Riduzione posti letto all’Ospedale Ingrassia. Se ne è discusso in consiglio comunale

0
Araba Fenice desk

In consiglio comunale oggi è stata proposta dall’ass. Vittorino e dal consigliere Venturella l’approvazione di un odg inerente la decisione dell’ass. regionale alla Sanità Lucia Borsellino di ridurre i posti letto all’Ospedale Ingrassia. Nel suo intervento, Vittorino ha ringraziato il sindaco Di Matteo per le lettere inviate all’ass. Borsellino, che l’avrebbero convinta a ritornare sulla sua decisione, riducendo il taglio di posti letto previsto.

Il consigliere Lo Coco, presa la parola, ha ironizzato sui poteri magici di cui il sindaco sarebbe dotato, che gli avrebbero permesso di incidere sulla spesa sanitaria della regione siciliana. Lo Coco ha voluto smentire i meriti del sindaco: “La riduzione dei posti letto dell’Unità operativa di chirurgia generale dell’Ospedale Ingrassia intanto riguarda la Direzione Generale dell’ASP e non l’Assessore alla Sanità, Borsellino. E comunque non c’è alcuna delibera in atto ma solo ipotesi di riduzione dei posti letto al vaglio della Direzione Generale, in un’ottica di riorganizzazione dei servizi. Al momento Lei non ha alcun merito perché non c’è stata alcuna soppressione di posti letto”. Lo Coco ha richiesto di invitare in consiglio comunale l’On. Salvo Lo Giudice, membro della 6° Commissione Sanità dell’ARS, per potere fornire adeguati chiarimenti.

Per il consigliere Venturella gli sprechi della Regione Siciliana vanno a penalizzare il servizio sanitario regionale. “Non è vero che l’Ass. Borsellino non sia a conoscenza dei tagli, che di fatto ci sono. Già avvengono minori ricoveri. La politica deve tenere conto delle esigenze del territorio”. Venturella ha sottolineato l’importanza dei reparti dell’Ospedale Ingrassia per il territorio monrealese, indispensabili a volte a salvare la vita di tanti malati, data la vicinanza con Monreale. Venturella ha infine  criticato la politica regionale di riduzione dei posti letto: “Il ricovero dei pazienti presso le cliniche private o le case di cura comporta costi ben più alti per la sanità pubblica”. Venturella ha anche auspicato un consiglio comunale aperto ai Direttori sanitari, ai Primari, ai Direttori Generali, al Deputato Regionale monrealese e anche all’Ass. Borsellino.

Di Matteo ha voluto replicare a Lo Coco ed ha spiegato di essere venuto a conoscenza nel mese di dicembre della riduzione dei posti letto dell’Ospedale Ingrassia, carte alla mano. Sarebbe stata programmata l’eliminazione dell’intero reparto di Chirurgia, dei posti letto della Rianimazione e della Cardiologia. “Nessuno pensi che l’Ass. Borsellino e il Presidente della Regione Crocetta non ne siano consapevoli, dato che si tratta di un piano regionale e non provinciale. In questa nota si legge della riduzione di circa 40 posti letto nell’Ospedale Ingrassia, per arrivare a meno di 120 immediatamente, mentre si aumenta l’ospedale di Gela di 26 posti letto. Non esiste un tecnico che faccia una manovra del genere senza che i vertici politici ne siano a conoscenza e abbiano fatto le loro scelte”.

Di Matteo ha fatto riferimento a due cittadini monrealesi che sarebbero ancora vivi grazie alla presenza dei reparti dell’Ospedale Ingrassia: “Il nostro dipendente comunale, G. D. S., secondo gli stessi medici intervenuti, non sarebbe sopravvissuto se fosse giunto in ospedale con pochi minuti di ritardo. Lo stesso è stato dichiarato dai medici per una signora che ha avuto una gravidanza extra-uterina. Prendendo spunto da questi casi ho attaccato mediaticamente la politica regionale ricordandole i rischi connessi alla riduzione del servizio presso l’Ingrassia. Poco dopo abbiamo visto riapparire, nel nuovo piano, 14 dei 24 posti letto della Chirurgia generale, e sono stati aumentati 2 posti presso l’anestesia e la rianimazione”.

Di Matteo ha quindi chiesto al consiglio di votare all’unanimità un odg  per mandare alla politica regionale un messaggio forte contrario al depotenziamento dell’ospedale Ingrassia.

Il sindaco ha anche chiesto di presentare e votare all’unanimità un emendamento all’odg dove si chiede alla Commissione Sanità dell’ARS di ascoltare il sindaco di Monreale ed una delegazione del consiglio comunale.

Si sono espressi favorevolmente tutti i consiglieri al momento della votazione presenti in aula:

Abruzzo, Arcidiacono, Davì, D’Eliseo, Di Verde, Grippi, La Corte, Lo Biondo, Lo Coco, Romanotto, Scalici, Vaglica, Venturella, Villanova, Vittorino.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com