Mons. Pennisi in volo per la Tanzania

0
Araba Fenice desk

Stamattina l’arcivescovo di Monreale, Mons. Michele Pennisi, partirà alla volta della Tanzania su invito del Vescovo della Diocesi di Iringa, Mons. Tarcisio Ngalalekumtwa.

Accompagnano l’arcivescovo Don Nicola Gaglio, parroco di Santa Maria La Nuova e Don Dario Russo, dell’arcidiocesi di Monreale, fondatori dell’associazione Hakuna Matata Onlus, oltre al suo segretario, Don Giacomo Sgroi.

Dell’associazione Hakuna Matata, abbiamo trattato in un precedente articolo (vedi link).

L’arcivescovo di Monreale visiterà le missioni di Migoli e di Kitanewa-Idodi della Diocesi di Iringa e inaugurerà un nuovo asilo promosso dalla parrocchia della Cattedrale di Monreale.

Don Dario Russo si reca ogni anno a visitare le missioni, per constatare quali esigenze emergono tra la popolazione, per poi proporre ai suoi parrocchiani di Carini il tipo di intervento da sovvenzionare.

L’intento dei missionari è portare la parola di Dio ma anche creare i presupposti per uno sviluppo che nasca dal territorio stesso, secondo il detto “Se vuoi aiutare non dare un pesce ma insegna a pescare”. Secondo questo principio già in un’altra zona della Diocesi di Iringa i missionari hanno avviato una scuola di agraria.

“La Chiesa – sottolinea Don Nicola Gaglio – è tra le uniche realtà che ha a cuore l’uomo e lo rispetta per quello che è. In Tanzania osserviamo programmi da parte di organizzazioni straniere appartenenti a paesi occidentali che, dietro un apparente intervento assistenziale, nascondono interessi economici egoistici a discapito della popolazione locale”.

Le missioni sono inserite nella savana, in una zona ricca d’acqua. Non c’è luce elettrica, le capanne sono fatte di fango e viene praticata un’agricoltura con tecniche antiquate. Poche specie di prodotti agricoli attecchiscono.

Nel paese più sperduto della savana invece sono diffusi coca cola e preservativi. Il paese è permeabile ai falsi miti dell’occidente.

“La cultura, basata sulla vita e sulla procreazione, viene distrutta. La chiesa vuole dare una dignità alla sessualità. Lo sforzo della chiesa, dopo l’evangelizzazione, è quello di fare capire che l’uomo ha una dignità quale figlio di Dio. Lo sforzo della Chiesa è rivolto alla promozione sociale, che deve avvenire tramite la scuola, l’assistenza alimentare, il lavoro”.

Gli interventi dell’associazione negli anni sono stati mirati alla costruzione di asili nido, all’istituzione di scuole professionali della durata di due anni, di falegnamerie, di scuole di cucito.

Questo è lo “stile” di Hakuna Matata, un intervento da condividere insieme alle popolazioni locali, fuori da un’ottica di assistenzialismo, per costruire un futuro fatto di autonomia, dignità del lavoro nella loro terra.

L’educazione primaria è rivolta nei confronti dei bambini appartenenti a tutte le religioni. Gli asili, unica realtà educativa, sono un esempio di tolleranza e fratellanza tra cristiani, musulmani, animisti.

Le adozioni a distanza, molto diffuse nel territorio di Carini e di Partinico, sono rivolte a sostenere proprio gli asili, dove i bambini hanno l’opportunità di fruire di un pasto giornaliero.

L’attività dei missionari è rivolta anche a combattere la cultura maschilista imperante, che costringe le donne a svolgere tutti i lavori, anche quelli più pesanti.

La visita dell’arcivescovo Pennisi si concluderà il 31 Gennaio.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com