Oggi è 20/01/2018

Antimafia e legalità

Mafia, un altro monrealese in arresto nell’operazione Alexander

Ciresi Antonino, personaggio di grossa caratura criminale, braccio destro del reggente del Mandamento Alessandro D’Ambrogio, nonché reggente della famiglia mafiosa di Borgo Vecchio. 

Pubblicato il 8 novembre 2013

Mafia, un altro monrealese in arresto nell’operazione Alexander

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo, coordinati dalla D.D.A. di Palermo, hanno dato esecuzione a 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal Tribunale di Palermo, nei confronti di altrettanti soggetti riconducibili ai Mandamenti mafiosi di Porta Nuova, Brancaccio e Mazzara del Vallo e alla Criminalità Organizzata Napoletana, in quanto ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso e traffico di stupefacenti.

I provvedimenti sono una costola della precedente operazione Alexander dello scorso del mese di luglio, che ha portato all’emissione di 26 arresti e ell’azzeramento del Mandamento Mafioso di Porta Nuova.

In particolare, nel provvedimento viene contestato il reato di associazione mafiosa al monrealese Ciresi Antonino, personaggio di grossa caratura criminale, braccio destro del reggente del Mandamento Alessandro D’Ambrogio, nonché reggente della famiglia mafiosa di Borgo Vecchio. Ciresi, più noto come Zio Nino,  affilato da vecchia data al Mandamento Mafioso di Porta Nuova, già detenuto per altra causa, oltre a partecipare ai principali incontri con esponenti mafiosi di altri mandamenti, unitamente a Seranalla Antonino si occupava della riscossione dei proventi delle estorsioni e del mantenimento delle famiglie degli affiliati.

Affiliato di riferimento per l’intero mandamento, vista la sua età e la lunga militanza in Cosa Nostra, Ciresi Antonino si impegnava in prima persona per dirimere le controversie che potevano sorgere tra gli affiliati al mandamento e tra questi ultimi e gli affiliati ad altri mandamenti  Zio Nino: “… non ci sono problemi fra di noi / Zio Nino: “… giusto è Gianni? dico tra la gente come noi altri” / Giovanni: “… si accavallano le voci … tra tutti quelli come noi altri problemi non ce n’è giusto?”.

Altrettanto chiara risultava la titolarità di Ciresi dell’azienda di macellazione e distribuzione di carni denominata Ovinsicula, sequestrata nell’ambito dell’ operazione Alexander, titolarità che lo stesso esercitava anche dal carcere con l’aiuto del figlio (Zio Nino: “… : “… poi un’altra cosa, gli dici a – omissis- e a tutti… nei conti e nei discorsi voglio assistere io me l’ha detto mio padre, tutta la fiducia ce l’hai sempre tu –omissis- però mio padre vuole che io le cose li devo sapere … omissis … mio padre dichiarazioni non ne ha fatto, perciò lui quando viene chiamato ma quali soci… veniva a leggersi il giornale, ogni tanto vendeva qualche vitello…”).

Altro personaggio destinatario del provvedimento restrittivo, con l’accusa di traffico di stupefacenti, è Ferro Vincenzo detto Renzo. Questi, affilato al Mandamento Mafioso di Brancaccio e più precisamente alla famiglia di Corso dei Mille, aveva costanti rapporti con D’Ambrogio Alessandro con il quale condivideva la gestione (importazione e successiva distribuzione) degli stupefacenti su gran parte del territorio cittadino ed in alcune province dell’isola. I suoi contatti con esponenti della criminalità organizzata partenopea facevano sì che D’Ambrogio si fidasse ciecamente di lui tanto da affidargli settimanalmente ingenti somme di denaro da investire nel mercato degli stupefacenti.

Ferro oltre ad avere costanti e privilegiati rapporti con D’Ambrogio Alessandro, per i dettagli degli affari si relazionava a vario titolo con altri componenti dell’organizzazione, tra cui Seranella Antonino. Ferro, ben inserito nel contesto del narcotraffico, aveva ottime referenze su Napoli e provincia dove, settimanalmente, dopo aver raccolto i soldi dei vari mandamenti che partecipavano all’associazione, si recava per approvvigionare lo stupefacente necessario a soddisfare il fabbisogno settimanale. Dalle indagini emergeva chiaramente che nell’attività illecita, oltre ai mandamenti di Porta Nuova e Brancaccio, erano coinvolti anche i mandamenti di Pagliarelli e Uditore (Renzo: “… gli dice a questi del … Pagliarelli … inc. … gli dici che per 50 grammi … inc. … gli dici non lo cercate più a questo” / Renzo: “… Alessandro! e gli dici pure che a me non me ne devono domandare più. soprattutto questi del Pagliarelli e questi dell’Uditore .

Altro personaggio sicuramente importante nella gestione del traffico degli stupefacenti era Dardo Gaspare, noto come lo Zio Asparino. Destinatario del provvedimento con l’accusa di traffico di sostanze stupefacenti, giocava un ruolo importante nell’acquisto di grossi quantitativi di stupefacente e riusciva a mettere in contatto il gruppo dei Palermitani (riconducibile a D’Ambrogioe rappresentato da Seranella Biagio, Chiappara Marco, Tagliavia Pietro, Scimone Franco e Alessi Giovanni) con quello dei Mazaresi (rappresentati da AsaroSalvatore e Sisia Umberto). Dall’alleanza tra i due gruppi nasceva l’esigenza di creare un canale diretto per l’approvvigionamento di Cocaina e Hashish, affrancandosi quindi dal classico canale Napoletano (per abbattere i costi di intermediazione e aumentare i ricavi).

Infine il provvedimento restrittivo ha colpito anche Napolitano Ciro, campano di origine che, oltre ad aver messo in contatto Seranella Biagio con i fornitori Napoletani,  faceva giungere a Palermo svariati chilogrammi di cocaina. Infatti, nel mese di dicembre 2012  veniva fermato un corriere, legato al Napolitano e proveniente da Napoli, con 3 kg. di sostanza stupefacente . Lo stesso Napolitano, nel mese di febbraio 2013, veniva fermato al porto di Palermo di ritorno a Napoli con un 1,5 kg. di cocaina, residuo di una partita giunta precedentemente in città e non ritenuta di ottima qualità .

ELENCO ARRESTATI :

CIRESI Antonino, nato a Monreale (PA) il 23.05.1943;

DARDO Gaspare, nato a Marsala il 30.08.1956;

FERRO Vincenzo, nato a Palermo il 24.03.1976;

NAPOLITANO Ciro, nato a Napoli il 12.01.1984.

 

 

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Palermo, in sostegno di Biagio Conte una delegazione belga

    Antimafia e legalità

    Palermo, 20 gennaio 2018 - In mattinata una delegazione Belga ha portato la ..


  • Bimbo folgorato a Palermo: restano gravi le sue condizioni

    Antimafia e legalità

    Palermo, 20 gennaio 2018 - Prognosi riservata per il bimbo di sette anni che ieri pomeriggio è rimasto ustionato al volto e alle mani da una scarica elettrica in via Gaspare Palermo. Il piccolo, secondo una prima ricostruzione per gioco avrebbe aperto una cassetta dell’Enel e giocando con un..

    Continua a Leggere

  • Partinico, nel bene confiscato a Cosa nostra sorge la nuova guardia medica

    Antimafia e legalità

    Partinico, 20 gennaio 2018 - «Un bene confiscato alla mafia  diventa un punto di riferimento per l’intera comunità che potrà usufruire di prestazioni mediche in locali efficienti e funzionali. Siamo orgogliosi di potere consegnare ai cittadini di Partinico una struttura che assume anche il..

    Continua a Leggere

  • Rientra (per ora) l’emergenza. I rifiuti trasportati a Lentini a 230 km da Monreale

    Antimafia e legalità

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Rientra, almeno per ora, l’emergenza rifiuti nei 50 comuni interessati dalla chiusura di Bellolampo, tra cui Monreale, Altofonte, San Giuseppe Jato, San Cipirello, Corleone. Gli autocompattatori erano stati dirottati fino allo scorso 18 gennaio a Motta Sant’Anastasia,..

    Continua a Leggere

  • Elezioni politiche, gli attivisti M5s incontrano i cittadini. Gli appuntamenti

    Antimafia e legalità

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Le elezioni politiche 2018 si avvicinano, la campagna elettorale è cominciata e sarà al centro dell'attenzione per due mesi.  Gli attivisti del Movimento 5 Stelle,  per pubblicizzare e diffondere i punti salienti del programma di lavoro che il Movimento si ..

    Continua a Leggere

  • «Pronti a occupare l’assessorato ai Rifiuti», sit-in dei sindaci a Palazzo d’Orleans

    Antimafia e legalità

    Palermo, 19 gennaio 2018 - «Diteci dove dobbiamo andare a gettare i rifiuti dei nostri comuni». Questo pomeriggio si è svolto il sit-in di una nutrita delegazione di sindaci dei comuni esclusi dal conferimento dei rifiuti a Bellolampo. Ieri è arrivato anche lo stop anche dalla discarica Oikos di..

    Continua a Leggere

  • Terreni da coltivare per i giovani. Un’opportunità di fare impresa per chi ha voglia di “sporcarsi le mani”

    Antimafia e legalità

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Terreni incolti ai giovani grazie alla Banca della Terra, un’opportunità di fare impresa per tutti quei giovani di età compresa tra i 18 e i 40 che hanno voglia di “sporcarsi le mani”. L'iniziativa è gestita dall’ISMEA, entro il 3 feb..

    Continua a Leggere

  • Picco influenza 2018, arriva un virus poco atteso. Mezzo milione di siciliani a letto entro fine mese

    Antimafia e legalità

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Saranno almeno mezzo milione i siciliani che fra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio dovranno fare i conti con l'influenza stagionale. Le varie forme influenzali ivi comprese quelle meno aggressive colpiranno quasi metà della popolazione isolana. Le statistich..

    Continua a Leggere

  • Maxi sequestro di droga a Carini, 1500 chili di hashish e cocaina VIDEO

    Antimafia e legalità

    Carini, 19 gennaio 2018 - La Polizia di Stato ha sequestrato un ingentissimo carico di droga ed arrestato tre soggetti, un campano e due residenti a Carini. Gli Agenti della Squadra Mobile di Palermo, ieri sera, hanno bloccato, mentre accedeva nell’area ..

    Continua a Leggere

  • MONREALEXIT, la giunta di San Giuseppe Jato e Comitato insieme per il riordino dei confini

    Antimafia e legalità

    San Giuseppe Jato, 19 gennaio 2018 - Sono 160 i cittadini monrealesi che vogliono diventare jatini: «Vogliamo pagare le tasse a San giuseppe Jato». Intanto l'amministrazione jatina e il comitato per il riordino uniscono le forze. «Disponibilità da parte di tutti gli interessati nel processo di r..

    Continua a Leggere

  • Monreale. A giorni la firma del contratto per i 9 ausiliari del traffico in attesa dal 2 gennaio

    Antimafia e legalità

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Potrebbe finire a breve l’attesa per i 9 lavoratori della ACS  (Automobile Club Servizi s.r.l.) di Palermo, il cui contratto di lavoro è scaduto il 31 dicembre, e che attendono la definizione di alcuni aspetti burocratici per firmare il nuovo cont..

    Continua a Leggere

  • Monreale, domani Ted Formazione a Casa Cultura presenta le opportunità per chi termina la terza media

    Antimafia e legalità

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Ted, la scuola dei mestieri, presenta ai monrealesi i propri corsi di formazione professionale che saranno attivati anche per il prossimo anno scolastico a Monreale e presso le altre sedi della provincia di Palermo di Carini, Corleone, Misilmeri, Belmonte Mezzagno e Paler..

    Continua a Leggere

  • I carabinieri ispezionano numerose aziende, 39 irregolari e 119 lavoratori in nero

    Antimafia e legalità

    Palermo, 19 gennaio 2018 - Il nucleo operativo del gruppo carabinieri per la tutela del lavoro ed i nuclei carabinieri ispettorato del lavoro, hanno effettuato, su tutto il territorio siciliano, una serie di ispezioni nei confronti di aziende edili, a..

    Continua a Leggere

  • Circolare da soli su strada. Al P. Novelli simulato un percorso stradale con segnaletica, strisce pedonali, limiti e divieti

    Antimafia e legalità

    Monreale, 19 gennaio 2018 - La strada è di tutti… è il luogo dove convergono le vite, le esperienze, i bisogni e le necessità di ogni individuo. Lo "strumento prioritario" che ci permette di muoverci, di scoprire il mondo, di incontrarci, di intrecciare il cammino tra simili. R..

    Continua a Leggere

  • “Tra mare e cielo”, l’opera del maestro Benedetto Norcia in ricordo di Giuseppe Tusa

    Antimafia e legalità

    Palermo, 19 gennaio 2018 - Oggi pomeriggio, alle ore 15,30, presso il largo Giuseppe Tusa a Milazzo avverrà la presentazione dell'opera scultorea in memoria di Giuseppe Tusa. Presenzieranno le autorità civili e militari. [caption id="attachment_49437" align="alignleft" width="2..

    Continua a Leggere

  • A Palermo è boom di multe Ztl: piovono i ricorsi

    Antimafia e legalità

    Palermo, 18 Gennaio 2018 - "La Ztl è un valore aggiunto della Città. Gli obiettivi principali della misura sono stati centrati: l'inquinamento è diminuito e la mobilità è migliorata. Palermo è attraversata da un flusso di circa 980 mila auto al giorno; ci sono 370 mila vetture immatricola..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, in un negozio sequestrati 200 chili di pesce

    Antimafia e legalità

    San Cipirello, 18 gennaio 2018 - Pesce in cattivo stato di conservazione e prodotti scaduti. Gli uomini della Capitaneria di Porto, agenti del commissariato e finanzieri di Partinico, e i veterinari dell’Asp hanno denunciato e multato il titolare di un esercizio commerciale a San Cipirello. Ele..

    Continua a Leggere

  • Monreale, investito un ragazzino in bici. Necessario il 118

    Antimafia e legalità

    Monreale, 18 gennaio 2018 – Attimi di paura a Monreale dove un bambino è stato investito da un’auto. L’incidente è avvenuto nei pressi di piazzetta Matteotti, meglio conosciuta come piazza Arancio. Un'automobile, secondo i primi racconti dei testimoni, avrebbe urtato contro il ragazzino di ..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale