Oggi è 20/01/2018

Eventi

Fiabe siciliane: intervista ad Amelia Crisantino

Giovedì 12 dicembre alle ore 18.00 presso l’ex Sala Teatro del Complesso Guglielmo II regalatevi la presentazione del libro “Fiabe Siciliane” di Amelia Crisantino, una raccolta selezionata  delle fiabe del  Pitrè.

Pubblicato il 11 dicembre 2013

Fiabe siciliane: intervista ad Amelia Crisantino

 

La Sicilia è una terra favolosa e Amelia Crisantino propone le fiabe di Giuseppe Pitrè per raccontarcela, uno spaccato che è storico e al contempo poetico.

Il lavoro svolto, precisa l’autrice, non è di traduzione ma di divulgazione.

Il libro, infatti, è breve, ha un costo accessibile, il linguaggio è moderno, le storie appassionanti. 

Il criterio che si è posta non è quello di comporre un’antologia ma di offrire un fondo identitario e riscoprire la Sicilia attraverso le sue storie Folk.

Oggi come alla fine dell’Ottocento il Folk è terra proibita, si tenta di occultarla con la moda e la modernità.

Tra un sicilianismo a tutti i costi in cui si esaltano le virtù della terra, dissimulando i difetti e i vizi, e il disprezzo sconsiderato, Amelia opera per una terza via possibile, che restituisce dignità senza falsare la storia.

Con la traduzione delle fiabe infatti vira verso la frantumazione dello stereotipo per riscoprire un terreno nuovo.

 

 

Perché le fiabe del Pitrè?

A me è sempre piaciuto il Pitrè.

Giuseppe Pitrè ha avuto una sorte ingiusta perché, pur essendo il massimo conoscitore della tradizione della Sicilia, viene acclamato nei momenti di circostanza e subito dopo dimenticato.

Nei fatti è un pianeta sconosciuto.

Nei momenti in cui c’è da rendere onore si onora poi non è praticato.

La fama del Pitrè ha avuto dei contrattempi per via di un’ingenuità, ed il torto, il torto ingenuo forse, di dare una definizione della mafia che è stata utilizzata poi in mala fede da altri che sono venuti dopo di lui.

Lo scrittore ha parlato di mafia come mentalità e atteggiamento quasi rifiutando il concetto come potere politico.

Questa concezione lo ha reso cattiva etichetta per la sinistra, pur non soddisfacendo le attese della destra.

Non era abbastanza per la destra e poco per la sinistra.  

Bisogna assolutamente superare questo scoglio, la colpa, il peccato originario che oscura la sua opera.

Per quanto riguarda le fiabe, Pitrè pubblicò 4 volumi che furono accolti malissimo dalla critica del tempo, il giornale di Palermo li definì come 4 volumi di porcherie poiché raccontava storie amorali, senza una moralità edificante.

Si trattava di storie che aveva appreso dal popolo, che a sua volta aveva raccolto e che facevano parte della storia culturale.

Era il 1885 e la Sicilia era già un caso per la pubblica sicurezza e nemmeno il folklore era continente neutro perché dal folklore si poteva gettare luce sull’amoralità di un popolo.

Siccome le fiabe non erano attinenti alla moralità delle famiglie borghesi, allora erano  arma in mano a chi diceva che la Sicilia non era abbastanza civilizzata.

In mezzo a mamme draghe, principi e principesse: che bisogno c’era di mostrarlo? Era questa la logica della critica del giornale di Palermo.

Aiutaci a  immaginare Giuseppe Pitré

Un uomo con la vocazione dello studioso, il suo motto era “nessun giorno senza un rigo di scrittura.”

Era un medico con la vocazione del ricercatore-antropologo. Nonostante fosse assorbito dal lavoro di cura non rinunciava mai a portare con sé, nel lavoro, la sua ricerca, la sua scrittura.

Questo  dimostra che le cose fatte per diletto sono le migliori!.

Perché Pitré crea questa raccolta?

Pitré cercava il tesoro del popolo siciliano, voleva a tutti i costi preservare dalla modernità la cultura propria del suo popolo.

Così comincia la raccolta di queste fiabe.

Le raccoglie con una certa inconsapevolezza, svelando gli arcani di un mondo conosciuto solo per stereotipi, delineando un terreno nuovo.

Ed è proprio la paura del poter svelare l’essenza della sicilianità, con le sue mille contraddizioni, che infiamma la critica locale, la quale preferisce che i panni sporchi si lavino a casa.  

Le fiabe sono scritte nel dialetto siciliano dell’800, è stato difficile il lavoro di traduzione?

Ho lavorato molto sulla lingua, il dialetto corrente non è certo il dialetto di Pitrè.

Non ho svolto un lavoro filologico nella traduzione piuttosto cercavo il suono del testo.

Quando una parola non mi convinceva la leggevo ad alta voce per sentirne il ritmo!

Pitrè cercava la lingua siciliana ma la lingua siciliana non esiste, esistono i dialetti.

Nella scelta delle fiabe hai usato un criterio volto all’esaltazione della donna o alla denuncia delle discriminazioni di genere in esse contenute?

In realtà le ho scelte a pelle, di istinto, non ho fatto molti calcoli.

Solo dopo mi sono accorta che ho prediletto quelle che raccontava Agatuzza Messia, una popolana del Borgo Vecchio che fu la nutrice del  Pitrè.

Le fiabe che più mi piacevano erano le più avventurose, dove le protagoniste erano donne intraprendenti, al di la di ogni definizione, andavano a sconfessare lo stereotipo della donna fragile, debole, che ha bisogno di protezione: queste donne non avevano bisogno di niente!!

Dicevano: io vado!!!!!

Le donne del Pitré, anche quando sono sottomesse, lo sono solo apparentemente.

Per esempio, in una delle favole che propongo, c’è una moglie che, per salvare dall’imbarazzo il marito gli propone lei stessa di  chiuderla in casa.

Mette alla berlina le convenzioni, viene fuori dov’è il potere reale.

 

Fiaba  preferita?

La raccolta si compone di tipologie differenti di fiabe, alcune sono magiche, altre d’avventura, altre ancora surreali.

Se ne dovessi scegliere una è certamente “Peppi spersa per il mondo” in cui l’eroe non parte alla ricerca di un tesoro ma per cercare lavoro. E’ una favola moderna..

 

 

Una vera amante della storia Amelia, il prof. Renda amava dirle “ma tu sei impastata con la storia!”.  Tra i suoi lavori più importanti ricordiamo l’edizione critica dell’inedito di Michele Amari “Studii sul la storia di Sicilia dalla metà del XVIII secolo al 1820”, adesso inserito nella Edizione nazionale delle opere di Michele Amari: gli “Studii” e l’Introduzione sono editi nei “Quaderni” di «Mediterranea ricerche storiche» (quaderni n. 14 e 15).

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Palermo, in sostegno di Biagio Conte una delegazione belga

    Eventi

    Palermo, 20 gennaio 2018 - In mattinata una delegazione Belga ha portato la ..


  • Bimbo folgorato a Palermo: restano gravi le sue condizioni

    Eventi

    Palermo, 20 gennaio 2018 - Prognosi riservata per il bimbo di sette anni che ieri pomeriggio è rimasto ustionato al volto e alle mani da una scarica elettrica in via Gaspare Palermo. Il piccolo, secondo una prima ricostruzione per gioco avrebbe aperto una cassetta dell’Enel e giocando con un..

    Continua a Leggere

  • Partinico, nel bene confiscato a Cosa nostra sorge la nuova guardia medica

    Eventi

    Partinico, 20 gennaio 2018 - «Un bene confiscato alla mafia  diventa un punto di riferimento per l’intera comunità che potrà usufruire di prestazioni mediche in locali efficienti e funzionali. Siamo orgogliosi di potere consegnare ai cittadini di Partinico una struttura che assume anche il..

    Continua a Leggere

  • Rientra (per ora) l’emergenza. I rifiuti trasportati a Lentini a 230 km da Monreale

    Eventi

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Rientra, almeno per ora, l’emergenza rifiuti nei 50 comuni interessati dalla chiusura di Bellolampo, tra cui Monreale, Altofonte, San Giuseppe Jato, San Cipirello, Corleone. Gli autocompattatori erano stati dirottati fino allo scorso 18 gennaio a Motta Sant’Anastasia,..

    Continua a Leggere

  • Elezioni politiche, gli attivisti M5s incontrano i cittadini. Gli appuntamenti

    Eventi

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Le elezioni politiche 2018 si avvicinano, la campagna elettorale è cominciata e sarà al centro dell'attenzione per due mesi.  Gli attivisti del Movimento 5 Stelle,  per pubblicizzare e diffondere i punti salienti del programma di lavoro che il Movimento si ..

    Continua a Leggere

  • «Pronti a occupare l’assessorato ai Rifiuti», sit-in dei sindaci a Palazzo d’Orleans

    Eventi

    Palermo, 19 gennaio 2018 - «Diteci dove dobbiamo andare a gettare i rifiuti dei nostri comuni». Questo pomeriggio si è svolto il sit-in di una nutrita delegazione di sindaci dei comuni esclusi dal conferimento dei rifiuti a Bellolampo. Ieri è arrivato anche lo stop anche dalla discarica Oikos di..

    Continua a Leggere

  • Terreni da coltivare per i giovani. Un’opportunità di fare impresa per chi ha voglia di “sporcarsi le mani”

    Eventi

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Terreni incolti ai giovani grazie alla Banca della Terra, un’opportunità di fare impresa per tutti quei giovani di età compresa tra i 18 e i 40 che hanno voglia di “sporcarsi le mani”. L'iniziativa è gestita dall’ISMEA, entro il 3 feb..

    Continua a Leggere

  • Picco influenza 2018, arriva un virus poco atteso. Mezzo milione di siciliani a letto entro fine mese

    Eventi

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Saranno almeno mezzo milione i siciliani che fra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio dovranno fare i conti con l'influenza stagionale. Le varie forme influenzali ivi comprese quelle meno aggressive colpiranno quasi metà della popolazione isolana. Le statistich..

    Continua a Leggere

  • Maxi sequestro di droga a Carini, 1500 chili di hashish e cocaina VIDEO

    Eventi

    Carini, 19 gennaio 2018 - La Polizia di Stato ha sequestrato un ingentissimo carico di droga ed arrestato tre soggetti, un campano e due residenti a Carini. Gli Agenti della Squadra Mobile di Palermo, ieri sera, hanno bloccato, mentre accedeva nell’area ..

    Continua a Leggere

  • MONREALEXIT, la giunta di San Giuseppe Jato e Comitato insieme per il riordino dei confini

    Eventi

    San Giuseppe Jato, 19 gennaio 2018 - Sono 160 i cittadini monrealesi che vogliono diventare jatini: «Vogliamo pagare le tasse a San giuseppe Jato». Intanto l'amministrazione jatina e il comitato per il riordino uniscono le forze. «Disponibilità da parte di tutti gli interessati nel processo di r..

    Continua a Leggere

  • Monreale. A giorni la firma del contratto per i 9 ausiliari del traffico in attesa dal 2 gennaio

    Eventi

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Potrebbe finire a breve l’attesa per i 9 lavoratori della ACS  (Automobile Club Servizi s.r.l.) di Palermo, il cui contratto di lavoro è scaduto il 31 dicembre, e che attendono la definizione di alcuni aspetti burocratici per firmare il nuovo cont..

    Continua a Leggere

  • Monreale, domani Ted Formazione a Casa Cultura presenta le opportunità per chi termina la terza media

    Eventi

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Ted, la scuola dei mestieri, presenta ai monrealesi i propri corsi di formazione professionale che saranno attivati anche per il prossimo anno scolastico a Monreale e presso le altre sedi della provincia di Palermo di Carini, Corleone, Misilmeri, Belmonte Mezzagno e Paler..

    Continua a Leggere

  • I carabinieri ispezionano numerose aziende, 39 irregolari e 119 lavoratori in nero

    Eventi

    Palermo, 19 gennaio 2018 - Il nucleo operativo del gruppo carabinieri per la tutela del lavoro ed i nuclei carabinieri ispettorato del lavoro, hanno effettuato, su tutto il territorio siciliano, una serie di ispezioni nei confronti di aziende edili, a..

    Continua a Leggere

  • Circolare da soli su strada. Al P. Novelli simulato un percorso stradale con segnaletica, strisce pedonali, limiti e divieti

    Eventi

    Monreale, 19 gennaio 2018 - La strada è di tutti… è il luogo dove convergono le vite, le esperienze, i bisogni e le necessità di ogni individuo. Lo "strumento prioritario" che ci permette di muoverci, di scoprire il mondo, di incontrarci, di intrecciare il cammino tra simili. R..

    Continua a Leggere

  • “Tra mare e cielo”, l’opera del maestro Benedetto Norcia in ricordo di Giuseppe Tusa

    Eventi

    Palermo, 19 gennaio 2018 - Oggi pomeriggio, alle ore 15,30, presso il largo Giuseppe Tusa a Milazzo avverrà la presentazione dell'opera scultorea in memoria di Giuseppe Tusa. Presenzieranno le autorità civili e militari. [caption id="attachment_49437" align="alignleft" width="2..

    Continua a Leggere

  • A Palermo è boom di multe Ztl: piovono i ricorsi

    Eventi

    Palermo, 18 Gennaio 2018 - "La Ztl è un valore aggiunto della Città. Gli obiettivi principali della misura sono stati centrati: l'inquinamento è diminuito e la mobilità è migliorata. Palermo è attraversata da un flusso di circa 980 mila auto al giorno; ci sono 370 mila vetture immatricola..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, in un negozio sequestrati 200 chili di pesce

    Eventi

    San Cipirello, 18 gennaio 2018 - Pesce in cattivo stato di conservazione e prodotti scaduti. Gli uomini della Capitaneria di Porto, agenti del commissariato e finanzieri di Partinico, e i veterinari dell’Asp hanno denunciato e multato il titolare di un esercizio commerciale a San Cipirello. Ele..

    Continua a Leggere

  • Monreale, investito un ragazzino in bici. Necessario il 118

    Eventi

    Monreale, 18 gennaio 2018 – Attimi di paura a Monreale dove un bambino è stato investito da un’auto. L’incidente è avvenuto nei pressi di piazzetta Matteotti, meglio conosciuta come piazza Arancio. Un'automobile, secondo i primi racconti dei testimoni, avrebbe urtato contro il ragazzino di ..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale