Piero Capizzi in campagna elettorale nella scuola media di Pioppo

0
tusa big

Si è svolta ieri pomeriggio, in presenza di circa 70 cittadini, la prima iniziativa elettorale a Pioppo di Piero Capizzi. Ad organizzarla è stato il consigliere Pippo Lo Coco, che quindi, nonostante il suo passato nel centrodestra, si è ufficialmente schierato con il candidato alle Primarie di coalizione di centro-sinistra.

I due consiglieri comunali d’opposizione hanno ricordato ciò che è stato fatto da loro negli anni passati per la frazione: dalla battaglia per il collettore fognario alla passerella per facilitare l’accesso alla scuola elementare, passando per l’appoggio al Comitato Pioppo Comune nella battaglia sul referendum per l’autonomia e per la costruzione della scuola media con l’amministrazione Gullo.
Dopo gli attacchi di Lo Coco all’attuale Sindaco, Piero Capizzi ha voluto prendere degli impegni precisi con i cittadini presenti: “mi impegnerò per costruire una bretella di collegamento che funga da alternativa alla via provinciale, garantire una migliore vivibilità della frazione e, più in generale, a risolvere tutti i problemi che sono risolvibili”.

A destare l’attenzione delle altre forze politiche è stata, però, la scelta della location: il candidato di Alternativa Civica, infatti, si è presentato all’interno della Scuola Media con l’autorizzazione del dirigente scolastico Patrizia Roccamatisi, nonostante secondo l’art. 96, comma 4, Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297, “gli edifici e le attrezzature scolastiche possono essere utilizzati fuori dell’orario del servizio scolastico per attività che realizzino la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile; il comune o la provincia hanno facoltà di disporne la temporanea concessione, previo assenso dei consigli di circolo o di istituto, nel rispetto dei criteri stabiliti dal consiglio scolastico provinciale”.

L’Amministrazione non ha dato alcuna concessione, infatti secondo il vicesindaco Giuseppe La Cortenon era il luogo giusto in cui svolgere questa iniziativa, anche perché se si comincia già da adesso a non avere rispetto delle regole non sappiamo cosa aspettarci per il futuro. Sicuramente chiederemo delucidazioni alla preside sul grave accaduto nei confronti dell’Amministrazione”.

“Non sapevo che fosse una riunione per presentare il candidato, ho visto solo oggi il signor Capizzi. Nella richiesta presentatami dal consigliere Lo Coco vi era specificato che si sarebbe parlato solamente di Ato –dichiara la Roccamatisi – L’autorizzazione l’ho data comunque io, anche se poi porterò tutto in consiglio d’istituto per la ratifica. La ratifica viene fatta dopo lo svolgimento dell’evento? Certo, in situazioni d’urgenza io posso anche decidere di dare il locale”.

L’iniziativa era sull’Ato perché tra i vari punti programmatici della futura amministrazione ci deve essere subito il tema della raccolta differenziata – afferma il consigliere Lo Coco – A questa sala possono comunque accedere tutti perché realizzata con i fondi ricavati dai contributi dei cittadini: non è una struttura privata, è comunale. Ma è sempre una scuola? La scuola non è qua, bensì dove vi sono le aule”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com