Mario Caputo (FI): “Stupisce l’assoluto silenzio della politica monrealese”

0
tusa big

Il consigliere comunale di FI ha chiesto una convocazione d’urgenza del consiglio comunale per affinché il sindaco riferisca sulla situazione economico-finanziaria dell’Ente

Monreale, 3 dicembre 2013 – “Ho chiesto al Sindaco di Monreale Filippo Di Matteo di riferire con urgenza in consiglio comunale sulla situazione finanziaria del comune e al presidente del consiglio Alberto Arcidiacono di predisporre gli atti per la convocazione, convocando la conferenza dei capigruppo consiliari. Mi stupisco come mai, su una vicenda assai delicata come quella economico-finanziaria – ha continuato Mario Caputo – aggravata anche dall’inserimento del comune di Monreale fra i 50 enti locali siciliani a rischio equilibrio finanziario, vi sia un totale silenzio da parte degli esponenti politici del consiglio comunale, probabilmente troppo impegnati a stringere alleanza in vista dell’elezione del nuovo sindaco di Monreale.

E’ quanto dichiarato dal consigliere comunale del PDL – verso Forza Italia che stamattina ha ufficializzato la richiesta di convocazione del consiglio comunale.

“Siamo di fronte – ha sottolineato Mario Caputo – alla fine dell’esperienza amministrativa Di Matteo e poco meno di 6 mesi dal voto ad una situazione di assoluto disastro finanziario, certificata e affermata non da esponenti politici di minoranza, e di opposizione, ma dalla magistratura contabile che in sede di adunanza ha segnato in rosso i conti del comune di Monreale. Credo che sia dovere del primo cittadino, a pochi mesi dalla decadenza del suo mandato, di riferire in consiglio comunale quali provvedimenti intenda adottare nei suoi ultimi mesi di sindaco per evitare che il comune di Monreale possa essere sottoposto a ulteriori provvedimenti da parte della Regione o addirittura dallo Stato atteso che ho appreso che anche a livello centrale la situazione del comune di Monreale è sotto osservazione.

E’ indispensabile e doveroso che il consiglio comunale venga informato al fine di adottare gli opportuni provvedimenti perché tutto può permettersi la nostra città in un momento di gravissima crisi economica tranne che l’avvio di una procedura di dissesto così come quella che è stata già certificata dal comune di Bagheria. 

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com