‘Meglio occupanti oggi che disoccupati domani!’ E il Liceo Basile occupa!

0
Immobiliare Max

Il 29 Novembre gli allievi del liceo classico e scientifico monrealese prendono il possesso della scuola: ore 14.30 l’istituto ‘E.Basile’ si dichiara occupato! Dopo una regolare votazione per decretare la forma di protesta successiva all’autogestione, una netta maggioranza decide per l’occupazione dei locali scolastici. Durante un incontro in mattinata con la vicepreside e il maresciallo dei carabinieri per informare dello stato di agitazione, gli studenti forniscono le proprie motivazioni. Come noto, le occupazioni studentesche prendono vita nel periodo di Novembre\Dicembre e per tale motivo vengono definite come ‘anticipo delle vacanze natalizie’; per smentire tale insensato pregiudizio gli studenti forniscono una serie di motivi nazionali che portano a tale forma di protesta

• lotta per avere il diritto allo studio accessibile a tutti

• lotta contro i tagli alla scuola pubblica

• lotta contro la privatizzazione delle scuole

• lotta per aver garantito un futuro lavorativo dolo il conseguimento degli studi universitari

• lotta contro la precarietà del lavoro

• lotta per ottenere i fondi necessari a laboratori e corsi di recupero

• lotta contro DDL 953 ex Aprea, che continua a ripresentarsi ogni anno

• lotta contro l’abolizione del bonus maturità

• Ai motivi nazionali, si aggiungono motivi che riguardano la realtà monrealese da vicino, che non permettono agli alunni di studiare tranquillamente, tali problemi sono principalmente dovuti alla struttura dell’edificio scolastico e sono:

• mancanza di fondi d’istituto

• mancanza scala anti-incendio

• mancanza aula magna

• ex aula magna divisa per far spazio a due classi comunicanti che hanno difficoltà a gestire le lezioni

• bagni non a norma

• parcheggio non asfaltato

A tali problematiche si aggiungono quelle dell’istituto ‘M. D’Aleo’ e delle succursali di S.Cipirello e S.Giuseppe Jato.

Come si nota, le motivazioni sono tante e non si tratta semplicemente di vacanze, anzi questo è un momento per i ragazzi di collaborazione, impegno e unione.

La protesta continuerà con la speranza di raggiungere qualche obiettivo.

NOI NON CI ARRENDIAMO!

Simona Schiera, studentessa del Liceo classico Emanuele Basile di Monreale

 

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.