L’associazione UNA lancia una proposta ai candidati sindaci di Monreale

0
tusa big

L’associazione UNA lancia una proposta e chiede una “solenne lettera di impegno” ai candidati sindaci del comune di Monreale.

UNA si occupa ormai da anni del problema degli animali randagi del nostro vasto comune. Un problema sentito da tanti cittadini, e che aveva portato alcuni mesi fa Salvatore Leto, candidato alle primarie del PD, ad affrontare la questione. La sua proposta era stata condivisa dall’associazione, che adesso la ripropone affinché possa essere portata al centro del dibattito politico.

Il Presidente dell’associazione, Giuseppe Lo Vecchio, si rivolge  ai candidati sindaci, e non all’attuale amministrazione Di Matteo che, si legge nella nota, “dai ripetuti contatti avuti nell’ultimo biennio si è dimostrata insensibile, omissiva  e inadempiente,…”.

Lo Vecchio sottolinea che dalla mancanza di sensibilità amministrativa e di politiche adeguate rivolte verso gli animali viene fuori un problema di sicurezza, considerato l’enorme numero di animali randagi presenti nel territorio che spesso finiscono per formare branchi pericolosi per l’incolumità delle persone.

Le proposte in breve:

Registrare con microchip e sterilizzare i randagi, che da un’indagine di UNA sul territorio monrealese sono oltre 500.

Istituire un “Ufficio per i diritti degli animali”, affidato ad un Medico Veterinaio, che faccia da focal point per la cittadinanza e da centro di coordinamento per le problematiche relative agli animali.

Creazione di una canile municipale, con funzioni di pensione, in un terreno confiscato alla mafia

Realizzazione di un cimitero per animali domestici, per rispondere d esigenze igienico-sanitarie.

Segue la proposta completa.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com