti e con basi politiche storicamente non di sinistra.”

Lo Biondo sottolinea come queste differenze rischino di dare un’immagine deleteria del Partito stesso, chiedendosi infine perché il PD non sia riuscito a tutelare se stesso e i risultati conseguiti con le primarie di Ottobre:

Naturalmente queste diverse linee saranno accomunate da un’idea unitaria, che però non è ancora dato conoscere. In questo modo, agli occhi della gente, l’accordo sembra quello del comodo rifugio di una poltrona post elettorale, mentre dovrebbe avere ragioni ben più profonde.

E non solo, ma la discrepanza fra le due competizioni ha contestualmente lasciato aperte le primarie di coalizione al voto, senza prevedere però né il versamento di un contributo per chi si fosse recato alle urne, né le rigide restrizioni delle primarie del Partito Democratico.

È lecito chiedersi, ed io lo faccio da uomo di partito e da candidato alle primarie di Ottobre, perché vi siano state queste differenze, e ancor di più perché il mio partito non abbia salvaguardato i risultati del percorso delle primarie di Ottobre, rinnegando le regole che egli stesso si era dato.”

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com