Operazione Nuovo Mandamento 2, i dettagli e le foto

0
Araba Fenice desk

Monreale – 17/09/2013. Dalle prime luci dell’alba, in provincia di Palermo, tra i comuni di San Giuseppe Jato e Camporeale, militari del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione a 8 misure di custodia cautelare, emesse dal GIP del Tribunale di Palermo su richiesta della locale DDA e su indagine coordinata dai Procuratore Aggiunto Teresa Principato e Vittorio Teresi, e dai Sost. Proc. Francesco Del Bene, Sergio Barbiera, Sergio Demantis e Daniele Paci, nei confronti di 8 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di “associazione per delinquere finalizzata alla coltivazione, raffinazione e commercializzazione di sostanza stupefacente del tipo “cannabis indica” e di concorso nella coltivazione illecita di sostanza stupefacente al fine di spaccio, entrambi i reati aggravati dall’aver voluto favorire l’associazione mafiosa “Cosa nostra”.

L’operazione è una costola dell’indagine di più ampia portata denominata convenzionalmente “Nuovo Mandamento”, che ha documentato la riorganizzazione territoriale di Cosa nostra nella parte occidentale della provincia di Palermo, con la creazione di una nuova sovrastruttura di coordinamento, individuata nell’area di Camporeale, dei due storici mandamenti mafiosi di “San Giuseppe Jato” e “Partinico” e che ha portato, l’8 Aprile scorso all’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 38 persone, tra capi e gregari.

In particolare, le indagini, avviate nel dicembre 2010, hanno consentito di verificare come una delle fonti di reddito dell’associazione mafiosa investigata fosse la coltivazione di canapa indiana, finalizzata alla produzione e alla successiva immissione sul mercato di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, con il fine di provvedere al mantenimento dell’organizzazione criminale e, soprattutto, al sostentamento dei detenuti e delle loro famiglie, come manifestazione del vincolo di solidarietà che lega gli affiliati.

A riscontro dell’attività investigativa, sono state individuate alcune piantagioni nell’entroterra della provincia di Palermo, specie nella valle del fiume Jato, con il contestuale arresto in flagranza di 3 persone deputate alla loro coltivazione e due luoghi di stoccaggio della sostanza stupefacente, pronta per essere immessa sul mercato locale, con l’arresto in flagranza di 8 custodi e il sequestro di circa 40 kg di marijuana già essiccata;

Sono state denunciate a piede libero altre 13 persone, di cui 8 già detenute a seguito dell’operazione “Nuovo Mandamento” e nei confronti delle quali il GIP, pur evidenziando la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza, non ha ritenuto esistenti le esigenze cautelari.

 

L’OPERAZIONE NUOVO MANDAMENTO

Le indagini condotte sul “Nuovo Mandamento” avevano consentito inizialmente di ridisegnare i confini del mandamento di San Giuseppe Jato, che rispetto al passato aveva assunto una conformazione parzialmente diversa ricomprendendo le famiglie mafiose di San Giuseppe Jato e San Cipirello, Camporeale, Piana degli Albanesi, Monreale, Montelepre e Giardinello. Veniva esclusa la famiglia mafiosa di Altofonte, che veniva lasciata alle dipendenze di un mandamento cittadino, Santa Maria di Gesù – Villagrazia.

Dopo il transito di alcune famiglie mafiose dal mandamento di Partinico a quello di San Giuseppe Jato si assisteva, a seguito della scarcerazione (5/11/2011) di SCIORTINO Antonino (cl.62, pluripregiudicato, celibe, allevatore, personaggio storicamente legato ai VITALE di Partinico e a RACCUGLIA Domenico), all’accorpamento dei due mandamenti e alla nascita del  “super-mandamento mafioso” di Camporeale, sotto l’egida dello stesso SCIORTINO.

Dal novembre 2011 al marzo 2012, l’intervento del nuovo capo del super-mandamento determinava l’inglobamento di Altofonte al super-mandamento, sottraendolo di fatto al mandamento di Santa Maria di Gesù – Villagrazia; a Monreale, la nomina di MADONIA Vincenzo a reggente della famiglia mafiosa al posto di DAMIANI Sergio, a favore del quale si registravano pressioni provenienti dal carcere da parte degli affiliati, dopo la destituzione dal ruolo di comando di BADAGLIACCA Antonio;

Si assisteva alla progressione di carriera di LIBRANTI LUCIDO Giuseppe, da capodecina del territorio di Pioppo a portavoce e vettore delle direttive di MULE’ Salvatore e SCIORTINO Antonino; a Montelepre, prima la conferma e poi la destituzione di LOMBARDO Giuseppe; la conferma di ABBATE Giuseppe a Giardinello, di MATRANGA Francesco a Piana degli Albanesi e di GIAMBRONE Antonio a Borgetto.

Nel corso delle indagini veniva inoltre individuata, in contrada Arcivocale di Monreale, fra i Comuni di San Cipirello e Corleone, una masseria indicata dagli indagati come “ sede centrale” del mandamento e dove, effettivamente, avvenivano la maggior parte degli incontri fra gli esponenti di cosa nostra per trattare qualsiasi tipo di argomento: dalla risoluzione di vicende private alla riorganizzazione dell’associazione mafiosa.

Nel periodo febbraio-marzo 2012, a conclusione della fase di riorganizzazione e stabilizzazione dei nuovi assetti di cosa nostra, le intercettazioni rilevavano come tale repentina e autorevole riorganizzazione del territorio non era passata indenne ed aveva generato l’insorgere di tensioni proprio nei territori di Altofonte e Monreale. A farne le spese BILLITERI Giuseppe, incensurato, venditore ambulante, zio di DAMIANI Sergio, uomo d’onore della famiglia mafiosa di Monreale, ucciso, con il metodo della “lupara bianca” il 22 marzo 2012.

 

IL FINANZIAMENTO CON LA DROGA

A cavallo dell’estate 2012, le indagini evidenziavano come una delle fonti di reddito dell’associazione mafiosa investigata fosse la coltivazione di canapa indiana, finalizzata alla produzione ed alla successiva immissione sul mercato di ingenti quantità di sostanza stupefacente del tipo marijuana, con il fine di provvedere al mantenimento dell’organizzazione criminale e, in particolare, al sostentamento delle spese per i detenuti.

Il monitoraggio degli indagati ha permesso di individuare tre piantagioni del citato stupefacente, tutte insistenti nell’area territoriale compresa tra San Giuseppe Jato e Camporeale, nonché di recuperare una grossa quantità di canapa indiana (circa 40 kg) già essiccata e pronta per essere posta in commercio, del valore commerciale al dettaglio di circa 200.000 €.   

Nello specifico, il gruppo criminale investigato ha provveduto, quale prima attività del disegno criminoso, alla creazione di una piantagione di grandi dimensioni in contrada Argivocalotto di Monreale, composta da oltre 6000 piante ed alla cui realizzazione hanno partecipato i maggiori esponenti delle famiglie mafiose. Successivamente, a causa del timore che la piantagione potesse essere individuata, provvedevano allo spostamento delle piante che costituivano la coltivazione e alla loro collocazione in altre più piccole, di più difficile individuazione per le forze dell’ordine e di più facile gestione per l’organizzazione. L’attività d’indagine ha consentito l’individuazione di due di queste piantagioni dalle dimensioni più contenute, una sequestrata il 4.8.2012,  in località Tagliavia (riconducibile direttamente al gruppo LO VOI – MULE’) ed una in contrada Monte Petroso, agro di Camporeale, di cui è stata documentata l’esistenza solo in un momento successivo alla sua distruzione (riconducibile al gruppo capeggiato da SCIORTINO Antonino).

La prosecuzione delle investigazioni si è rivelata nondimeno assai proficua e significativa per confermare l’unicità del disegno criminale dell’organizzazione e la riconducibilità ad essa della piantagione più grande di Argivocalotto.

Infatti, in data 26.09.2012 e 09.10.2012, il Nucleo Investigativo di Monreale individuava due grossi quantitativi di stupefacente già stoccati e pronti per l’immissione sul mercato, custoditi in luoghi ritenuti sicuri e tutti riconducibili a personaggi di spicco della consorteria criminale: la masseria di LO VOI Giuseppe e MULE’ Salvatore, già indicata dagli indagati quale “sede centrale” del mandamento mafioso, ed un fabbricato rurale ubicato sempre in contrada Arcivocale, a poche centinaia di metri dall’azienda di LO VOI Giuseppe e MULE’ Salvatore, roccaforte dell’organizzazione criminale.

 

LA PIANTAGIONE DI CONTRADA ARGIVOCALOTTO DI MONREALE

Nel mese di giugno 2012, venivano intercettate  alcune conversazioni ambientali dalle quali emergeva con chiarezza che gli indagati erano impegnati per la messa a dimora di numerose piante di cannabis indica in un fondo agricolo ubicato in contrada Arcivocalotto di Monreale, allo scopo di procedere alla loro illecita coltivazione. Il terreno, subito individuato, risultava di proprietà di una anziana signora, all’oscuro di tutto, e coltivato ad uliveto.

Ignari di essere intercettati, dopo aver trasportato le piantine di cannabis indica con il fuoristrada in uso a LO VOI Giuseppe ed altre autovetture, provvedevano al loro interramento ed alla creazione di un impianto di irrigazione collegato ad una vasca artificiale ubicata a poche centinaia di metri dalla coltivazione.

A causa del timore di essere scoperti, dopo circa tre giorni, la piantagione veniva smantellata e le piante sradicate e trasferite in altre località.

 

LA PIANTAGIONE DI CAMPOREALE

Le intercettazioni captate a bordo dell’autovettura in uso a LO CASCIO Francesco hanno permesso di svelare l’esistenza di una piantagione di “cannabis indica”, di circa un centinaio di piantine,  anche nel territorio di Camporeale ed esattamente in contrada Monte Petroso. Le indagini hanno accertato che la gestione di tale piantagione, trovata poi completamente distrutta all’inizio del luglio del 2012, era affidata a BATTAGLIA Giovanni.

 

LA PIANTAGIONE DI CONTRADA TAGLIAVIA

Agli inizi del mese di agosto 2012 i Carabinieri del Gruppo di Monreale provvedevano al sequestro di una piantagione di canapa indiana ubicata in c.da Tagliavia di Monreale, all’interno di un casolare abbandonato.

Nel corso delle operazioni, venivano tratte in arresto due persone e sequestrate 190 piante di cannabis indica. MULE’ Giuseppe, fratello del reggente del mandamento,  riusciva a sfuggire all’arresto, ma riconosciuto dai militari operanti, veniva successivamente denunciato in stato di libertà.

Le intercettazioni ambientali confermavano la volontà del gruppo criminale riconducibile a LO VOI Giuseppe e MULE’ Salvatore di suddividere  gli arbusti della piantagione di Argivocalotto tra i vari indagati, affinché questi creassero e gestissero delle coltivazioni più piccole e dunque di più difficile individuazione per le forze dell’ordine.

 

IL SEQUESTRO DELLO STUPEFACENTE IN CONTRADA ARCIVOCALE

Nella consapevolezza che l’avvicinarsi della fine della stagione estiva avrebbe reso ancora più arduo il rinvenimento di altre piantagioni di cannabis che sarebbero via via state dismesse per la raccolta dello stupefacente, veniva modificata la strategia investigativa, concentrandosi non più sulla ricerca degli arbusti ma sull’individuazione dei luoghi dove lo stupefacente, una volta raccolto, sarebbe stato collocato per l’essicazione, lo stoccaggio e la successiva immissione sul mercato.

L’attività investigativa portava all’arresto, in data 26.09.2012, di 8 persone in flagranza di reato  ed al sequestro di circa 14 kg di stupefacente, custodito presso la masseria in uso a LO VOI Giuseppe e MULE’ Salvatore, in contrada Arcivocale,“sede centrale” del mandamento mafioso, ed al rinvenimento e sequestro, in data 09.10.2012, sempre in contrada Arcivocale, a poche centinaia di metri dalla masseria di cui sopra, di altri 25 kg della stessa sostanza, all’interno di un altro fabbricato rurale.

 

GLI ARRESTATI

1.       BATTAGLIA Giovanni, nato ad Alcamo (TP) il 17.11.1984, residente a Camporeale (PA);

2.       DI MAGGIO Baldassarre, nato a Partinico (PA) il 24.6.1979, residente a San Giuseppe Jato (PA).

3.       FICARROTTA Pietro, nato a Platania (CZ) il 5.10.1968, residente a San Cipirello (PA);

4.       LIOTTA Raimondo, nato a Camporeale (PA) l’8.6.1966, ivi residente;

5.       LO VOI Salvatore, nato a Partinico (PA) il 17.9.1979 e residente a San Giuseppe Jato (PA);

6.       MULE’ Giuseppe, nato a San Cipirello (PA) il 30.12.1981, ivi residente;

7.       PARRINO Antonino, nato a Palermo il 15.7.1971, residente a San Giuseppe Jato (PA);

8.       PARRINO Rosario, nato a Partinico (PA) l’8.12.1983, residente a San Cipirello (PA);

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com