Oggi è 21/01/2018

Cronaca

Le “enne” piaghe di Monreale (prima di Monteirreale)

Oggi vi volevo parlare di una strana cosa che mi è accaduta. In una delle mie gite all’archivio di Monteirreale (per quello che è rimasto) ho trovato degli scritti, in parte bruciacchiati e con molte parti mancanti, che portavano traccia di una serie di disastri epocali avvenuti anni fa nella città che allora si chiamava, come è noto, Monreale.

Pubblicato il 8 settembre 2013

Le “enne” piaghe di Monreale (prima di Monteirreale)

Il documento, che definirei impressionante, parla di uno strano periodo passato in cui flagelli di ogni genere avevano martoriato la cittadinanza e il territorio tutto. Il documento, che si chiama “ le …..(enne)  piaghe di Monreale”  (quante esattamente non si riesce a leggere) descriveva con abbondanza di particolari, a volte sconcertanti, a volte terrificanti una serie di avvenimenti che paiono, a distanza di anni , in alcuni casi, ancora inspiegabili. Certo non erano paragonabili alle più famose piaghe  D’Egitto, pur tuttavia alcune mi hanno colpito e lasciato sicuramente più inquieto. Infatti, se per alcune esiste una qualche spiegazione scientifica, tuttavia per altre non si riuscì né si riesce ancora oggi a dare una spiegazione convincente. Comincerò con lo scrivere di alcune. Purtroppo le fonti sono così frammentate che non so darvi una cronologia esatta del succedersi delle piaghe anche perché pare che alcune si sommassero alle altre in contemporanea oppure come conseguenza o causa di altri flagelli.

La prima piaga (ovvero delle Buche Spontanee)

La prima piaga in cui ci si imbatte è quella detta “delle buche spontanee” conosciuta anche come “l’ epidemia del “ Morbo della buca pazza”. Una strana malattia che colpiva qualsiasi supporto orizzontale di qualsiasi materiale. Erano presenti infatti nelle strade, nei marciapiedi, nelle vie, nelle piazze, insomma un po’ dovunque.  Cominciavano quasi in sordina con un piccolo buco, di dimensioni variabili (come una moneta) e di forma sempre irregolare. Poi dopo un certo numero di mesi, peggio se alcuni anni, il piccolo buco iniziale cominciava ad allargarsi per finire, dopo un certo tempo, con l’assumere dimensioni spropositate e soprattutto profondità stupefacenti. La cosa strana era che più tempo passava più la buca diventava grande, fino a quando un altro piccolo buco spuntava vicino a quella che nel frattempo era diventata una voragine. E così anche il secondo buco seguiva esattamente lo sviluppo del primo e, dopo un certo tempo, diventava un’altra voragine che si fondeva con la prima.

Tutto il territorio di Monreale era infestato dal morbo della buca pazza che non risparmiava nessuna strada, neanche le secondarie,  pur essendo tutto sommato distanti dai primi focolai della malattia. La cosa strana è che più tempo passava più la cosa peggiorava. A niente erano valsi i tentativi di cercare di tappare un po’ qui un po’ là le buche: infatti appena tappate dopo qualche giorno o addirittura dopo qualche ora, specie se pioveva, le buche si riformavano misteriosamente ed in alcuni casi più grandi e pericolose di prima.

Furono interpellati specialisti stradologi e fossologi di chiara fama ed il verdetto, dopo un certo tempo, fu unanime: si trattava di un’epidemia di Asfaltobacillo Monrealensis. Curabile con una leggera cura a base di antibiotici locali e soprattutto con medicazioni frequenti e ben fatte. Fu necessario nei casi più gravi rifare completamente il manto stradale. Per i marciapiedi infettati invece da una variante del già citato infernale bacillo che attaccava anche il cemento si propose più semplicemente di riparare le buche ed eventualmente rifare completamente il massetto.

Una cosa che gli esperti consigliarono fu di intervenire periodicamente e tempestivamente. Infatti pronosticarono che il malanno non sarebbe passato in maniera definitiva (le recidive erano sempre possibili) e più tempo si fosse impiegato nel porvi rimedio più le cose sarebbero potute peggiorare ed il contagio allargarsi. Parole sante! Pare infatti che in quel tempo la totalità delle strade della cittadina sembravano perse ormai definitivamente.

Ma, a distanza di anni, il ceppo originario, trasformato geneticamente dagli esperti scienziati di Monteirreale, serve ora a curare il Morbo della Buca Pazza. Basta infatti inocularlo tempestivamente nelle prime avvisaglie di buco o di piccola fessura e l’invisibile organismo non solo ferma il danno ma ripara perfettamente persino il manto stradale o il marciapiede, senza controindicazione alcuna.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Spezia Vs Palermo: 0-0 

    Cronaca

    Palermo, 21 gennaio 2018 - Il mister Tedino temeva la sosta per un eventuale calo di tensione che lui aveva accuratamente creato come una corda di violino. Ma la gara ha dimostrato che il Palermo c’era e ha trovato uno Spezia che ha costruito la salvezza proprio in casa con un ott..

    Continua a Leggere

  • Operazione antimafia, arrestato Giuseppe Biondino, il figlio dell’autista di Totò Riina

    Cronaca

    [gallery ids="49673,49674,49675,49676,49677"] Palermo, 21 gennaio 2018 - Nuova operazione antimafia nel mandamento di San Lorenzo. La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fugg..

    Continua a Leggere

  • Un albero per ogni nuovo nascituro. A Monreale piantumato solo il 5% di piante rispetto a quanto previsto dalla legge

    Cronaca

    Monreale, 21 gennaio 2018 - Quante volte passeggiando per le strade ci siamo chiesti quanto sarebbe bella e accogliente un’area se solo fosse più verde? E quante altre dopo gli incendi devastanti abbiamo pensato al danno provocato e alle ricadute sull’ambiente? E pensare che og..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a Palermo, giovane si lancia dal ponte Oreto: intervengono i vigili del fuoco

    Cronaca

    Palermo, 21 gennaio 2018 - Un giovane si è lanciato ieri sera dal ponte di via Oreto. Un ponte già tristemente noto per fatti del genere. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti di polizia. Al momento non si conoscono le generalità del giovane che è finito contro il cemen..

    Continua a Leggere

  • Palermo, in sostegno di Biagio Conte una delegazione belga

    Cronaca

    Palermo, 20 gennaio 2018 - In mattinata una delegazione Belga ha portato la ..


  • Bimbo folgorato a Palermo: restano gravi le sue condizioni

    Cronaca

    Palermo, 20 gennaio 2018 - Prognosi riservata per il bimbo di sette anni che ieri pomeriggio è rimasto ustionato al volto e alle mani da una scarica elettrica in via Gaspare Palermo. Il piccolo, secondo una prima ricostruzione per gioco avrebbe aperto una cassetta dell’Enel e giocando con un..

    Continua a Leggere

  • Partinico, nel bene confiscato a Cosa nostra sorge la nuova guardia medica

    Cronaca

    Partinico, 20 gennaio 2018 - «Un bene confiscato alla mafia  diventa un punto di riferimento per l’intera comunità che potrà usufruire di prestazioni mediche in locali efficienti e funzionali. Siamo orgogliosi di potere consegnare ai cittadini di Partinico una struttura che assume anche il..

    Continua a Leggere

  • Rientra (per ora) l’emergenza. I rifiuti trasportati a Lentini a 230 km da Monreale

    Cronaca

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Rientra, almeno per ora, l’emergenza rifiuti nei 50 comuni interessati dalla chiusura di Bellolampo, tra cui Monreale, Altofonte, San Giuseppe Jato, San Cipirello, Corleone. Gli autocompattatori erano stati dirottati fino allo scorso 18 gennaio a Motta Sant’Anastasia,..

    Continua a Leggere

  • Elezioni politiche, gli attivisti M5s incontrano i cittadini. Gli appuntamenti

    Cronaca

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Le elezioni politiche 2018 si avvicinano, la campagna elettorale è cominciata e sarà al centro dell'attenzione per due mesi.  Gli attivisti del Movimento 5 Stelle,  per pubblicizzare e diffondere i punti salienti del programma di lavoro che il Movimento si ..

    Continua a Leggere

  • «Pronti a occupare l’assessorato ai Rifiuti», sit-in dei sindaci a Palazzo d’Orleans

    Cronaca

    Palermo, 19 gennaio 2018 - «Diteci dove dobbiamo andare a gettare i rifiuti dei nostri comuni». Questo pomeriggio si è svolto il sit-in di una nutrita delegazione di sindaci dei comuni esclusi dal conferimento dei rifiuti a Bellolampo. Ieri è arrivato anche lo stop anche dalla discarica Oikos di..

    Continua a Leggere

  • Terreni da coltivare per i giovani. Un’opportunità di fare impresa per chi ha voglia di “sporcarsi le mani”

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Terreni incolti ai giovani grazie alla Banca della Terra, un’opportunità di fare impresa per tutti quei giovani di età compresa tra i 18 e i 40 che hanno voglia di “sporcarsi le mani”. L'iniziativa è gestita dall’ISMEA, entro il 3 feb..

    Continua a Leggere

  • Picco influenza 2018, arriva un virus poco atteso. Mezzo milione di siciliani a letto entro fine mese

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Saranno almeno mezzo milione i siciliani che fra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio dovranno fare i conti con l'influenza stagionale. Le varie forme influenzali ivi comprese quelle meno aggressive colpiranno quasi metà della popolazione isolana. Le statistich..

    Continua a Leggere

  • Maxi sequestro di droga a Carini, 1500 chili di hashish e cocaina VIDEO

    Cronaca

    Carini, 19 gennaio 2018 - La Polizia di Stato ha sequestrato un ingentissimo carico di droga ed arrestato tre soggetti, un campano e due residenti a Carini. Gli Agenti della Squadra Mobile di Palermo, ieri sera, hanno bloccato, mentre accedeva nell’area ..

    Continua a Leggere

  • MONREALEXIT, la giunta di San Giuseppe Jato e Comitato insieme per il riordino dei confini

    Cronaca

    San Giuseppe Jato, 19 gennaio 2018 - Sono 160 i cittadini monrealesi che vogliono diventare jatini: «Vogliamo pagare le tasse a San giuseppe Jato». Intanto l'amministrazione jatina e il comitato per il riordino uniscono le forze. «Disponibilità da parte di tutti gli interessati nel processo di r..

    Continua a Leggere

  • Monreale. A giorni la firma del contratto per i 9 ausiliari del traffico in attesa dal 2 gennaio

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Potrebbe finire a breve l’attesa per i 9 lavoratori della ACS  (Automobile Club Servizi s.r.l.) di Palermo, il cui contratto di lavoro è scaduto il 31 dicembre, e che attendono la definizione di alcuni aspetti burocratici per firmare il nuovo cont..

    Continua a Leggere

  • Monreale, domani Ted Formazione a Casa Cultura presenta le opportunità per chi termina la terza media

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Ted, la scuola dei mestieri, presenta ai monrealesi i propri corsi di formazione professionale che saranno attivati anche per il prossimo anno scolastico a Monreale e presso le altre sedi della provincia di Palermo di Carini, Corleone, Misilmeri, Belmonte Mezzagno e Paler..

    Continua a Leggere

  • I carabinieri ispezionano numerose aziende, 39 irregolari e 119 lavoratori in nero

    Cronaca

    Palermo, 19 gennaio 2018 - Il nucleo operativo del gruppo carabinieri per la tutela del lavoro ed i nuclei carabinieri ispettorato del lavoro, hanno effettuato, su tutto il territorio siciliano, una serie di ispezioni nei confronti di aziende edili, a..

    Continua a Leggere

  • Circolare da soli su strada. Al P. Novelli simulato un percorso stradale con segnaletica, strisce pedonali, limiti e divieti

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2018 - La strada è di tutti… è il luogo dove convergono le vite, le esperienze, i bisogni e le necessità di ogni individuo. Lo "strumento prioritario" che ci permette di muoverci, di scoprire il mondo, di incontrarci, di intrecciare il cammino tra simili. R..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale