Silvio Russo: “Voto Leto alle primarie di partito, ma considero Capizzi un probabile candidato alle primarie di coalizione in possesso di qualità e maggior consenso”

0
tusa big

Silvio Russo è chiaro ed inequivocabile nelle sue affermazioni. Senza creare un’ampia coalizione di centro sinistra non sarà possibile vincere le amministrative monrealesi. Il candidato? Né Di Salvo, né Leto, né Lo Biondo. Ma il candidato che sarà vincente dalle primarie di coalizione.

L’esponente del direttivo del Partito Democratico monrealese è determinato. Spiega la strategia vincente, l’unica al momento possibile, per riuscire a portare il PD al governo del paese.

Storicamente a Monreale non siamo mai stati maggioranza. Per vincere a Monreale è necessaria un’alleanza molto larga, che si muova sempre nel solco del centro sinistra. Il nostro candidato sindaco deve certamente appartenere a quest’area, ma con la capacità di pescare anche tra gli elettori di centro destra. Speriamo che la diffusa sinistra monrealese, che va da Rivoluzione Civile a ex IDV e a Rifondazione Comunista, possa aggregarsi in una lista e dare un contributo all’interno di questa coalizione”.

Per Russo, creata la coalizione, bisognerà parlare alla gente di programmi, “perché al momento io sento fare solo proclami”. “Non abbiamo bisogno di progetti faraonici né di promettere posti di lavoro. I sindaci uscenti a Monreale non vengono successivamente confermati perché costruiscono le loro campagne elettorali sui favori che non possono poi garantire”.

Silvio Russo all’interno del direttivo del PD ha votato per le primarie di partito finalizzate a portare un candidato del PD all’interno delle primarie di coalizione. Una decisione di cui si è successivamente pentito perché, spiega, “Si rischia che chi vincerà le primarie di partito non vorrà più concorrere per quelle di coalizione ma pretenderà la candidatura diretta”. Un’ampia coalizione è, invece, condizione necessaria.

Russo ha ufficializzato il suo candidato.

Alle primarie di partito voterò e farò votare per Salvo Leto, con il quale sono legato da rapporti personali. Alle primarie di coalizione la mia preferenza andrà invece sull’avv. Piero Capizzi, l’unico che, oltre a possedere ottime qualità e i requisiti necessari per la carica di primo di cittadino, gode di un ampio favore tra la gente che ci potrà permettere di essere competitivi”.

Piero Capizzi, attualmente consigliere comunale della lista “Insieme”, da mesi ha ufficializzato la sua discesa in campo per la carica di sindaco. Ma l’opzione Capizzi fa storcere il naso a molti colleghi del PD.

Non condivido la critica che viene mossa contro Piero solo perché ha fatto politica al fianco dell’ex sindaco Toti Gullo. Dobbiamo valutare invece se possiede le qualità morali e culturali necessarie per affrontare l’incarico. Inoltre è un candidato che piace alla gente. Un dirigente di partito ha il compito di cercare un candidato vincente, anche all’esterno del partito”.

Russo non è disposto a cambiare strategia elettorale, ben sapendo che la sua linea politica non è pienamente condivisa da tutto il partito.

“Se il PD deciderà di andare alle elezioni da solo io, non sarò parte attiva nella competizione e un’ampia parte del direttivo, spero, convergerà sulla mia scelta”. 

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com