Monreale tra le terre di Cosa Nostra, lo spot crea la protesta

0
tusa big

 

C’è anche la visita presso la città di Monreale all’interno dell’itinerario “Sicily Mafia Tour” organizzato da una compagnia di viaggio inglese. La notizia di questa nuova forma pubblicitaria, riportata anche dal quotidiano La Repubblica, sta provocando non poca indignazione tra le associazioni. La compagnia d’oltremanica promette 4 giorni di tour tra i luoghi più suggestivi legati all’immagine di Cosa Nostra tra cui Monreale ma anche Palermo, Portella della Ginestra, Cefalù e addirittura Corleone, città in cui è ambientato il celeberrimo fil  de “Il Padrino”.

Questa nuova formula di marketing turistico, però, ha fatto arrabbiare le associazioni ed i frequentatori dei social network che hanno fatto scattare un vero e proprio tam tam di protesta. In tanti, infatti, hanno deciso di mostrare la propria indignazione sull’evento organizzato dall’agenzia di viaggi. Qualcuno ha perfino scritto una mail direttamente alla 4.tour per manifestare il proprio dissenso. “La Sicilia non è soltanto terra di mafia. Ci sono tanti bei luoghi da visitare che vanno ricordati per altro” – si legge tra i commenti – Qualcun’altro, invece, difende questa idea sostenendo che i “Mafia-tour” sono sempre esistiti ed è un modo come un altro per attrarre turisti. 

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com