Oggi è 26/05/2018

Antimafia e legalità

L’associazione ALBANOVA presenta PIO LA TORRE ai giovani

Durante il convegno, tenutosi oggi in Aula Consiliare, è stata scoperta una targa in onore di un “combattente per la libertà”

Pubblicato il 10 marzo 2014

L’associazione ALBANOVA presenta PIO LA TORRE ai giovani

Si è tenuto oggi in Aula Consiliare il convegno, organizzato dall’Associazione ALBANOVA, sulla figura di Pio La Torre come consigliere comunale di Monreale.

Dopo i saluti dell’Assessore LIA GIANGRECO e del Presidente del Consiglio comunale di Monreale ALBERTO ARCIDIACONO, il capogruppo PD SALVINO MIRTO ha ricordato tutte le battaglie per la pace di Pio La Torre, il suo essere “riformista” e tutti i comizi di chiusura di campagna elettorale, tenuti sempre da colui che era l’esponente politico più rappresentativo di quegli anni.

VITO LO MONACO (Presidente del Centro Studi e iniziative culturali “Pio La Torre”) ha innanzitutto dipinto un quadro storico degli anni ’60, caratterizzati dall’avvio dei governi centristi in Sicilia e in Italia, dall’importante figura di Papa Giovanni XXIII e, nella nostra terra, dallo scoppio della prima guerra di mafia (1963, strage di Ciaculli). In quegli anni a Palermo, inoltre, sotto il “triumvirato” Lima-Gioia-Ciancimino, avvenne il cosiddetto “Sacco di Palermo“. Questo fenomeno coinvolse anche Monreale, comune senza piano regolatore e quindi facilmente soggetto ad una cementificazione sregolata.

Divenuto consigliere comunale nel Dicembre 1964 in contrapposizione alla giunta Li Calsi, con la quale però vi fu sempre un corretto rapporto di rispetto istituzionale, Pio La Torre portò le sue esperienze contadine, sindacali e pacifiste nell’allora Sala Rossa, lottando per la regolamentazione del mercato ortofrutticolo monrealese, per il decentramento delle frazioni e, forte dell’esperienza da consigliere comunale del capoluogo siciliano durante il sacco di Palermo, opponendosi proprio alla speculazione edilizia di San Martino e Giacalone. Nella Primavera del 1965, ha ricordato ANTONINO CORSO (impiegato dell’Archivio comunale di Monreale), durante una discussione sul Bilancio, il consigliere del PCI legò inoltre le sorti della politica di Monreale a quelle di un “Assessore di Palermo” di cui il Sindaco di Monreale era “Vassallo”, in senso feudale, e alle sue amicizie in seno agli uffici della Regione Siciliana.

“Noi oggi siamo tutti anti-mafiosi perché è reato esserlo grazie alla legge Rognoni-La Torre, ma i veri anti-mafiosi erano i grandi uomini di quegli anni che combattevano contro un fenomeno molto più diffuso rispetto ad oggi”, afferma Lo Monaco.

 

Sconosciute, però, sembrano essere ancora le vere ragioni del suo assassinio. Per rispondere a questa domanda, secondo ELIO SANFILIPPO (Presidente Regionale LegaCoop), occorre fare riferimento a quel contesto storico-sociale-politico che vide La Torre ritornare in Sicilia, dopo essere stato a Roma a fianco di Enrico Berlinguer, per contrastare una situazione drammatica dell’isola. In quegli anni caddero sotto le armi della mafia tantissimi rappresentanti politici e istituzionali che si opposero al dominio mafioso, mentre Michele Sindona (il banchiere della mafia) preparava l'”operazione Trinacria” con l’obiettivo di creare uno stato mafioso parallelo. A Comiso, intanto, si lavorava per l’installazione di missili atomici della NATO e Pio La Torre, da segretario del PCI siciliano, capendo che si rischiava di far diventare la Sicilia una “zona franca”, creò un “movimento per la pace” che ben presto fu un esempio per tutti gli altri Paesi del mondo.

“Per la mafia La Torre era considerato una bestia nera, perché fin da giovanissimo l’aveva combattuta. I mafiosi, che lo chiamavo ‘il casto’, erano molto preoccupati a causa della legge Rognoni-La Torre, fin quando improvvisamente la cupola mafiosa decise di ucciderlo. La Torre era sorvegliato continuamente dai servizi segreti, eppure rimase solo proprio una settimana prima dell’omicidio avvenuto per mano di chi, addirittura, non sapeva nemmeno chi fosse la sua vittima. Da quell’omicidio iniziò l’ascesa dei corleonesi”, conclude Sanfilippo.

 

È rimasto soddisfatto il presidente dell’associazione organizzatrice dell’evento ALBANOVA, GIUSEPPE INNAIMI: “Abbiamo voluto mandare un messaggio legalitario in una terra ancora oggi martoriata dalla criminalità organizzata, che non esita a porre in essere atti violenti contro chi lotta per un domani migliore. Ci auguriamo che, in vista delle prossime elezioni, tutte le forze politiche si impegnino per riaffermare giustizia e legalità. Ringrazio i rappresentanti delle Istituzioni, i relatori e tutti i partecipanti”.

Il convegno si è concluso con la scopertura della targa in sua memoria, collocata proprio dietro il leggio da cui i consiglieri comunali parlano durante le sedute. Forse per ricordare chi, prima di loro, ha onorato la politica monrealese senza scendere a compromessi con la mafia.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Domani a Piana degli Albanesi un gruppo di Ministri albanesi e kosovari

    Antimafia e legalità

    Piana degli Albanesi, 26 maggio 2018 - Domani, 27 maggio e il 28 maggio una delegazione di Ministri della Repubblica d’Albania e della Repubblica del Kosovo terranno visite ufficiali in Sicilia. In particolare domenica 27 a Piana degli Albanesi l’incontro verterà sul tema “Minoranze stor..

    Continua a Leggere

  • Le ossa dei morti nascoste nel cemento. Sono 12 gli indagati del Cimitero degli orrori

    Antimafia e legalità

    Monreale, 26 maggio 2018 – Quello che esce fuori dalle indagini dei carabinieri di Monreale sul cimitero di San Martino delle Scale è davvero inquietante e sconcertante. Non a caso i carabinieri lo hanno definito il «Cimitero degli Orrori». L’operazione di questa mattina, che ha portato agli ..

    Continua a Leggere

  • Ligabue in visita a Monreale. Toccata e fuga del famoso rocker

    Antimafia e legalità

    Monreale, 26 maggio 2018 - Stamattina Ligabue si trovava a Monreale. Il famosissimo rocker emiliano è stato avvistato nei pressi di piazza Vittorio Emanuele. Alla notizia numerosi fan hanno iniziato a dare la caccia a Ligabue Il cantante ha però fatto una fugace visita nella nostra città e non..

    Continua a Leggere

  • Cimitero degli orrori a Monreale. NOMI E FOTO degli arrestati

    Antimafia e legalità

    [gallery ids="64792,64793,64794,64795"] Tutti sono gravemente indiziati di avere fatto parte di un’associazione per delinquere finalizzata alla commissione di numerosi delitti tra cui quelli di truffa, falsità in atti pubblici commesse da privati, falsità in certificazioni, violazione di sepo..

    Continua a Leggere

  • Arresti a Monreale e avvisi di garanzia. Banda gestiva il cimitero VIDEO e INTERCETTAZIONI

    Antimafia e legalità

    Monreale, 26 maggio 2018 - Questa mattina, a partire dalle prime luci dell'alba, i carabinieri di Monreale sono impegnanti nell'operazione di esecuzione del..

    Continua a Leggere

  • Cimitero degli orrori a Monreale. Arrestate 4 persone e numerosi avvisi di garanzia

    Antimafia e legalità

    Monreale, 26 maggio 2018 - Stamattina, su ordine della Procura della Repubblica di Palermo, i Carabinieri della Compagnia di Monreale in esecuzione di un’Ordinanza del G.I.P. presso il Tribunale di Palermo hanno arrestato 4 persone e sottoposto una quinta alla misura cautelare coercitiva d..


  • “La mafia uccide, il silenzio pure”

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 maggio 2018 - La Feltrinelli di Palermo Giovedì 31 maggio alle ore 18:30 dedica un intenso pomeriggio alla memoria di Peppino Impastato, nell’anno in cui ricorre il quarantennale della morte, con l’incontro “La mafia uccide, il silenzio pure”. La storia di Peppino – cele..


  • Miss Monreale 2018. Venerdì 1 giugno al via il casting (Nell’articolo come partecipare)

    Antimafia e legalità

    Monreale, 26 maggio 2018 - Al via il Casting per la seconda edizione di MISS MONREALE. Da venerdì 1 giugno, presso l’hotel Savoia di Monreale, in via Benedetto D’Acquisto, dalle 15,00 alle 19,00 cominceranno le selezioni. Dopo il successo della prima edizione del concorso di..


  • Fuori uscita liquami in via San Martino. La replica di Gelsomino e Zingales a Moncada

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 maggio 2018 - “Non so chi ha dato queste notizie mi assumo la responsabilità nel dire che non corrispondono a verità e che gli assessori presenti si sono semplicemente impegnati ad esaminare la problematica e cercare di trovare una soluzione dopo avere esaminato la pratica inerente ..


  • Capizzi: “Accertare responsabilità? Concordo con Caputo, ma necessario fare un’analisi approfondita su chi ha provocato danni già giudizialmente accertati, con sentenze emesse in via definitiva”

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 maggio 2018 - “Poche volte mi sono trovato d'accordo con l’avv. Caputo, e questa è una di quelle. Nella vita di ognuno di noi accadono talvolta dei fatti che danno una scossa, lasciano un segno, molto spesso in positivo, perché conducono a nuove r..


  • Fuoriuscita di liquami in via San Martino intervengono i tecnici

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 maggio 2018 -Fuoriuscita di liquami in via San Martino, zona Ponticelli. Su segnalazione dei cittadini questa mattina sono intervenuti sul posto i tecnici dell'Amap, rimane da verificare se il problema riguarda la fognatura del comune di Monreale.  Per risolvere una volta e..


  • A San Cipirello arriva il colore. Una piazza dedicata a Caronia, medico antifascista, e a Sonnino

    Antimafia e legalità

    San Cipirello, 25 maggio 2018 - Quegli edifici, un tempo grigi e anonimi, diventano il trionfo del colore e del ricordo di due personalità che hanno portato in alto il nome di San Cipirello. L’artista romano Eliseo Sonnino ha creato, in una piazza della città della Valle dello Jato, il murale da..


  • L’antimafia dei fatti. Una mietitrebbiatrice per le sorelle Napoli. Un dono per ricominciare

    Antimafia e legalità

    Mezzojuso, 25 maggio 2018 -   Il 23 maggio è stata la giornata delle celebrazioni antimafia. Incontri, convegni, discussioni, cortei, foto in bella vista e tante parole in occasione del ricordi delle stragi di mafia. Mentre in molte città siciliane si sprecavano parole, ..


  • Pioppo, la delegazione senza anagrafe e stato civile. Lo Coco interroga il sindaco

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 maggio 2018 - I servizi di anagrafe e stato civile non vengono ancora garantiti presso la delegazione municipale di Pioppo. Da oltre un anno, in seguito al trasferimento di personale, i pioppesi devono recarsi a Monreale per usufruire dell’ufficio. Sulla questione il capogruppo del gr..


  • Monreale. Salvino Caputo: “Campo sportivo ad Aquino, parcheggio Cirba e lease back caserma Carabinieri. Un danno alle casse comunali”

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 maggio 2018 – “Presenterò un esposto alla Corte dei Conti e alla Magistratura ordinaria perché venga fatta luce su scelte politiche che hanno avuto ripercussioni notevoli sugli equilibri finanziari del Comune oltre ad avere privato la città di due strutture fonda..


  • “Danisinni Circus”, domenica si inaugura il primo circo sociale permanente senza animali

    Antimafia e legalità

    Palermo, 25 maggio 2018 - Grande festa di quartiere con eventi aperti a tutti e gratuiti per inaugurare ‘Danisinni Circus’, il primo circo sociale permanente senza animali in città. È il ‘Museo Sociale di Danisinni’. Domenica 27 maggio 2018, Piazza Danisinni, dalle ore 16:00 sino a tard..


  • Migliorano le condizioni di Arianna Badagliacca, vittima di un incidente stradale a Vercelli

    Antimafia e legalità

    Vercelli, 25 maggio 2017 - Dopo giorni di apprensione, le condizioni mediche di Arianna Badagliacca stanno lentamente migliorando. La donna, rimasta vittima di un grave incidente stradale, è sotto costante osservazione da parte dei medici del reparto rianimazione dell’Ospedale di Novara. Ad annun..


  • Monreale, elezioni amministrative. Il Pd uscirà dalla crisi e resterà nella Terza Repubblica?

    Antimafia e legalità

    Monreale, 25 maggio 2018 - La Terza Repubblica è cominciata il 5 marzo. Un quadri-polarismo, una forza il M5s che spiazza i vecchi partiti con il 32 per cento, sia alla Camera sia al Senato, e tre partiti di medie dimensioni: il Pd al 19 per cento, la Lega con il ..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com