Spitineddi arrustuti ‘nta braci!

0
Araba Fenice desk

Quando è primavera, in famiglia prevale il richiamo ancestrale “du sciavuru di…”spitineddi arrustuti ‘nta braci!

Richiamo prosaico, ma non per questo meno seducente!

Così la domenica, se il tempo lo permette, prima si va dal macellaio di fiducia, ad acquistare gli ingredienti necessari e poi si va in campagna.

Ovviamente è mio padre che sovrintende all’acquisto della carne “a voli tennera, chi ssi ci avi a squagghairi ‘nvucca”; ora che è fattu anzianeddu io o mia sorella, lo accompagniamo dal macellaio e appena arrivati, lo guarda negli occhi e quasi come se fosse un segreto gli sussurra:

 – me ddari anticchia i carni pi fari du spitini!

il macellaio gli fa notare che quelli esposti nel suo banco, sono molto freschi. la risposta di mio padre è perentoria:

– chiddi ti manci tu! io vogghiu a parti da pampinedda. (la “pampinedda” è un piccolo tocco di carne che si trova nella spalla dell’animale) e poi mi l’è cunzari o miu piaciri!

Armato di santa pacenzia, il macellaio prende il tocco di carne richiesta, non arriva neanche a sfiorare la carne con il coltello che si sente intimare:

 – ti pari a tia ma tagghi di traversu!

Veru picciotto pacinsiusu è il macellaio, si fa na risatedda e continua o so travagghiu!

Raggiunto l’obiettivo primario, si procede al reperimento degli altri ingredienti e si va in campagna, luogo dove ci si spoglia dagli abiti abituali, ci si infila in comode tute, si calzano scarpe adatte a calcare la zolla e prima di iniziare a preparare la nostra delizia, ci si dilegua campagna campagna: chi va a raccogliere verdure spontanee, chi raccoglie sciuri di sanciuseppe, chi si dedica ai gatti e chi come mio padre, s’assetta fora a risolvere i giochi della sacra settimana enigmistica!

Recuperato il rapporto con la natura, si prepara la brace che sarebbe cosa di masculi ma io e mia sorella, non troviamo nessuna difficoltà a preparare u focu, ci serviamo di una vecchia carriola nella quale impostiamo i zucca d’alivi, cocchi cannuzza bella asciutta e anticchia di carta. sutta si mettono i ligna chiù grossi e ncapu chiddi chiù sicchi avendo cura di lasciare degli interstizi che permettono il passaggio dell’aria, altrimenti u focu s’accupa e addiu ti dissi.

Intanto che mia sorella, con amore e dovizia di particolari inizia l’operazione, mio padre osserva con disgusto, disapprovando ogni minimo dettaglio, picchì iddu u sapi fari megghiu! e siccome non ha più le forze, scoraggiato gira le spalle, alza le braccia al cielo, roteando  le mani si allontana murmuriannnu qualcosa del tipo: è megghiu ca un taliu, picchì a vidiri i cosi fatti a malu versu mi fannu annirbari”!

Se per caso dovesse accorgersi che per addumare il fuoco stiamo usando qualche vecchia settimana enigmistica, apriti cielo! Prima doveva verificare se c’era ancora qualche schema di parole crociate crittografate da definire e poi forse, poteva essere utilizzata allo scopo di cui sopra! con la cultura non si babbia! Mica ci si può dare fuoco così facilmente! E che siamo, i pompieri dall’aspetto  futuribile preposti ad incendiare i libri, nel romanzo di di Ray Bradbury  “Fahrenheit 451!

Ma insomma, appirimentata la brace e superata la crisi di famiglia, mia madre vestale dalle mani d’amianto, capaci di pigghiari i cocci di carbuni addumati a manu nudi, resta a governare u focu e man manu chi a ligna squagghia, cogghie u carbuni pi arrustiri i spitini! quello che resta del carbone viene spento e conservato per usarlo successivamente.

adesso prepariamo i nostri spiedini.


ingredienti per 4 stecche di spiedini

il ripieno:

200 gr circa di pangrattato piuttosto umido

4 cucchiai di cacio cavallo grattugiato

100 gr circa di caciocavallo tenero

100 gr di pancetta

una manciata di uva passa e pinoli

un mazzetto di prezzemolo

olio a piacere

inoltre

16 piccole fette di carne tagliate finemente

una cipolla bella grossa

foglie di alloro q.b.

olio

pangrattato per impanare q.b.

mettere in una ciotola il pangrattato umido, il caciocavallo grattugiato, l’uva passa e i pinoli precedentemente ammollati in acqua tiepida, i restanti ingredienti tagliati in piccolissimi pezzi e amalgamare il tutto aggiungendo l’olio di oliva.

disporre le fettine di carne su di un piano di lavoro, mettere per ognuna un po’ di ripieno, avvolgere la carne in bocconcini, infilzarla nelle apposite stecche di legno alternando una foglia di alloro, uno spicchietto di cipolla, un bocconcino e così via.

passare la stecca in olio abbondante, poi nel pangrattato, mettere sulla brace e lasciare cuocere lentamente avendo cura di girare spesso la carne

ecco! è primavera

(antonella gullo)

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com