Di Matteo: “Un anno difficile ma la strada percorsa è stata quella giusta”

0
Araba Fenice desk

Stamattina, presso i locali di Villa Savoia, si è tenuto il consueto saluto del sindaco ai dipendenti comunali e all’Arcivescovo della Diocesi.

Anche Mons. Michele Pennisi ha quindi colto l’occasione per rivolgere gli auguri alla città. “Natale è la festa che ogni anno ci ricorda l’evento storico decisivo per la nostra salvezza” è stato l’incipit della riflessione di Mons. Pennisi. “Il Natale è la festa della gioia che si può sperimentare nell’estrema povertà”. L’Arcivescovo ha sottolineato la difficoltà che si incontra nel parlare di gioia in un momento di grande difficoltà per tante famiglie.

Da qui l’invito a servire il bene e a promuovere la dignità della persona.

“La solidarietà deve prevalere sul tornaconto personale, la giustizia sull’illegalità, il lavoro deve essere riscattato dallo sfruttamento, la dignità del lavoratore riconosciuta e tutelata, la convivenza civile affrancata dalla rassegnazione, se non proprio dalla disperazione. E’ importante un impegno da parte di tutti, ognuno nel suo ruolo”.

Nel rivolgere l’augurio natalizio, Mons. Pennisi ha esortato a prestare maggiore “attenzione alla vita della gente, con particolare riguardo alle fasce più deboli, più esposte alle intemperie di una società sempre più complessa”.

Il sindaco Filippo Di Matteo ha voluto ringraziare i dipendenti comunali che lo hanno collaborato anche quest’anno: ”A volte ci sono stati scontri con alcuni dipendenti che però hanno portato ad una maggiore comprensione e ad una fattiva collaborazione”.

Ma per il sindaco l’incontro di oggi è stato l’occasione per trarre un breve bilancio dell’attività svolta durante questi dodici difficili mesi: “Un anno difficile per i grossi problemi economici che abbiamo dovuto sostenere”. Per Di Matteo il bilancio è senz’altro positivo, e testimoniato dall’essere riusciti a fare approvare il piano di riequilibrio pluriennale che ha permesso alla città di ottenere finanziamenti per circa nove milioni di euro, somme che hanno permesso al comune di sanare molti debiti pregressi”.

Il sindaco ha augurato ai presenti, e si è augurato, di potere essere ancora lui a presentare ai dipendenti l’augurio natalizio per i prossimi cinque anni “per dimostrare che il lavoro fatto in questi anni non è stato sbagliato, e che il Piano che abbiamo approvato era l’unica soluzione per risanare le casse comunali e per evitare il dissesto di questo comune”.

Al termine del saluto, “alcuni” dipendenti hanno voluto offrire al sindaco un dono.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale