PD: “Il regolamento TARES iniquo e dannoso per le famiglie numerose e con reddito basso”

0
Araba Fenice desk

All’indomani dell’approvazione del regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (T.A.R.E.S) giunge la prima dichiarazione del Partito Democratico, per spiegare le motivazioni che lo avevano indotto in consiglio comunale a votare contro.

“Riteniamo – si legge nel comunicato congiunto del gruppo consiliare del PD – che il Regolamento per la disciplina del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (T.A.R.E.S) approvato ieri dalla maggioranza consiliare con il voto contrario di tutto il Partito Democratico, sia profondamente iniquo poiché risulta dannoso per le famiglie numerose e con reddito basso e non prevede sgravi per alcune categorie e soggetti in difficoltà”.

Una posizione ed una valutazione in netto contrasto con quella che aveva portato i consiglieri della maggioranza a votare a favore. Tra le motivazioni apportate dall’assessore La Fiora a sostegno dell’elaborato, tra l’altro rivisitato dopo il primo ritiro al precedente consiglio comunale e rimodulato su alcuni parametri, vi era proprio la presenza di agevolazioni a sostegno delle famiglie numerose e dei nuclei familiari appartenenti ai ceti meno abbienti.

“Ancora una volta – prosegue il comunicato del PD – la maggioranza consiliare che sostiene il sindaco Di Matteo, il quale è l’artefice della distruzione del sistema di tutele e dei servizi sociali, si è dimostrata insensibile ai nostri emendamenti presentati per sgravare dalla tares le famiglie che oggi si trovano in gravissime difficoltà economiche e che invece avrebbero necessità di essere sostenute”.

L’argomento “Rifiuti” è e rimarrà certamente al centro dello scontro politico, data l’alta sensibilità mostrata dai cittadini sul tema.

Invitiamo i lettori di Filo Diretto a leggere il regolamento per potere giungere ad una consapevole valutazione dei contenuti.

regolamento_tares.pdf

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale