UNA, “Il canile a Monreale? Solo nel libro dei sogni del Sindaco”

0
tusa big

L’associazione animalista UNA, nata nel 2013 e impegnata, come afferma il presidente Giuseppe Lo Vecchio, a proprie spese e notevoli sacrifici individuali, ad adempiere a tutti i compiti che il Comune non svolge nell’ambito della tutela degli animali e conseguentemente contro il randagismo, attraverso un appunto stampa, comunica la propria indignazione per quanto riguarda la mancata realizzazione del canile intercomunale.
“E ci risiamo, si risvegliano ancora una volta il Sindaco di Monreale, Filippo di Matteo e l’assessore Lia Giangreco, – afferma Lo Vecchio – gli stessi che sin dal 2008 davano per realizzata, a breve, una struttura per cani e per fare un po’ di propaganda, a cui ormai non crede più nessuno, ci annunciano, a mezzo stampa, nel “libro dei sogni e delle buone intenzioni”, la realizzazione, insieme al comune di Palermo, di un canile megagalattico intercomunale”.
Secondo il Presidente dell’associazione UNA l’amministrazione comunale  non avrebbe rispettato tutte le leggi in vigore da oltre un ventennio e per ultimo le linee guida emanate con Decreto Assessoriale n.2825 del 2008, in cui si individuano i compiti per i Comuni quali parti attive nella gestione del randagismo.
“Tutto questo – conclude Lo Vecchio –  nel Comune del sindaco-avvocato-presidente-esattore, dove i cittadini sono esasperati poiché tartassati, dopo un ventennio di mala politica clientelare”.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com