Manifestazione regionale organizzata dalla Cisl

0
tusa big

Per domani mattina alle ore 10, si attendono dalle 6.000 alle 7.000 persone, per la manifestazione regionale organizzata dinanzi Palazzo D’Orleans dalla CISL.

Arriveranno a Palermo dalle nove province siciliane con una settantina di pullman per “simboleggiare – dichiara Maurizio Bernava, segretario regionale – la necessità che governo, politica, partiti, forze sociali, concorrano assieme nella rottura storica con una pratica politica che si nutre di risse, poltrone e gestione clientelare e affarista della spesa”.

I precari siciliani richiedono alla politica risposte certe dinanzi alla prospettiva, sempre più concreta, dell’interruzione del rapporto di lavoro al 31 dicembre 2013.

Il Ministero della Funzione Pubblica in questi giorni ha chiarito che quella dei prepensionamenti non è la soluzione che permetterebbe di assorbire i circa 23.000 precari siciliani.

Il ministero spiega che il congelamento della legge Fornero (possibile per gli enti con eccedenza di personale) serve solo a creare un risparmio e non a liberare posti da assegnare ai precari. Prima di tutto bisognerà riportare il personale entro parametri sostenibili economicamente.

Certamente con i prepensionamenti si liberano posti in pianta organica e negli enti locali si abbassa il rapporto tra spese del personale e spese correnti, che è uno dei vincoli che limita la possibilità di assumere.

L’incontro tenutosi oggi tra sindacati e governo non è stato incoraggiante. Cgil, Cisl e Uil annunciano lo stato di agitazione dei dipendenti. Se martedì non si uscirà dall’unità di crisi con proposte chiare e concrete, a poco più di un mese dalla scadenza dei contratti, sarà sciopero.

Al momento, allontanatasi la possibilità della stabilizzazione, la speranza è nuovamente quella della proroga, condizionata ad un piano di stabilizzazione non ancora pronto.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale