Oggi è 19/12/2018

Politica

Movimento Monreale Futura: “Le parole del sindaco? Fumo negli occhi”

“Si, è proprio fumo negli occhi per quei Monrealesi che ascoltano le melliflue parole del nostro amato Sindaco il quale prospetta, conforta, abbindola la nostra comunità con messaggi che sono di pura propaganda elettorale, come la creazione di posti di lavoro tra ARO e Complesso Guglielmo. E ci apprestiamo a esternare le nostre riflessioni su entrambe le questioni”, esordisce Davide Parisi – Presidente di Monreale Futura.

Pubblicato il 9 febbraio 2014

Movimento Monreale Futura: “Le parole del sindaco? Fumo negli occhi”

E continua: “Auspicare di per se la creazione di nuovi posti di lavoro a Monreale per la gestione del Museo Multimediale è cosa che condividiamo, come penso la condividano tutti i detrattori di Di Matteo. Ma si tratta di detrattori anche loro immersi nella campagna elettorale. Limitarsi a dire che il Sindaco farebbe bene a non illudere i Monrealesi, facendo balenare opportunità lavorative al solo fine di ingraziarsi le loro simpatie è limitativo, riduttivo, nonché superficiale.

Se la critica che sollevano al Primo Cittadino è tutta qui, dimostrano pochezza culturale e intellettuale, poiché anche i sassi sanno che in campagna elettorale promettere posti di lavoro è prassi comune, non c’è nulla di anormale, fa parte del modo di fare politica della classe dirigente monrealese.  Ed è evidente che gli stessi detrattori vengono fuori con le loro critiche e osservazioni esattamente per le stesse ragioni: ci sono le elezioni!

È tutto qui ciò che sa dire il segretario Zuccaro? Siamo straniti! Dall’esponente più importante della politica di sinistra monrealese (o presunta tale) ci saremmo aspettati altro genere di riflessioni. Che il Complesso Guglielmo dovesse ospitare un Museo Multimediale si sa da tanto tempo, ma non ho mai sentito nessuno fare questo genere di rilievi, fino ad oggi.  Immagino che si sapesse già che la gestione del Museo avrebbe comportato la creazione di nuovi posti di lavoro. Quindi, cosa c’è di strano se il Sindaco le annuncia? Solo il fatto di essere in prossimità dell’evento elettorale? Ripetiamo, è solo la tempistica che è calcolata. Quindi gli avversari del Sindaco dovrebbero essere in grado di addurre rilievi più profondi e pressanti.

Infatti, il vero problema è un altro, e a nessuno dei sopracitati detrattori l’abbiamo sentito dire. Come al solito noi di Monreale Futura preferiamo andare a fondo alla questione, così come abbiamo fatto in tante altre circostanze.

La creazione di posti di lavoro attorno al Complesso Monumentale è cosa ovvia, lo abbiamo già detto, ma il Sindaco deve anche dire ai Monrealesi che questi lavoratori non necessariamente saranno concittadini, anzi sarà quasi impossibile che lo siamo. Infatti il bando ad evidenza pubblica che l’amministrazione si accinge a varare per l’assegnazione della gestione del Museo prevede la partecipazione di ditte che non sono obbligate ad assumere Monrealesi, soprattutto se le stesse ditte candidate non sono del luogo.  Questo deve essere chiaro. Le regole del bando non potranno prevedere l’assunzione forzata di operatori locali, poiché si verrebbe meno alla normativa di riferimento, che prevede l’assoluta libertà per le imprese partecipanti di assumere chi vogliono, visto che l’appalto sarà per loro costoso. E ci pare pure giusto! Quindi, caro Sindaco, non gettare fumo negli occhi alla gente, sperando di averne un ritorno di immagine. Non si gioca con le aspettative delle persone in un momento di grave crisi come questo.

Ma il problema è ancora più grave, in quanto la selezione prevista dal bando dovrebbe in un certo qual modo (ma non saprei come) garantire la competenza e lo spessore culturale dell’imprenditore che si aggiudicherà l’appalto. Visto che i criteri di aggiudicazione riguarderanno prevalentemente il valore economico dell’appalto, si potrebbero presentare dei paperoni del tutto privi della conoscenza della cultura monrealese necessaria per gestire un’opera di questo rango. Auspichiamo che tra i criteri del bando, prima di quelli economici, ci siano quelli culturali. Ma siamo convinti che il Sindaco non ci abbia neppure pensato. Speriamo di sbagliarci.

Un’altra riflessione che facciamo riguarda la stessa opportunità di realizzare il Museo Narrativo Multimediale. In un paese come il nostro, strapieno di monumenti di altissimo profilo, che da soli potrebbero meglio narrare le vicende della nostra storia, era proprio necessario rinchiudere i visitatori dentro il Complesso Guglielmo? È come se ce ne fregassimo del nostro patrimonio architettonico, tanto si sta perdendo: non ne vale la pena cercare di recuperarlo! Il Sindaco ha chiesto agli operatori turistici monrealesi se preferiscono i visitatori per le strade piuttosto che chiusi dentro un sia pur magnifico edificio come il Complesso Guglielmo? Se io fossi uno di questi operatori mi preoccuperei, poiché il rischio è quello che, visitata la Cattedrale, visitato il Museo, i turisti se ne vadano lo stesso.

Perché dovrebbero restare in città? Perché dovrebbero alloggiare in uno dei nostri Bed and breakfast? Ci vuole una settimana per visitare il Museo? Anzi, tra Cattedrale e Museo esaurirebbero la loro giornata, arricchirebbero la società che gestisce il Guglielmo, e noi rimarremmo con un palmo di naso. Non sarebbe stato meglio restaurare i nostri monumenti, portare in giro per le strade i nostri visitatori? Poi sarebbe stato compito dei nostri operatori turistici accattivarseli, attrarli con i loro prodotti e la loro creatività. Pensiamo ai laboratori di mosaico, ai ceramisti, ai locali tipici, alla bancarella della granita. Rischiano tutti di averne un danno dal Museo Narrativo.

Certo, il Sindaco potrebbe sempre obiettare (d’altronde è il leitmotiv delle ultime amministrazioni): ma dove li avete visti, cari amici di Monreale Futura, i soldi per mettere a posto i monumenti della Città? Sarebbe fin troppo semplice e banale rispondergli, ma i Monrealesi devono sapere che i bandi comunitari esistono soprattutto per il recupero del patrimonio architettonico locale. Solo che i nostri amministratori, che ne possono sapere? Se avessero davvero avuto voglia e competenza per metter mano a un grandioso progetto di recupero del nostro patrimonio architettonico e culturale, dal 2000 ad oggi, cioè da quando esistono i fondi comunitari, avrebbero avuto tutto il tempo necessario per far tornare Monreale ai fasti di un tempo. E la candidatura all’Unesco avrebbe potuto riguardare la nostra Città piuttosto che il solo Duomo. Ma questa gente che crede di saper amministrare, non potrà mai elaborare un progetto così ambizioso, poiché non ne ha gli strumenti culturali, poiché non ha tra i suoi primi obiettivi di governo l’interesse della collettività.

Un piano serio per il rilancio del turismo a Monreale, lo ribadiamo, non esiste e non è mai esistito. E il Museo Narrativo, e ci auguriamo davvero di sbagliarci, non sarà da solo in grado di riportare il turismo nel nostro paese. Uno degli aspetti più interessanti del programma di Monreale Futura, che sarà presentato a giorni, sarà proprio il progetto per il rilancio del turismo a Monreale.

E poi c’è il problema dei costi di realizzazione del Museo. Altri 2,5 milioni di euro dalla Regione Sicilia. Ma ce li hanno regalati? O li dobbiamo restituire? 20 milioni di debito fuori bilancio stiamo cercando di spalmarli grazie al piano di riequilibrio finanziario che ancora la Corte dei Conti non si decide a deliberare (dimenticavo … se passa il piano, il Comune di Monreale dovrà pagare oltre 2 milioni di euro all’anno per i prossimi vent’anni alla Cassa Depositi e Prestiti!), ne mettiamo altri 2,5 milioni per il Museo … ma chi li paga questi debiti? Ovviamente non è un problema di Di Matteo, poiché sta per lasciare la sua poltrona. Certo, ci dirà che sono soldi ben investiti, e speriamo che gli unici a avvantaggiarsi del Museo non siano i gestori individuati dalla gara d’appalto.

Andiamo alle 15 assunzioni per l’ARO. Anche in questo caso i detrattori del Sindaco si sono sprecati: non illudere i Monrealesi, non fare promesse in campagna elettorale …  Vorremmo far notare al Sindaco e ai suoi detrattori, che i dipendenti del Comune di Monreale sono già tanti rispetto alle reali esigenze dell’amministrazione, e che l’assunzione di altre 15 unità non farebbe che annullare quelle economie che potrebbero realizzarsi  con la gestione efficiente (o presunta tale) dei rifiuti. Qualunque siano le professionalità necessarie per gestire il bacino di compostaggio di Bisacquino, il Sindaco sa bene che una tale spesa in più cadrebbe sotto la lente di ingrandimento della Corte dei Conti che, se Di Matteo non lo avesse notato, ha puntato su di noi le sue attenzioni (vedi piano di riequilibrio finanziario). I futuri amministratori sappiano, poiché siamo certi che non lo sanno, che sarà impossibile fare nuove assunzioni se prima non si saranno cercate altre soluzioni. E le soluzioni ci sono, come quella di formare il personale esistente che sappiamo già farà parte dell’ARO. Quindi, cari Monrealesi, siate vigili” conclude il presidente di Monreale Futura. “I vincoli imposti alle Amministrazioni inadempienti sotto il profilo finanziario sono stringenti: si deve ridurre la spesa, non si può assumere nessuno!”

 

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Statue sacre al posto dei rifiuti. L’idea sembra funzionare

    Politica

    Monreale, 19 dicembre 2018 - Nei giorni scorsi alcuni cittadini hanno posizionato al bivio Caculla una statua della Madonna fornita da padre Elisee, parroco della Chiesa di Fiumelato. Un cittadino ha anche donato un rosario che è stato aggiunto all'immagine sacra. Si è conclusa questa prima fase c..

    Continua a Leggere

  • Approvati dal consiglio comunale i cantieri di lavoro

    Politica

    Monreale, 18 dicembre 2018 - A distanza di un mese, dopo quattro consigli comunali chiusi per assenza di numero legale, oggi è arrivata la ratifica del punto all'ordine del giorno che prevede l'avvio dei cantieri di lavoro. Previsti interventi per rendere più fruibile una strada comunale, via..

    Continua a Leggere

  • Numerose case svaligiate a Monreale. Presa di mira dai ladri via Regione Siciliana

    Politica

    Monreale, 18 dicembre 2018 - Case di villeggiatura svaligiate, danneggiamenti, intrusioni notturne e talvolta anche alla luce del sole. E' allarme furti nelle periferie di Monreale. In questi giorni ad essere prese di mira da alcuni furfanti sono le villette che si trovano nelle contrade del mo..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Per 9 precari del comune dal primo gennaio contratto a tempo indeterminato

    Politica

    Monreale, 18 dicembre 2018 - È stata approvata questa mattina la graduatoria che permetterà a 9 dipendenti del comune di Monreale, assunti a tempo determinato e parziale, di passare entro il 31 dicembre ad un contratto a tempo indeterminato e parziale. Sono state 27 le domande pervenite al comu..

    Continua a Leggere

  • Serena Potenza è il nuovo assessore. Si ricostituisce la giunta

    Politica

    Monreale, 18 dicembre 2018 - È Serena Potenza, 40 anni, palermitana, il nuovo assessore comunale alla Pubblica Istruzione, ai Beni culturali, alla Trasparenza e alla Comunicazione. 

    Laureata in Scienze Politiche, indirizzo in Relazioni e Politiche Internaziona..

    Continua a Leggere

  • “Domus Dei et Ianua Coeli”, giovedì alle 10:30 la conferenza stampa presso la Sala Rossa

    Politica

    Monreale, 18 dicembre 2018 - In vista del concerto che, come detto in un altro articolo, si terrà giovedì 20 dicembr..

    Continua a Leggere

  • Intervento sugli alloggi di Aquino. Caputo: “Le parole valgono zero. Servono atti concreti”. Monreale Bene Comune: “Cosa c’entra Salvino Caputo con questi lavori?”

    Politica

    Monreale, 18 dicembre 2018 - Questa mattina sono già al lavoro gli operai inviati dallo Iacp di Palermo per risolvere il problema legato alla mancata erogazione idrica all'interno degli immobili. 

    Continua a Leggere

  • “Un dolce di solidarietà”, domenica vendita di beneficenza al Collegio di Maria

    Politica

    Monreale, 18 dicembre 2018 - Domenica dalle 9 le Confraternite del SS. Crocifisso e di San Castrense, come ormai consuetudine, danno vita alla VIII edizione della fiera del dolce con il titolo..


  • Nell’ospedale Ingrassia “Ti curo leggendo”: un’iniziativa per pazienti e familiari

    Politica

    Monreale, 18 dicembre 2018 - Dal 17 al 21 dicembre verrà allestita una piccola biblioteca in Ospedale attraverso la donazione di un libro. Un percorso di umanizzazione intrapreso dal Presidio Ospedaliero “Ingrassia” di Palermo, si chiama “Ti curo leggendo”. La consegna dei..

    Continua a Leggere

  • Pubblicato il “calendario delle manifestazioni di grande richiamo turistico”, ma Monreale non è in lista

    Politica

    Monreale, 17 dicembre 2018 - È stato reso pubblico il decreto, rilasciato dall'Assessorato Regionale al Turismo, con cui vengono calendarizzati gli eventi "di grande richiamo turistico". Si tratta di eventi eccellenti che vanno dalle feste di carnevale fino alle rappresentazioni classiche. Le ma..

    Continua a Leggere

  • Famiglie bisognose, mercoledì la distribuzione delle derrate alimentari in contrada Grotte- Favara

    Politica

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Nella sede dell’associazione “Asfa Sicilia” (Associazione di sostegno alla famiglia) nella villa confiscata alla mafia in contrada Grotte Favara verranno distribuite delle derrate alimentari a favore delle famiglie bisognose del territorio comunale.  L..

    Continua a Leggere

  • Il coro della scuola P. Novelli si esibisce per gli anziani della casa di riposo Benedetto Balsamo

    Politica

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Questa mattina i bambini del coro della Direzione Didattica Pietro N..

    Continua a Leggere

  • Era conosciuto come Aldo il pittore. Accanto al corpo del clochard vegliava il suo gatto

    Politica

    Palermo, 17 dicembre 2018 - Aid Abdellah, conosciuto come Aldo, è il nome dell’uomo 56enne di origine musulmana che è stato freddato mentre dormiva sotto i portici di piazzale Ungheria. Il clochard è stato trovato agonizzante con una profonda ferita alla testa intorno alle 7,30. A lanciare l’..

    Continua a Leggere

  • Aquino, case popolari di nuovo senza acqua. Inutile l’intervento dei giorni scorsi

    Politica

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Siamo di nuovo alle prese con le case popolari di via Santa Liberata..

    Continua a Leggere

  • Corsa contro il tempo. SOS cuccioli cercano casa

    Politica

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Questa mattina tre cuccioli sono stati trovati all'interno di una sc..

    Continua a Leggere

  • La Parrocchia di San Giuseppe al Malpasso inaugura il suo presepe

    Politica

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Tra i tanti presepi che in questo periodo abbelliscono chiese e luoghi..

    Continua a Leggere

  • “Un uomo perbene”. A Piazzale Ungheria trovato il corpo senza vita di un senza tetto

    Politica

    Palermo, 17 dicembre 2018 - È stato trovato questa mattina senza vita, all’interno di piazzale Ungheria, a Palermo. A pancia sotto. Dalle prime notizie sembra che abbia un foro sulla testa. Intorno un cordolo di Carabinieri, che non permette a nessuno di avvicinarsi.  [gallery ids="8..

    Continua a Leggere

  • Lotta al randagismo, i volontari impegnati nel controllo del territorio. Zingales: “Accolte tutte le domande pervenute dalle associazioni”

    Politica

    Monreale, 17 dicembre 2018 -L’intenzione di affidare l’ex Centro Civico Villaggio Montano alle associazioni volontarie di Guardie Ambientali ..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com