Aggredito il consigliere comunale Massimiliano Lo Biondo: la denuncia del PD

0
tusa big

La notizia circolava già da qualche giorno a Monreale e adesso è stata resa pubblica anche dal Partito Democratico: nella mattinata di martedì 24 settembre Massimiliano Lo Biondo, consigliere comunale e candidato alle Primarie del PD, mentre esercitava le sue funzioni ispettive nei pressi dell’antivilla, è stato aggredito da un dipendente comunale che in quel momento non stava svolgendo correttamente il proprio lavoro. Il dipendente comunale, non nuovo a questi atteggiamenti, ha prima minacciato pesantemente Lo Biondo e solo successivamente è passato ai fatti, dandogli due schiaffi e una testata. 
Il Partito Democratico, dopo aver convocato una riunione di direttivo straordinaria, ha espresso la propria posizione ufficiale attraverso una nota ufficiale.

“L’aggressione subita dal consigliere Lo Biondo costituisce una vicenda molto grave. Un consigliere aggredito da un dipendente comunale rappresenta il punto più alto di degrado civile e morale raggiunto dalla città. È grave che fino ad oggi sulla vicenda ci sia stata la consegna del massimo silenzio. La vicenda, infatti, è tutt’altro che privata ed ha una dimensione squisitamente pubblica: è stata inferta un’altra ferita profonda alla nostra comunità ed alla città. E tutto ciò non può passare nel dimenticatoio, come se nulla fosse.

È profondamente sbagliato, inaccettabile e diseducativo che a quattro giorni dalla violenza pubblicamente consumata non ci sia stata alcuna presa di posizione delle istituzioni pubbliche. Il PD ritiene che non si possa, né si debba assecondare quella pessima cultura che sconfina nella debolezza, impotenza e rassegnazione. Le istituzioni non possono mostrare alcun cedimento verso chi si macchia di qualsivoglia forma di violenza. A maggior ragione se vittima ne sono non solo semplici cittadini ma perfino i rappresentanti degli stessi. Ci auguriamo che presto si faccia piena luce su un fatto parecchio increscioso e vengano conseguentemente adottati provvedimenti esemplari e rigorosi.

La libertà e l’incolumità di ogni cittadino sono un bene troppo grande per poter essere calpestato così selvaggiamente e restare in silenzio. Contro ogni violenza abbiamo il dovere dell’indignazione, di non piegarci e pretendere ed ottenere giustizia. Sempre!”.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale