“L’Ass. La Fiora ha gettato le basi per il risanamento definitivo del nostro bilancio e per il superamento delle criticità. Due anni di debiti azzerati”

0
Araba Fenice desk

Ribatte alle dichiarazioni fatte da Salvino Caputo il sindaco Di Matteo nell’esprimere piena soddisfazione per il lavoro di risanamento dell’Ente svolto dall’Assessore al Bilancio La Fiora.

Per il primo cittadino le dichiarazioni di Caputo vogliono strumentalizzare la pronuncia della Corte dei Conti per meri fini demagogici ed elettorali. Criticità superate, testimoniate dall’adesione alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale, azzeramento di due anni di debiti arretrati, rispetto del patto di stabilità per il 2013, condizione necessaria per procedere a nuove assunzioni nell’Ente e per non mettere a rischio le procedure di stabilizzazione dei precari previste dal ddl regionale. Queste le principali motivazioni a difesa del lavoro svolto da La Fiora.

“Esprimo – dichiara il sindaco Di Monreale Filippo Di Matteo – nei confronti dell’assessore Giuseppe La Fiora l’apprezzamento ed il ringraziamento mio personale e di tutta la Giunta per l’impegno e la professionalità fino ad oggi profusi nel ricoprire il suo difficilissimo ruolo”.

“Rimando al mittente le richieste – ha continuato Di Matteo – di dimissioni manifestate dall’avv. Salvino Caputo nei confronti del mio assessore perché basate assolutamente sul nulla, ma solo sul maldestro tentativo di utilizzare per fini demagogici ed elettorali l’esito della pronuncia della Corte dei Conti sul rendiconto 2011 e sul bilancio di previsione 2012 del nostro Ente”.

“Forse molti hanno la memoria corta – aggiunge la nota del primo cittadino – ed hanno dimenticato come l’assessore La Fiora, insediatosi all’inizio del 2012, sia stato il principale artefice dell’adesione del nostro Comune alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale con la quale sono state gettate le basi concrete per il risanamento definitivo del nostro bilancio e il superamento di tutte quelle criticità che sistematicamente, ogni anno, i verbali di controllo della Corte dei Conti hanno sollevato”.

“Anche quest’anno, – conclude Di Matteo – in occasione del controllo dei bilanci 2011 e 2012, quelle stesse criticità sono state sollevate, ma il fatto nuovo sta proprio nell’adesione al piano di riequilibrio finanziario già adottato dal Consiglio Comunale come soluzione effettiva a tutte quelle criticità.

Su questo piano si fondano l’entusiasmo e la soddisfazione dell’amministrazione comunale, ed anzi se vogliamo essere precisi, è la Corte dei Conti ad essere in difetto nei confronti del Comune dal momento che l’istruttoria sul nostro piano di riequilibrio ancora non è stata conclusa, ed i termini sono abbondantemente scaduti.

Noi intanto, grazie alle anticipazioni ricevute in virtù dell’adesione al piano di riequilibrio ed al fondo di rotazione, abbiamo azzerato due anni di debiti arretrati nei confronti dei creditori, rimettendo in moto la gestione dell’Ente che era ormai paralizzata ed al collasso, e soprattutto mettendo in circolo liquidità a favore delle imprese.

Infine fuori luogo appare il riferimento fatto dall’Avv. Caputo al provvedimento dell’Assessorato regionale alle autonomie locali che individuerebbe i Comuni a rischio default, in quanto si tratta semplicemente di un elenco fatto da parte dell’assessore Valenti, in prospettiva del ddl per la stabilizzazione dei precari, dei Comuni che, non avendo rispettato nel 2012 il patto di stabilità, rischiano di non potere procedere a nuove assunzioni se non rientrano nel patto.

Il nostro Comune, quest’anno, grazie al lavoro di risanamento portato avanti dall’amministrazione ed al serio impegno dell’assessore La Fiora riuscirà a rispettare anche il patto di stabilità”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com